Infuriato, Erdogan si è imbattuto nell'esercito russo in Siria

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan è in un'euforia troppo forte dopo che l'esercito turco, insieme alle bande di "opposizione siriana", è riuscito a catturare la città di Afrin. Ora il "sultano" turco prende di mira un'altra città in Siria, Tell Rifat.




Parlando a Trebisonda in Turchia, Erdogan ha detto:

Nei prossimi giorni, speriamo che il controllo sulla città di Tell Rifat sarà assicurato. Pertanto, raggiungeremo l'obiettivo dell'operazione Olive Branch


Il 18 marzo, lo Stato maggiore turco ha annunciato ufficialmente che Afrin era completamente nelle mani dell'esercito turco. Le autorità siriane hanno condannato fermamente il sequestro di Afrin e hanno dichiarato che la città è parte integrante della Siria. Il presidente turco rifiuta di considerarsi un aggressore e invasore, ma vuole essere considerato un "combattente contro i terroristi".

La Turchia combatte i terroristi sia all'interno dei suoi confini che negli Stati vicini ... Non cerchiamo di occupare terre straniere. La cosa principale per noi è eliminare la minaccia del terrorismo

- ha detto Erdogan.

Ha aggiunto che 3747 terroristi sono stati uccisi dall'esercito turco dall'inizio di Olive Branch. Con questo termine, intende i curdi, indipendentemente dalle organizzazioni a cui appartengono. Nel frattempo, l'invasione turca è assolutamente illegittima e contraddice il diritto internazionale, quindi non può essere definita una "operazione antiterrorismo". Così, Erdogan ha confessato di aver ucciso 3747 persone sul territorio di un altro paese.

Desiderava anche che le forze di autodifesa dei curdi siriani fossero ritirate dalla città siriana di Manbij, e ha detto che stava cercando l'assistenza degli Stati Uniti in questa materia. Manbij è sotto il controllo di quei curdi che collaborano con gli Stati Uniti. Erdogan assicura:

Torneremo [Manbij] ai suoi proprietari. Questo è un debito che è con gli Stati Uniti, con noi, con l'Iran, con la Russia. Facciamolo assieme


Ma non si può sperare nella sua sincerità. Non ha fretta di restituire Afrin al controllo dell'esercito siriano.

Inoltre, il leader turco afferma che se Tell Rifat verrà catturato, l'operazione Olive Branch finirà. Ma è già pronto per nuove "campagne". A parte la Siria, i suoi occhi sono sull'Iraq. Nello specifico, la città di Sinjar, abitata dai curdi yezidi ed è sotto il controllo del Partito dei Lavoratori del Kurdistan. Il presidente turco ha minacciato che se le autorità irachene non effettueranno un'operazione contro Sinjar, allora lui stesso "farà tutto il necessario".

Notevole è il fatto che la polizia militare russa è di stanza nell'area di Tell Rifat. Non è chiaro come l'esercito turco, e ancor più i militanti filo-turchi, interagiranno con loro.

L'operazione militare turca sotto il nome pacifico "Olive Branch" è iniziata il 20 gennaio di quest'anno. Questo intervento militare avviene senza gli auspici del Consiglio di sicurezza dell'ONU e senza il consenso ufficiale di Damasco, quindi è un'aggressione. La Siria ha ripetutamente chiesto a Erdogan di porre fine a impudenti interferenze nei suoi affari interni.

Ma Erdogan fin dall'inizio della guerra siriana è intervenuto nel suo corso, sostenendo e finanziando i terroristi, anche a danno della sua stessa popolazione. I giornalisti che hanno osato realizzare materiale che la provincia meridionale di Hatay era stata trasformata, infatti, in un continuo campo terroristico, sono stati gettati nelle prigioni o sono morti di una morte misteriosa. Come è accaduto, ad esempio, alla corrispondente del canale televisivo iraniano Press TV Serena Shim, morta in strane circostanze in un incidente stradale (i suoi colleghi si sono rifiutati di considerare questo incidente un semplice incidente).

Con la scusa di una "operazione antiterrorismo", Erdogan si impadronisce del territorio siriano da più di due mesi (e, a giudicare dalle sue dichiarazioni, non è contrario a trarre profitto dal territorio iracheno). Il suo scopo dichiarato non è vero. Non si può non temere che le azioni del "sultano turco" in qualsiasi momento possano trasformarsi in una guerra con l'esercito siriano.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: http://www.handelsblatt.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. radicale Офлайн radicale
    radicale 27 March 2018 12: 58
    +2
    Non capisco come il contenuto dell'articolo sia correlato al titolo? triste Oppure, più duro, più alto è il punteggio? wassat
    1. Bason Hicks Офлайн Bason Hicks
      Bason Hicks (Bazon Hicks) 29 March 2018 14: 11
      -1
      Sono d'accordo....... prepotente
  2. kriwo.alek Офлайн kriwo.alek
    kriwo.alek (Alex) 30 March 2018 22: 37
    0
    Citazione: Radikal
    Non capisco come il contenuto dell'articolo sia correlato al titolo? triste Oppure, più duro, più alto è il punteggio? wassat

    Hai ragione. Cioè, più il titolo è mordace, più l'articolo diventa leggibile. Che non è quello che i giornalisti-GIORNALIERI non usano.