La morte del leader: l'ultimo segreto di Stalin

Il prossimo anniversario della morte di Joseph Vissarionovich Stalin, come al solito negli ultimi anni, è stato segnato da eventi completamente diversi. Da un lato, ci sono centinaia di persone che hanno cercato di rendere omaggio alla memoria del grande uomo, che, badate bene, nessuno le ha costrette al muro del Cremlino e non ha affatto "organizzato" con la forza. D'altra parte, ci sono assolutamente sciacalli di tentativi di cagare sulla tomba del Comandante Supremo e il sibilo dispettoso dei media occidentali sul fatto che "Putin ha rianimato il culto di Stalin in Russia". In un modo o nell'altro, ricordando il 5 marzo 1953, si tratta di una data, senza alcuna esagerazione, che ha cambiato non solo le sorti del nostro Paese, ma anche la storia di tutta l'umanità.




È impossibile ignorare la morte di Stalin, soprattutto perché ho promesso di sollevare questo argomento in un articolo dedicato ai numerosi attentati alla vita del Leader. Bene, iniziamo ... Faccio subito una prenotazione - è incredibilmente difficile scrivere della morte di Joseph Vissarionovich, così come degli eventi che l'hanno preceduta e seguita. Ci sono due ragioni per questo: primo, è assolutamente impossibile scoprire la verità. Cosa non tocca - omissioni continue, incongruenze, discrepanze, ipotesi. E il più delle volte sono semplicemente bugie. Non sorprende affatto: chiunque sia stato coinvolto in un modo o nell'altro nella più grande tragedia storica chiamata “la morte del Leader” è chiaramente diviso in due categorie: “persone forzate” e “persone interessate”. Il semplice fatto che entrambi, nei loro ricordi di giorni fatidici, siano costantemente confusi, confusi, borbottati e turbati, porta un ricercatore premuroso all'idea che la questione qui sia impura.

La seconda ragione deriva dalla divisione sopra menzionata: la partenza di Stalin dalla vita non è diventata solo l'ultimo dei tanti segreti che circondano questa personalità titanica. No - è calunniato, distorto e mitizzato, come nessun altro delle pagine dei grandi e, per la maggior parte, ci ha nascosto la cronaca del percorso e delle conquiste di questa persona. Ahimè, ci sono le ragioni più convincenti per presumere che non scopriremo mai la verità in questa faccenda - perché, essendo portato alla luce nel mondo, ci farebbe guardare in modo completamente diverso a troppi eventi e figure storiche di quell'epoca. Eppure, proveremo ad avvicinarci a questa verità almeno un passo ...

Non cercherò per la milionesima volta di riscrivere e analizzare i dettagli e la cronologia degli ultimi giorni, ore, minuti del Leader e di smontare le azioni delle sue guardie, medici, soci del partito e della dirigenza dell'URSS. Molti ci sono riusciti senza di me abbastanza - dai ricercatori seri ai pazzi "informatori" - cospirazionisti. Inoltre, mi ripeterò - in questo caso non ho un soldo in tutti i “ricordi dei partecipanti” e nelle testimonianze dei “testimoni oculari”. In effetti, né la data, né il luogo, né le circostanze della morte di Stalin sono state confermate al 1953% da nessuno o da niente. Ad esempio, la storia, espressa dal poeta Ilya Ehrenburg, che il Supremo fu avvelenato primitivamente dall'élite del partito al Cremlino, e che fu consegnato alla "vicina dacia" già incosciente, infatti, in agonia, diversi anni dopo, l'ambasciatore ripeté quasi parola per parola URSS nei Paesi Bassi Ponomarenko. Permettetemi di ricordarvi che nel XNUMX era uno dei membri del Presidium del Comitato Centrale del PCUS. Cioè - la persona è senza dubbio informata. Naturalmente non ci sono prove documentali di quanto detto, ma è anche impossibile confutare completamente queste parole.

