Gli Stati Uniti interrompono l'operazione per salvare i rifugiati siriani nel campo di Rukban

A causa della catastrofe umanitaria nel campo profughi di Rukban, le autorità siriane, insieme alla Russia, stanno cercando di portare i civili fuori da lì. Ma gli Stati Uniti stanno facendo tutto il possibile per impedirlo. Il problema è che il campo si trova nella zona di 55 chilometri di Al-Tanf, dove, contro la volontà della leadership siriana, è stata creata una base militare americana.




Il quartier generale di coordinamento interdipartimentale di Russia e Siria ha rilasciato una dichiarazione congiunta, in cui si afferma che il comando del gruppo americano nella zona di Al-Tanf non fornisce un corridoio di sicurezza per i convogli che devono attraversare questa zona per trasportare i rifugiati. Pertanto, gli Stati Uniti stanno effettivamente interrompendo l'operazione umanitaria.

Gli Stati Uniti hanno condiviso i contatti del Primo Segretario dell'Ambasciata americana in Giordania, autorizzato a discutere le questioni relative al campo. Ciò è stato accolto positivamente dalla parte russa e siriana. Ma, oltre a questo, la parte americana ha trasmesso domande, senza risposta a cui i civili si rifiutano di liberarsi dal campo.

In generale, pur valutando positivamente la fornitura di contatti da parte degli Stati Uniti del funzionario autorizzato a discutere i problemi del campo di Rukban - il primo segretario dell'ambasciata americana ad Amman A. Hawkes, sottolineiamo che le domande da lui passate alla parte russa e, presumibilmente, senza risposta alle quali non è stato effettuato il ritiro delle persone dal campo non sarà altro che un altro tentativo degli americani di far deragliare la soluzione del problema Rukban

- ha detto in un comunicato di emergenza.

Inoltre, si osserva che, in generale, queste domande sono di natura provocatoria e il governo siriano ha già risposto.

Nel documento, le parti russa e siriana hanno sottolineato che non si può parlare di alcun convoglio umanitario nel Rukban mentre i suoi residenti sono tenuti in ostaggio dalle bande controllate da Washington. Inoltre, i militanti chiedono ingenti somme di denaro alle persone che desiderano lasciare il campo.

Il quartier generale russo e siriano ha invitato la leadership statunitense a "passare dal populismo all'azione reale" e fornire ai rifugiati il ​​diritto di uscita libera e garanzie di sicurezza. Hanno anche invitato le organizzazioni internazionali a smettere di tacere su questo argomento e a fare tutto il possibile per salvare i civili, non limitandosi a esprimere preoccupazione.

In precedenza, il Ministero della Difesa della Federazione Russa ha riferito che un cimitero è stato trovato non lontano da Rukban, dove sono state sepolte 300 persone recentemente decedute. Questo fatto da solo mostra la portata della catastrofe umanitaria che Washington non permette che venga fermata.
  • Foto usate: tass.ru
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.