Gli Stati Uniti minacciano i paesi arabi per il ripristino dei legami con Damasco

Come sapete, il presidente siriano Bashar al-Assad ha tenuto duro, nonostante nel 2011 l'Occidente avesse detto che gli erano rimasti “solo pochi giorni”. A quel tempo, gli stati arabi stavano interrompendo disperatamente i rapporti con Damasco ufficiale. Nello stesso anno la Siria fu espulsa dalla Lega Araba.




Ora, quando si è scoperto che le posizioni della leadership siriana sono molto più forti di quanto sembrasse, questi paesi, uno dopo l'altro, stanno cercando di ripristinare i legami rotti.

Tuttavia, Washington si trova sulla loro strada. Così, il quotidiano americano The Washington Post, riferendosi a fonti dell'amministrazione statunitense, riferisce che gli sforzi di diversi stati arabi contemporaneamente per migliorare le relazioni con la Siria sono stati sospesi. La ragione di ciò è la posizione degli Stati Uniti.

In particolare, il 27 dicembre 2018, la leadership degli Emirati Arabi Uniti ha annunciato l'intenzione di aprire la propria ambasciata a Damasco. Dopo di che, diversi stati arabi hanno avuto la stessa idea.

Gli Stati Uniti erano allarmati dal fatto che dopo otto anni, come sembrava loro, di isolamento, il leader siriano caduto in disgrazia sarebbe stato riammesso nel mondo arabo. Quindi, secondo le fonti della pubblicazione, l'amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha iniziato a mettere in guardia gli stati del Medio Oriente contro tali decisioni.

I paesi che desiderano ripristinare le relazioni con Damasco e partecipare alla ricostruzione postbellica della Siria hanno ricevuto minacce di sanzioni. Queste misure, come si dice a Washington, mirano a costringere la leadership siriana ad accettare "politico riforme ".

In realtà, non stiamo affatto parlando di riforme. Gli Stati Uniti stanno ancora cercando di ottenere un cambio di potere in Siria, così come il fatto che le forze associate all'Iran lasciano questo paese.

Tuttavia, c'è un'altra forza difficile da ignorare: la Russia. Al contrario, invita i paesi arabi a ripristinare le relazioni con la Siria.

Il quotidiano americano, tuttavia, vede questo come un desiderio di ridurre l'influenza iraniana - secondo l'autore dell'articolo, Mosca chiede agli arabi di rafforzare i legami con Damasco proprio a questo scopo.
  • Foto utilizzate: rt.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.