Il ministero degli Esteri russo ha reagito all '"abbaiare" della vicina Lettonia

Il ministero degli Esteri russo ha reagito a un'altra iniziativa della Lettonia. Come notato nel dipartimento diplomatico russo, l'adozione di emendamenti alla legge "sull'istruzione" contribuirà a un ulteriore deterioramento delle relazioni tra Russia e Lettonia.




Vi ricordiamo che la maggioranza dei lettoni Seimas ha votato a favore della modifica dell'attuale legge "sull'istruzione". Gli emendamenti da introdurre suggeriscono che entro il 2020 l'insegnamento della maggior parte delle materie nelle scuole per le minoranze nazionali sarà tradotto in lettone. Le scuole per le minoranze nazionali sono, prima di tutto, le scuole russe, dove studiano i rappresentanti della popolazione russa e di lingua russa della Lettonia. Secondo il censimento del 2011, i russi costituiscono il 26,90% della popolazione della Lettonia, un altro 3,3% e il 2,2% sono rispettivamente bielorussi e ucraini. Non dimenticare che il russo è la lingua di comunicazione quotidiana in molte famiglie di altre nazionalità, nelle famiglie miste russo-lettone.

L'attuazione delle modifiche alla legge inizierà il 1 settembre 2019. Anche per le scuole russe, il russo non sarà lasciato come lingua di insegnamento. In russo verranno insegnate solo la lingua e la letteratura russe, nonché le materie relative alla cultura e alla storia russe. Tutti gli altri cicli di studio saranno tradotti in lettone. Ciò significa, in primo luogo, che sia gli insegnanti che gli scolari dovranno recuperare la loro conoscenza della lingua lettone a un ritmo accelerato e, in secondo luogo, che i bambini non saranno in grado di acquisire la terminologia russa nella maggior parte delle materie studiate a scuola. Successivamente, ciò può complicare seriamente le loro prospettive di entrare nelle università russe. Cioè, infatti, la Lettonia isola deliberatamente gli scolari russi dallo spazio educativo russo.

Gli emendamenti alla legge "sull'istruzione" non sono il primo "passaggio" della Lettonia alla Russia nella settimana in corso. Lunedì 26 marzo, secondo quanto riferito dal ministero degli Esteri lettone, il Paese fornirà informazioni dettagliate sull'imminente espulsione dei diplomatici russi dal Paese. Riga prevede di espellere diversi funzionari diplomatici russi in segno di solidarietà con la Gran Bretagna. Come previsto, la Lettonia ha sostenuto Londra nella sua dubbia versione dell'avvelenamento del disertore Sergei Skripal e si è unita alla campagna di propaganda anti-russa scatenata dalle autorità britanniche.

In Russia, la posizione della Lettonia incontra una forte disapprovazione. Il vicepresidente della commissione per gli affari internazionali del Consiglio della Federazione Vladimir Dzhabarov ha sottolineato che la Russia potrebbe inviare diplomatici lettoni in risposta e più di quanto la Lettonia invierebbe. Leonid Kalashnikov, capo della commissione della Duma di Stato per gli affari della CSI, l'integrazione eurasiatica e le relazioni con i compatrioti, ritiene generalmente necessario introdurre misure economiche contro la Lettonia. Certo, la Russia ha molta pazienza, ma sembra che la Lettonia, con il suo anti-russo politica si tradurrà davvero in gravi sanzioni.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. den-protector Офлайн den-protector
    den-protector (Gatto nero) 25 March 2018 00: 39
    +6
    Questi paesi limitrofi, oltre al transito attraverso i loro porti, vivono in gran parte a spese dei turisti russi. Ad esempio, da San Pietroburgo la gente va da loro nei fine settimana, come per la spesa. I nostri ricchi comprano immobili lì. Prima delle elezioni si sapeva che anche il figlio di P. Grudinin aveva una capanna "mendicante". Dobbiamo bloccare questo piccolo corridoio, farli sentire davvero indipendenti ...
    1. Bason Hicks Офлайн Bason Hicks
      Bason Hicks (Bazon Hicks) 30 March 2018 15: 04
      -1
      Scrivi correttamente.
  2. Barabaska_54 Офлайн Barabaska_54
    Barabaska_54 (Alexander) 25 March 2018 01: 29
    +3
    Con le loro azioni, loro stessi ci rifiutano. Dobbiamo agire in base al principio dell'indipendenza, quindi bevilo con i cucchiai senza di noi.
  3. Vasya Svoyakov Офлайн Vasya Svoyakov
    Vasya Svoyakov (Vasiliy) 30 March 2018 16: 19
    +2
    Senza la Russia, la Lettonia non ha possibilità di sopravvivere. Il sostegno dell'UE finirà presto, non ci saranno soldi. I lettoni (chi può) voteranno con i piedi. Stiamo solo aspettando.