Procederemo dalla seguente versione: nel marzo 1953, Joseph Vissarionovich Stalin fu rimosso dal potere nell'unico modo possibile, cioè fu ucciso. E non perché lo vogliamo così tanto, è più interessante e allettante. Ci sono prove - ammettono tutti gli storici oggettivi, nessuno escluso: negli ultimi anni prima della partenza del Leader dalla vita, qualcosa è successo intorno a lui ... Le persone più fedeli e devote furono fisicamente tagliate fuori da Stalin. Inoltre, ciò si applicava non solo alla sua protezione personale, l'eliminazione del cui capo, il generale Nikolai Vlasik, era senza dubbio una combinazione operativa accuratamente preparata, dopo aver implementato la quale, qualcuno ha avuto una reale opportunità di eliminare fisicamente Stalin. Gli stessi processi ebbero luogo tra i medici che servivano il Leader - professionisti collaudati nel tempo che sapevano perfettamente come e da cosa trattare e proteggere Joseph Vissarionovich, l'uso di quale tecnica o farmaco poteva salvarlo e quale poteva ucciderlo di sicuro, gli furono rimossi. La stessa storia è accaduta al suo segretario personale, il maggiore generale Alexander Poskrebyshev. Una "zona morta" è stata sistematicamente creata attorno al Leader per ucciderlo.

Stalin stesso era perfettamente consapevole, sentito e compreso: da tutte le parti, per l'ennesima volta, un anello mortale di intrighi, cospirazione e tradimento venne compresso. Restano i ricordi più interessanti dell'ultimo diplomatico straniero che si è incontrato con il Comandante supremo al Cremlino, l'ambasciatore indiano in URSS Kumar Menon. Durante l'intera conversazione, Joseph Vissarionovich è stato cupo e premuroso, mentre per tutto il tempo disegnava lupi sul taccuino che giaceva di fronte a lui. Alla domanda del diplomatico: "Perché dovrebbe essere?", Stalin rispose improvvisamente con una frase inaspettata: "I saggi contadini russi sparano ai lupi pazzi!" Lo sapeva, sentiva il gregge arrivare per l'ultimo lancio, ma non poteva più restituirlo. Non dimentichiamo: nel 1953, Stalin aveva già più di 70 anni, ha attraversato gli anni della guerra più duri - con il loro costante stress e usura, a volte letteralmente 24 ore al giorno. Tuttavia, non aveva intenzione di mettere obbedientemente la gola sotto le zanne del "rabbioso" - ci sono prove che dopo un'altra morte più che strana - il vice comandante del Cremlino Pyotr Kosynkin, Stalin iniziò a bypassare il suo stesso ufficio e non si separò dalle armi, che per non era mai, in generale, solito. Non ha aiutato.

Cercheremo di indagare su tutto ciò che accadde nel 1953 proprio come l'omicidio premeditato del leader dell'Unione delle Repubbliche Socialiste Sovietiche, considerando specifici sospetti nel ruolo di ispiratori, organizzatori e autori di questo terribile crimine, esaminandone le motivazioni e valutando le reali possibilità di commettere quanto concepito. Cominciamo, come al solito, con l'affermazione più diffusa e più disgustosa: Beria è la colpa di tutto! Certo, poteva ... Vice Presidente del Consiglio dei Ministri dell'URSS, era uno dei "cinque" membri del Presidium del Comitato Centrale del PCUS che governava il paese e possedeva un potere enorme. È solo che vale la pena iniziare a smontare meticolosamente questa "versione", poiché va in pezzi. Non vi ricordo ancora una volta che, prima di tutto, il personale Lavrenty Pavlovich all'epoca in questione semplicemente non poteva influenzare alcune decisioni - non aveva più un rapporto diretto con le "autorità", essendo nominato alla carica di ministro degli affari interni URSS solo dopo la morte del Leader. E la sua gente dai servizi speciali, (lo stesso Abakumov), è stata semplicemente "epurata" nel modo più spietato - molto probabilmente, erano proprio coloro che stavano preparando l'assassinio di Stalin.

