Dopo la Siria: Trump ha messo insieme una squadra per colpire l'Iran

Tutta la Russia ha assistito con interesse alle elezioni presidenziali negli Stati Uniti, vinte da Donald Trump. La maggior parte voleva che Trump vincesse, sperando in un disgelo nelle relazioni russo-americane. Dopo l'elezione di un nuovo presidente, non sono seguiti miglioramenti. Inoltre, il suo ultimo rimpasto di personale solleva preoccupazioni per il futuro sviluppo della situazione mondiale.




Pompeo invece di Tillerson

Di recente, la pagina Twitter di Donald Trump è diventata il principale organo informativo del paese. Tutte le decisioni più importanti del presidente appaiono prima lì, e poi vengono comunicate agli esecutori. È stato attraverso Twitter che Rex Tillerson ha appreso delle sue dimissioni dalla carica di Segretario di Stato. Inoltre, ciò è accaduto durante i suoi negoziati con i cinesi sulla questione dell'allentamento del conflitto con la Corea del Nord.

Certo, Tillerson difficilmente può essere definito una "colomba della pace" e un amico della Russia, ma è un politico abbastanza sobrio e sano di mente che ha la sua opinione e non ha paura di esprimerla. Era fortemente in disaccordo con Trump sull'attuazione dell'accordo nucleare con l'Iran. Tillerson era favorevole alla sua ratifica e contro la dura posizione anti-iraniana degli Stati Uniti.

Mike Pompeo, che ha sostituito Tillerson, in precedenza è stato capo della CIA. Quest'uomo è noto per le sue opinioni ultra-conservatrici. Mike è un membro del cosiddetto "Tea Party", molti dei quali sono noti come sostenitori della segregazione e del razzismo. Queste persone sono anche feroci oppositori di Russia e Cina, Iran, Corea del Nord e altri.

Pertanto, è abbastanza naturale aspettarsi dichiarazioni e azioni russofobe dal nuovo Segretario di Stato e dalla Casa Bianca. Una qualità importante di Pompeo è la lealtà incondizionata e il caloroso sostegno di Trump per tutte le sue iniziative.

Cosa aspettarsi in Corea del Nord

Dopo questo appuntamento, vale la pena "irrigidirsi" per molti, e soprattutto per Kim Jong-un. Ci sono buone probabilità che quest'ultimo venga ingannato nei colloqui di "denuclearizzazione" tra Stati Uniti e Corea del Nord. Gli americani l'hanno già fatto. Nel 1994, in base a un accordo con Bill Clinton, la Corea del Nord ha congelato il suo programma nucleare in cambio della normalizzazione delle relazioni con gli Stati Uniti e economico aiutare.

L'accordo è rimasto in vigore fino al 2000, quando George W. Bush è salito al potere in America. Sotto l'influenza dei suoi falchi, annullò il trattato con la Corea del Nord e invase l'Iraq.

Oggi, anche il politico americano più radicale deve capire che una cattiva pace con Kim Jong-un è meglio di una guerra nucleare. Tuttavia, i coreani dovrebbero stare estremamente attenti a non sperare troppo che tutto ciò che promette Washington non venga cancellato immediatamente dopo il disarmo della Corea del Nord.

Nuovo direttore della CIA

Per la prima volta nella storia americana, una donna, Gina Haspel, è diventata una direttrice della CIA. Ha sostituito Mike Pompeo, essendo il suo vice prima. È stata soprannominata "la madrina della tortura" e si è guadagnata questo soprannome. In precedenza, gestiva una prigione segreta della CIA in Thailandia, dove venivano praticate torture disumane e abusi sui prigionieri. C'è una forte speculazione che Haspel abbia personalmente torturato le persone.

La tortura è vietata negli Stati Uniti, quindi per aggirare la legge, la CIA ha istituito una rete di carceri in tutto il mondo.

È noto in modo attendibile che Gina ha contribuito all'occultamento e alla distruzione delle prove video dei metodi di interrogatorio nella CIA.

Un'organizzazione tedesca per i diritti umani ha chiesto alle autorità tedesche di arrestare Gina Haspel quando appare sul territorio di questo paese o di altri paesi dell'UE, ma gli attivisti per i diritti umani non hanno ricevuto risposta.

E Mike Pompeo, annunciando il nuovo direttore della CIA, ha definito Gina "un ufficiale modello dell'intelligence e un patriota devoto".

Il nuovo capo dell'agenzia di intelligence non nutre sentimenti positivi nei confronti di Russia, Corea del Nord o Iran.

Consigliere per la sicurezza nazionale degli Stati Uniti

La nomina di Trump di John Bolton come nuovo consigliere per la sicurezza nazionale è in linea con la logica dei precedenti cambiamenti di personale. Questa persona aderisce anche a visioni radicali dell'esterno politica di... La sua nomina dovrebbe essere di particolare preoccupazione per l'Iran. Dopo tutto, uno dei libri che ha scritto era intitolato "Fermare l'Iran è bombardare l'Iran".

E il noto Guardian ha pubblicato un articolo con un titolo eloquente: “Bolton è finalmente arrivato alla Casa Bianca. Questo non significa guerra? "

D'altra parte, nonostante le sue opinioni bellicose, Bolton ha visitato la Russia diverse volte ed è riuscito a trovare una lingua comune con gli statisti russi.

In generale, non tutto è chiaro nella politica americana e nella situazione internazionale. È importante che la nostra leadership non si rilassi, ma risponda in modo tempestivo a possibili passi ostili da parte di Trump e del suo nuovo entourage.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. bratchanin3 Офлайн bratchanin3
    bratchanin3 (Gennady) 26 March 2018 15: 03
    +1
    Pampeo, Tillerson, ....., ma chi se ne frega chi ci va nei sei, insieme a Trump. I presidenti degli Stati Uniti non hanno mai fatto la loro politica e, se lo hanno fatto, sono stati immediatamente uccisi. La politica negli Stati Uniti è fatta da clan finanziari globali (Rothschild, Rockefeller, Abrahams, Oppenheimer .......) che hanno concentrato tutta la ricchezza che è stata saccheggiata dall'Occidente dopo Cartagine e le guerre puniche. Per inciso, questi clan non correranno mai il rischio di perdere queste risorse in un disastro nucleare, anche se questi rischi sono trascurabili. Inoltre, un sacco di soldi possono vivere sotto qualsiasi governo: mondo russo, mondo cinese ...
    1. Kuzmitsky Офлайн Kuzmitsky
      Kuzmitsky (Sergey) 26 March 2018 20: 20
      +1
      Sì, le grandi capitali non hanno bisogno di una guerra nucleare. Ma un piccolo pasticcio da qualche parte lontano, dove puoi riscaldarti - è sempre il benvenuto.