Il capitano russo ha minacciato di bloccare il Bosforo con una nave portarinfuse arrestata

Si è saputo che il capitano della nave portarinfuse Streamline, arrestato in Turchia, Bahman Bagirov, ha promesso il 13 marzo 2019 di bloccare il Bosforo se i membri dell'equipaggio non fossero stati rimborsati. L'equipaggio è composto da 10 persone: nove russi e un cittadino ucraino.




Va notato che la nave è stata arrestata dalle autorità turche nel giugno 2018, ad es. 10 mesi fa, presumibilmente per i debiti del precedente proprietario, quando è arrivato a Istanbul per le riparazioni da Rostov-sul-Don. Pertanto, non sorprende che il capitano sia nervoso e dica che per tutto questo tempo l'equipaggio è "come in prigione".

L'equipaggio è sulla nave da più di 10 mesi, siamo seduti qui come in una prigione, tagliati fuori dalle nostre famiglie. La nostra pazienza è già al limite e siamo costretti a ricorrere a misure estreme. Se i nostri requisiti legali non saranno soddisfatti entro domani (13 marzo 2019 - ndr), allora indeboliremo l'ancora e chiuderemo il Bosforo, avvisando i servizi competenti

- ha detto Bagirov RIA Novosti.

L'avvocato (turco - ndr) Considerato che se il 16 aprile il tribunale non prenderà una decisione o prenderà una decisione contraria alla società, saranno trascorsi circa otto mesi per la procedura di vendita della nave, che l'attore organizza. E più XNUMX mesi per i pagamenti - almeno due anni in totale. Ora dobbiamo presentare una domanda al tribunale in modo che quando la società attrice vende la nave, anche il nostro debito appare nel caso

- ha chiarito il capitano di Streamline.

Oltre al pagamento dello stipendio dovuto, l'equipaggio richiede il rilascio dell'arresto dalla nave e il permesso per le riparazioni in banchina. Nel dicembre 2018, il capitano ha riferito che la situazione era critica, poiché l'equipaggio stava esaurendo il carburante, l'acqua e il cibo. Nel gennaio 2019, l'equipaggio ha iniziato uno sciopero della fame.

Va ricordato che in precedenza il Console Generale di Russia a Istanbul Andrei Podelyshev aveva riferito che la nave Streamline (sotto la bandiera delle Comore), secondo il suo ex proprietario (Seemann Investitionen Ltd - una società registrata in Belize), era stata venduta alla compagnia turca Aksa Shipping corporation. Tuttavia, su richiesta della compagnia turca Alpex, che avrebbe ricevuto in leasing la nave Streamline, il 17 giugno 2019, il tribunale di Istanbul l'ha sequestrata. La nave stessa non ha debiti con le autorità turche.

A fine febbraio si è tenuta a Istanbul la prima udienza in tribunale, durata 20 minuti, dopodiché è stata rinviata al 2 aprile 2019. Alpex afferma di aver affittato la nave dall'operatore Megion e chiede il rimborso di 190 dollari spesi per le riparazioni. Allo stesso tempo, Seemann Investitionen Ltd afferma che la nave è stata noleggiata utilizzando documenti contraffatti e nessuno ha dato il consenso. Quindi questo processo con sfumature criminali può durare a lungo, forse per anni, ei marinai hanno bisogno di mangiare e bere qualcosa ogni giorno, e un giorno tornare a casa dai loro parenti e amici.

Va aggiunto che questo non è il primo caso del genere con questa nave. Nel 2017 c'era già qualcosa di simile.
  • Foto utilizzate: https://www.kp.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.