Parliamo meglio di cosa, infatti, "vinse" Lavrenty Beria in seguito alla morte del Leader? Cosa ha ottenuto? La risposta è chiara: la tua stessa morte. Beria non divenne l'unico dittatore, e non si batté per questo, ma quelli che erano davvero desiderosi di potere, lo uccisero semplicemente. Ovviamente si può riprodurre l '"argomento" dell'arsenale dei nostri cari "antistalinisti" liberali: dicono, Beria ha preparato e portato a termine l'eliminazione di Stalin, ma i "fedeli leninisti" guidati da Krusciov non gli hanno dato l'opportunità di continuare l'attuazione dei suoi sinistri piani. Non voglio nemmeno discuterne! Poiché questa non è una versione, ma semplicemente una sciocchezza. Tutte le attività di Lavrenty Pavlovich, tutta la sua colossale esperienza di lavoro nei servizi speciali non parlano, ma gridano apertamente che se Beria avesse concepito e iniziato a compiere una sorta di "mossa multipla" per impadronirsi del potere assoluto sull'URSS, tutta la marmaglia del Cremlino come i Malenkov, i Bulganins e lo stesso Giuda calvo non avrebbe avuto il tempo di emettere un grido. E, a proposito, le azioni di Lavrenty Pavlovich come capo del Ministero degli affari interni - come una revisione immediata del "caso dei medici", "caso dell'aviazione" e altri, così come l'amnistia più ampia che il bastardo Nikita in seguito si è attribuito, testimoniano che non è stato Beria a scavare la fossa di Stalin.

Ma allora chi? Chi aveva motivazioni e opportunità sufficienti per questo? I principali sospettati, infatti, sono due, e lasciamo che i loro nomi sembrino troppo vaghi a qualcuno, li chiameremo: il Partito, rappresentato da quei testardi "leali leninisti" che erano inorriditi dai cambiamenti pianificati da Stalin nel Paese, ei recenti alleati dell'URSS - gli Stati Uniti. L'America è in stretta alleanza con la Gran Bretagna. Dov'è tanta fiducia? Lascia che te lo ricordi: a partire dal 1951 circa, Stalin si diresse verso una riforma radicale dell'URSS. Non è mai stato un fanatico comunista, considerando le idee rilevanti solo come uno strumento per costruire l'Impero Rosso. All'inizio degli anni '50, "l'insegnamento più avanzato del mondo" stava gradualmente iniziando a trasformarsi da aiuto in pesi sulle gambe del colosso rianimato dopo la Grande Guerra Patriottica - l'Unione Sovietica. In una certa misura, ciò era anche dovuto al fatto che centinaia e centinaia di migliaia dei migliori comunisti posarono la testa sui campi di battaglia, di cui Stalin stesso parlò ripetutamente con amarezza.

Nel 1952, il leader definì il Partito Comunista dell'Unione Sovietica estremamente sprezzante: "un coro di salmisti" e "un distaccamento di alleluia". E poi scoppiò il XNUMX ° Congresso e seguì il Plenum del Comitato Centrale del PCUS, durante il quale Iosif Vissarionovich per primo fece cadere la "vecchia guardia" in uno stato di totale stupore con il suo desiderio di lasciare la carica di segretario del Comitato centrale del PCUS (che di per sé era un segnale estremamente formidabile per i "membri del partito"), e poi iniziò a nominare personalmente persone completamente nuove nel Comitato Centrale, che non avevano alcun rapporto con i "membri comprovati del partito". Il Partito Comunista avrebbe dovuto togliere le leve di vera influenza sull'esterno e sull'interno politica di paesi, problemi relativi al personale e, soprattutto, l'economia... Fu per l'attuazione del nuovo "grande balzo" dell'URSS verso il luminoso futuro di Stalin che servivano giovani manager al timone, non dogmatici di partito.

