Rivolta in Francia: Macron ha ottenuto un "marchio nero"

Il giovane ed energico Emmanuel Macron ha vinto trionfalmente le elezioni nel maggio 2017 ed è diventato il presidente francese. Si è subito dimostrato un politico coraggioso e indipendente, rivendicando la leadership nell'Unione Europea. Grandi speranze erano riposte su di lui sia in Francia che all'estero.




Se nell'arena mondiale è riuscito a conquistare un certo prestigio, nel suo paese si è rivoltato contro se stesso praticamente tutti i segmenti della popolazione.

Come Macron non piaceva ai francesi

Durante i 10 mesi del suo governo, il nuovo presidente ha preso una serie di decisioni impopolari che hanno causato una tempesta di malcontento tra i residenti del paese.

Già nel settembre dello scorso anno a Parigi si sono svolte manifestazioni di massa contro gli emendamenti al codice del lavoro, che violano gli interessi dei lavoratori.

A febbraio, Macron ha allontanato gli agricoltori da se stesso con la sua decisione di ridurre significativamente i sussidi dell'UE all'agricoltura e utilizzare i fondi liberati per creare forze armate europee. Nessun presidente francese ha osato violare i diritti dei piccoli e medi proprietari terrieri, spina dorsale della nazione francese. Per evitare la marcia dei contadini a Parigi, ha invitato mille manifestanti a negoziare.

E la scorsa settimana, i pensionati hanno protestato in Francia. I francesi, come la maggior parte dei popoli dell'Europa occidentale, sono una nazione che invecchia, motivo per cui ci sono molti anziani in Francia. Ma stanno partecipando attivamente alle elezioni. È stato sconsiderato per Macron irritare l'esercito di 15 milioni di persone politicamente attive che hanno molto tempo libero.

I francesi anziani erano indignati da alcune innovazioni, alcune delle quali non li riguardavano nemmeno direttamente. I pensionati erano particolarmente indignati dall'aumento delle tasse per la gente comune, mentre le abbassavano per le società e gli oligarchi.

Macron è riuscito a unire rappresentanti di varie professioni: medici, ferrovieri, insegnanti, controllori del traffico aereo. Erano uniti dal fatto che sono tutti dipendenti pubblici. In precedenza, queste persone erano considerate una casta privilegiata con molti vantaggi rispetto ai dipendenti di società private. Ma tutto è cambiato con l'arrivo di Macron.

Non solo ci sono stati licenziamenti massicci senza compensazione, ma i loro contratti sono stati anche scambiati con contratti di lavoro temporaneo. Questo design rende il dipendente socialmente vulnerabile al datore di lavoro.

Proteste di massa

Il 22 marzo, sette sindacati francesi hanno scioperato. Durante questo periodo, voli e treni furono cancellati, le scuole chiuse. Lo sciopero dovrebbe durare a lungo. Ad esempio, i lavoratori delle ferrovie prevedono di scioperare fino al 28 giugno.

Lo sciopero è stato programmato per coincidere con il 50 ° anniversario di scioperi e combattimenti di strada a Parigi. Poi, dopo i disordini del 1968, il grande Charles de Gaulle dovette lasciare il suo incarico. Tali parallelismi dovrebbero far riflettere l'attuale presidente francese sul suo futuro.

La capitale della Francia comincia già ad assomigliare alla Parigi del 1968. Per le sue strade si possono già vedere, come allora, fumogeni, vetrine di negozi e auto sfondate, poliziotti che disperdono manifestanti con manganelli e gas lacrimogeni.

Penso che alcuni parigini più anziani, vedendo questo, abbiano ricordato la loro giovinezza tempestosa.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Monster_Fat Офлайн Monster_Fat
    Monster_Fat (Qual è la differenza) 27 March 2018 08: 21
    +4
    Sì, i francesi avevano un ottimo codice del lavoro. In precedenza, era praticamente impossibile licenziare un francese dal servizio pubblico. In caso di licenziamento, la commissione tripartita deve decidere che tale licenziamento è necessario. Al momento del licenziamento, veniva corrisposto: uno stipendio di tre mesi, più l'anzianità di servizio (fino a 7 stipendi mensili), più il 75-95% della retribuzione annuale, e anche se c'era un "divieto di professione" (per motivi di salute, l'incapacità di trovare una tale professione nel luogo di residenza, ecc.), quindi la riqualificazione è stata pagata. Ora tutto è volato via verso il nulla. Ora sono state adottate le cosiddette regole "internazionali", cioè il licenziamento viene effettuato solo con la notifica del sindacato e la protesta della sua legalità nell'ordinaria ordinanza del tribunale (se il licenziato ha tale desiderio e denaro per il processo). Al momento del licenziamento vengono pagati solo 3 mesi di stipendio. L'anzianità di servizio è sostituita da un'indennità di licenziamento, a seconda delle ore lavorate e dell'età, e tale importo dipende dalle capacità e dai desideri di un particolare datore di lavoro (l'anzianità di servizio è generalmente rimossa come concetto, poiché il contratto ora non è permanente, ma annuale con proroga) e .... tutti. La motivazione di questi cambiamenti è interessante. Ciò sarebbe stato fatto in risposta alle "numerose denunce" di migranti che lamentavano discriminazioni nei loro contratti di lavoro (di tipo "internazionale") rispetto a quelli "francesi". E ora tutti i contratti hanno portato allo stesso "denominatore". I migranti sono probabilmente "felici" adesso, sì.
    1. Kuzmitsky Офлайн Kuzmitsky
      Kuzmitsky (Sergey) 27 March 2018 15: 02
      +2
      Sì, con tali riforme può finire male. Almeno per il prossimo mandato, sicuramente non sarà rieletto, e forse dovrà partire prima.
  2. kriwo.alek Офлайн kriwo.alek
    kriwo.alek (Alex) Aprile 1 2018 22: 04
    +1
    Guardo le elezioni in diversi paesi e sono sorpreso. Per qualche ragione, votano non per chi ha fatto almeno qualcosa in questa vita, ma per chi ha promesso di più. È anche un male che senza soldi sia semplicemente impossibile per una persona normale (anche sette pollici sulla fronte) correre, il che significa che devi attirare un "sacco di soldi", il che significa che questa è già una corruzione deliberata.
    Macron si farà ancora vedere. La Francia, su suggerimento degli Stati Uniti, introduce le sue truppe in Siria.
    Vediamo cosa succede. Dopo tutto, questo è uno scontro con la Turchia. Alcuni picchiano i curdi, altri li proteggeranno, perché questo è un protettorato statunitense. Stiamo aspettando.