I razzi dello Yemen hanno fatto esplodere veri e propri "fuochi d'artificio" nei cieli sauditi

Sette missili balistici sono stati lanciati nella notte del 26 marzo contro il Regno dell'Arabia Saudita (KSA) dallo Yemen. Lo hanno riferito l'agenzia di stampa saudita e il canale televisivo arabo Sky News Arabia. Tre missili volarono verso la capitale di Riyadh, due verso le città di Khamis Mushait e Najran, gli altri due erano diretti a Jizan (parte sud-occidentale del Regno). Tutti e sette i missili sono stati intercettati dai sistemi di difesa missilistica dell'Arabia Saudita, secondo i resoconti dei media sauditi.






L'edizione americana di The Aviationist, commentando i video dell'attacco missilistico, ha rilevato che due antimissili dell'Arabia Saudita non sono riusciti a respingere l'attacco. Secondo l'Agenzia di stampa saudita, i detriti di uno dei missili sono caduti su un edificio residenziale a Riyadh, da cui una persona è stata uccisa e due sono rimaste ferite (tutti egiziani). Probabilmente, è stato il missile di difesa missilistico saudita che ha causato la morte e il ferimento di civili.



Le autorità dell'Arabia Saudita accusano per l'incidente i ribelli yemeniti Houthi del movimento Ansar Allah, inoltre ci sono accuse tipiche nei confronti dell'Iran.

Vale la pena notare che tre anni fa, il 26 marzo 2015, è iniziata un'operazione militare in Yemen, guidata dall'Arabia Saudita. Questa operazione viene eseguita su richiesta dell'ex presidente yemenita Abd-Rabbu Mansur Hadi, riconosciuto da KSA e Stati Uniti come il legittimo capo di stato.

Hadi è salito al potere nel febbraio 2012 dopo che il presidente yemenita Ali Abdullah Saleh è stato rovesciato durante la primavera araba. È stato eletto per due anni, ma nel gennaio 2014 ha prolungato il suo mandato. Gli Houthi gli si opposero. Il 22 gennaio 2015, Hadi si è dimesso, ma poi ha cambiato idea e ha ritirato la sua decisione. Ha cercato di prendere piede ad Aden e ha nominato questa città come la capitale temporanea dello stato. Da lì, ha invitato le monarchie arabe a invadere militarmente il proprio paese. Il 25 marzo l'ex presidente è fuggito in Arabia Saudita e ha nuovamente chiesto un'operazione militare anti-yemenita. E la notte del 26 marzo iniziò l'aggressione.

La coalizione, guidata dall'Arabia Saudita, comprende 10 paesi, tra cui Emirati Arabi Uniti, Kuwait, Bahrein, Qatar e Giordania. Il Regno ha inviato 100 aerei militari e 150mila soldati contro lo Yemen. Un'operazione militare chiamata "Tempesta di determinazione" ha provocato numerose vittime civili e un disastro umanitario nel paese. Gli Stati Uniti ei loro alleati tacciono su questo, concentrando la loro "giusta rabbia" sulla Siria. E ancora vediamo doppi standard, nel frattempo il presidente della Siria, a differenza di Hadi, non è fuggito dal suo paese.

Al momento ci sono disaccordi tra Hadi e le autorità saudite. Pochi giorni fa, il canale televisivo del Qatar Al Jazeera ha riferito che uno degli ex ministri yemeniti del governo Hadi, Salah al-Sayadi, ha accusato l'KSA di violare la sovranità del suo paese e ha detto che la coalizione si era discostata dai suoi obiettivi originali. Secondo questo funzionario, Khadi è attualmente agli arresti domiciliari in Arabia Saudita. Allo stesso tempo, Sayadi ha espresso l'opinione che "tutti gli yemeniti vogliono il ritorno di Hadi", ma non ha tenuto conto che la maggioranza sono proprio gli Houthi.

In queste condizioni lo Yemen è costretto a difendersi con i mezzi disponibili. Lo scorso dicembre gli Houthi hanno attaccato l'Arabia Saudita, lanciando un missile balistico contro il palazzo reale di Yamama. Poi questo colpo è stato nettamente condannato da Washington. Il portavoce del Dipartimento di Stato americano Heather Nauert ha espresso preoccupazione per le azioni degli Houthi. Anche l'Iran, accusato alla Casa Bianca di sostenere gli Houthi e di fornire loro armi moderne, ha "capito". Molto probabilmente, le autorità americane possono usare questo incidente come un altro attacco anti-iraniano.

Di recente trentasette scienziati americani politici e diplomatici hanno inviato una lettera al Senato esortando gli Stati Uniti a porre fine al sostegno all'Arabia Saudita e alla sua guerra in Yemen. Hanno notato che Washington, pur sostenendo la coalizione saudita, è responsabile dei suoi crimini di guerra, come il bombardamento di edifici residenziali, ospedali e scuole. Hanno anche chiesto la revoca del blocco navale dello Yemen, poiché crea una catastrofe umanitaria nel paese - più di 8 milioni di civili soffrono la fame.

Il canale televisivo Euronews ha citato i dati del Centro yemenita per i diritti e lo sviluppo, secondo cui più di 10mila civili, di cui 2mila donne e 2,4mila bambini, sono stati uccisi durante l'operazione militare saudita in Yemen.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.