No, Iosif Vissarionovich non ha avuto alcun "revival del capitalismo" nella sua forma occidentale. Molto probabilmente, il paese si aspettava gli stessi cambiamenti che, dopo più di mezzo secolo, portarono la Cina all'apice del potere mondiale. Lì, fino ad oggi, i leader delle più grandi corporazioni sono membri del Partito Comunista, ma non verrebbe mai in mente a nessun organo del partito in un brutto sogno di dettare loro delle risoluzioni: quanti smartphone e quali modelli dovrebbero essere rilasciati quest'anno. Fu da questa follia, che alla fine portò alla tomba l'economia dell'URSS, che Stalin voleva salvare il paese. L'Unione Sovietica, se avesse seguito il corso stalinista, si sarebbe aspettata un'economia senza precedenti tecnologico, una svolta industriale, dopo la quale il mondo occidentale sarebbe stato lasciato ai margini della civiltà. Washington e Londra lo capirono perfettamente, solo che non potevano opporsi all'Imperatore Rosso.

Da qui tutti i piani di attacchi nucleari contro l'URSS, che in quegli anni furono timbrati uno dopo l'altro oltreoceano. E Stalin ne era ben consapevole, e quindi il Supremo, non volendo ripetere gli errori e gli incubi del 1941, stava andando, a quanto pare, a risolvere questo problema nel modo più radicale. Cento divisioni di bombardieri IL-28, 15 divisioni aviotrasportate, gruppi di sabotaggio addestrati per azioni nei porti militari della NATO: non giocano con queste cose e non scherzano. Tanto più che leader come Stalin. L'Occidente non aveva una sola possibilità non solo di vincere la guerra imminente, ma di evitare una sconfitta completa e definitiva in essa. In effetti, solo gli Stati Uniti e la Gran Bretagna erano relativamente pronti al combattimento in quel momento, e quest'ultima non si era ancora ripresa dalle conseguenze della seconda guerra mondiale. L'URSS era letteralmente superiore alla neonata NATO in tutto: carri armati, combattenti, persino armi leggere. Ma la cosa principale era che Stalin aveva milioni di veterani - dai soldati ai marescialli, per i quali, dopo la Grande Guerra Patriottica, la "campagna americana" sarebbe stata solo un viaggio di piacere. Arma nucleare? Nel 1953 non era ancora un fattore decisivo. Non per niente il Comitato Centrale del PCUS stava valutando seriamente la questione dei nuovi campi per prigionieri di guerra. L'esito della battaglia tra l'URSS e l'Occidente era una conclusione scontata.

Coloro che governano il mondo oggi - banchieri internazionali, proprietari di corporazioni transnazionali, "leader democratici" corrotti, avevano una sola possibilità di scappare: uccidere Stalin. E l'hanno fatto. Lo hanno fatto usando i "vecchi membri del partito" che erano amareggiati e mortalmente spaventati dalla prospettiva di perdere tutto come strumento. Chi di loro era un agente diretto dell'Occidente e chi ha appena salvato la propria pelle e il proprio potere, noi, ahimè, non lo sapremo mai. Non ci sono prove dirette per dichiarare anche il più vile Krusciov un fantoccio di Washington. Anche se ... Quasi tutto quello che ha fatto - dalla rottura delle relazioni con la Cina e "smascherare il culto della personalità" al pogrom dell'esercito e alla distruzione dell'agricoltura in URSS, ha portato enormi, a lungo termine, incomparabili benefici agli americani.

Stalin è morto. In questo momento, con nostro grande rammarico, la morte di quei germogli di prospettive e opportunità assolutamente incredibili che avrebbero reso la nostra Patria l'unico leader mondiale, avrebbe trasformato la storia dell'umanità su un percorso completamente diverso - senza guerre, povertà e disuguaglianza, era predeterminata. Quali versioni maestose e grandiose del nostro futuro morirono il 5 marzo 1953? Questo è forse l'ultimo e principale segreto di Stalin ...
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
12 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Wahler Офлайн Wahler
    Wahler (Impostare) 9 March 2019 17: 19
    -4
    Come zadolbali con Stalin ........... È GEORGIANO. Tutti i georgiani odiano la Russia a livello istintivo. Forse allora, a quel tempo, era in qualche modo diverso. Ma il fatto che avessero qualcosa in testa contro i russi era probabilmente un fatto allora, per non parlare ora. Questa è la pagina più vergognosa della storia del nostro stato. Sì, vittoria nella guerra. Ma questo è il merito delle persone. E la repressione è merito del georgiano Dzhugashvili.
    1. Necropica Офлайн Necropica
      Necropica (Alexander) 9 March 2019 21: 33
      +4
      Sono sinceramente dispiaciuto per te. Stalin non era Stalin perché era georgiano. Krusciov è un distruttore e un mascalzone, non perché è ucraino. E anche le azioni e le idee sanguinose di Bronstein-Trotsky non hanno nulla a che fare con la sua ebraicità. Queste persone, infatti, non avevano nazionalità. Ci sono categorie completamente diverse qui.
      E a proposito della guerra ... Mi ricordi il grande Vlasov ?!
      La nazionalità non c'entra. Ebbene, cosa consiglieresti di capire? Libri, cosa leggere? Forse aiuterà ...
      1. Luda Офлайн Luda
        Luda (Luda) 10 March 2019 10: 44
        +2
        Ventisette anni dopo l'inizio delle riforme democratiche di Eltsin, un'ondata liberale di odio per Stalin fu suscitata. Sorprendente ?? Apparentemente sentono sempre di più la loro inferiorità am e fallimento am non importa cosa. Secondo me, più Stalin e le sue conquiste saranno colpite, più le persone penseranno all'URSS, studieranno questo periodo del paese e si confronteranno.
        Mi è piaciuto l'articolo, grazie. sì
      2. Wahler Офлайн Wahler
        Wahler (Impostare) Aprile 13 2019 14: 34
        0
        Ho letto tanto quanto non hai mai sognato! E la nazionalità è alla radice, nell'anima di ogni persona. E solo in URSS c'è stato un periodo fuori dalla nazionalità e SOLO tra i RUSSI. E penso che tu non abbia vissuto negli spazi nazionali chiusi di georgiani o armeni. Dov'è l'opinione persistente che i russi NON RAPPRESENTANO NULLA DI SE STESSI! E questa opinione diventa chiara dopo 5 anni di conoscenza.
    2. Nordural Офлайн Nordural
      Nordural (Eugene) 10 March 2019 11: 58
      +1
      Tu stai mentendo, SetUp! Stalin è il leader della squadra che ha reso grande e invincibile il nostro paese sotto la sua guida. Ed è più russo della maggior parte di noi oggi. La sua morte è la soglia dopo la quale il nostro paese è precipitato in quel pozzo nero di feudalesimo oligarchico o l'inizio della costruzione di un sistema di schiavitù, dove ora siamo in un torpore sordo e rimaniamo.
      1. Luda Офлайн Luda
        Luda (Luda) 10 March 2019 13: 50
        +2
        Mai, né prima né dopo Stalin, il nostro paese ha raggiunto una tale grandezza e rispetto nel mondo. Questo fa infuriare i nemici del paese. La guerra contro Russia / URSS non si ferma.
      2. Wahler Офлайн Wahler
        Wahler (Impostare) Aprile 13 2019 14: 41
        -1
        Ricordi i primi anni '70? Penso che questo sia l'apice del nostro paese. E Stalin ha ucciso la quinta parte della popolazione del paese (allora eravamo da qualche parte 5-108 milioni). E avrebbe potuto evitare tali sacrifici.
  2. Roos Офлайн Roos
    Roos 9 March 2019 21: 37
    +4
    Buona pubblicazione, appoggio l'autore.
    Stalin è una personalità eccezionale su scala globale, quindi, anche adesso, in tutti i sondaggi popolari, compresi i media, è meritatamente un leader. La gente comune ricorda i suoi servizi al Paese, nonostante la falsa propaganda dell'Occidente, dei liberali e della quinta colonna.
    I tentativi di falsificatori della storia locali e stranieri di calunniare e denigrare Stalin sono destinati al fallimento. Le autorità russe devono adempiere all'ultima volontà dei veterani ancora in vita del "Reggimento Immortale": restituire il nome di Stalin alla città-eroe sul Volga, conosciuta in tutto il mondo come la città di Stalingrado.
    1. Luda Офлайн Luda
      Luda (Luda) 10 March 2019 14: 05
      +3
      Citazione: Rusa
      Buona pubblicazione, sostengo l'autore ....... Le autorità russe devono soddisfare l'ultima volontà dei veterani ancora in vita del "Reggimento Immortale": restituire il nome di Stalin alla città degli eroi sul Volga, conosciuta in tutto il mondo come la città di Stalingrado.

      Non faranno nulla per le persone. am Guarda tutte le dichiarazioni dopo aver cambiato l'età pensionabile: una è peggiore dell'altra am ... Ce ne sono già stati tanti. "Lo stato non dovrebbe" la scuola non dovrebbe "" la scuola non dovrebbe "" parassiti e alcolisti "" piantare "" le medicine dovrebbero essere pagate "" i bisognosi devono spegnere l'elettricità per la notte "...... basta elencare i luoghi Non abbastanza! Qualcuno dirà una dichiarazione maleducata, e poi: "Oh, scusa! OH! L'hanno preso fuori contesto! "Questa è tutta una bugia, per non perdere un posto! Scuse formali! Ora, se qualcuno scaricava un camion di letame su una macchina per un tale schifoso, e poi diceva:" Oh, scusa, per sbaglio. Non volevo! Si è fuori contesto. "
  3. Oleg RB Офлайн Oleg RB
    Oleg RB (Oleg) 10 March 2019 08: 58
    -4
    Ho una versione diversa. È appena morto di età
  4. Victor Guretsky Офлайн Victor Guretsky
    Victor Guretsky (Victor Guretsky) 10 March 2019 15: 35
    +1
    La possibilità di assassinare Stalin, così come l'ambiente attuale del leader, suggeriscono l'idea: il socialismo è stato costruito o è stato costruito nell'URSS? Sì, ci sono stati grandi risultati e vittorie, ma, ad esempio, sotto Pietro I ci sono stati grandi risultati. Lenin, nel 1921, quando il ritardo nella rivoluzione mondiale divenne evidente, scrisse: "Ci siamo ritirati nel capitalismo di stato" (VI Lenin, PSS, vol. 44, p. 229). Il principale errore di Stalin è stato quello di preservare le relazioni denaro-merce nel paese, quando era possibile comprare e corrompere, e alla fine della sua vita lo capiva già. Dopotutto, senza soldi, gli amanti del profitto non rimarrebbero al potere e non si precipiterebbero al vertice. Ci sarebbero quelli che sono impegnati nell'idea e vogliono realizzarla. Il denaro è incompatibile con il socialismo; è un attributo della proprietà privata. Ma nel paese, mi scusi, del capitalismo di stato, Stalin in vecchiaia non poteva più cambiare il sistema ...
    1. crema per le scarpe Офлайн crema per le scarpe
      crema per le scarpe (Valery Zyukov) 10 March 2019 21: 58
      +1
      Il denaro in URSS aveva una funzione completamente diversa da quella che è ora. C'era anche lo strato più significativo dell'economia, dove il denaro serviva solo come mezzo di distribuzione, contabilità e controllo (non in contanti). Ciò che Stalin considerava, scriveva nell'articolo "Problemi economici del socialismo in URSS". L'interesse degli Stati Uniti e della Gran Bretagna nell'eliminare Stalin era quello di impedire a Stalin di de-dollarizzare l'economia mondiale, e ha già compiuto passi significativi in ​​questa direzione. Non c'è dubbio che, con quella pazza autorità nel mondo, Stalin avrebbe abbattuto il mostro finanziario americano.