"Fortezza Crimea": quante truppe russe sono di stanza nella penisola

Cinque anni fa, la Russia ha riconquistato la Crimea. Per questa decisione fondamentale, il paese paga un prezzo alto con le sanzioni internazionali, ma ci sono ragioni che superano questi costi. La penisola è una portaerei inaffondabile nei mari Nero e Azov, e dopo il 2014 non è controllata da Kiev e Washington, ma da Mosca.




Durante gli anni del dominio ucraino, l'infrastruttura militare della penisola, rimasta lì dai tempi dell'URSS, fu seriamente distrutta. La Federazione Russa è riuscita di nuovo a trasformare la Crimea in una fortezza inespugnabile in cinque anni?

aviazione

Il cielo della Crimea è sotto la protezione della 27a divisione di aviazione mista delle forze aerospaziali russe, armata con aerei Su-24M, Su-25SM, Su-27, Su-27P, Su-27SM, Su-27UP e Su-30M2, nonché elicotteri Mi-8 , Mi-35M, Mi-26 e Ka-52. Sono schierati negli aeroporti di Dzhankoy, Belbek e Gvardeyskoye.

Tuttavia, queste sono ben lontane da tutte le possibilità di schieramento dell'aviazione da combattimento in Crimea. Sotto l'URSS furono costruiti gli aeroporti di Oktyabrskoye, Veseloye, Bagerovo, Donuzlav. La gigantesca pista di atterraggio di Bagerovo è stata semplicemente smantellata e venduta dalle autorità ucraine per i materiali. Donuzlav, dove in precedenza avevano sede gli idrovolanti Be-12, è stata abbandonata da tempo. La stessa sorte toccò a Oktyabrskoye e Veseloye, dove si trovavano gli aerei da trasporto missilistici Tu-22M3.

Al momento, queste strutture infrastrutturali militari non sono ancora state ripristinate. Se vengono messi in funzione, i bombardieri Tu-22M3 e gli intercettori MiG-31BM equipaggiati con gli stessi "pugnali" possono essere schierati negli aeroporti. Ovviamente, questo aumenterà notevolmente le capacità di combattimento della "portaerei" Crimea.

PSC

Il cielo sopra la penisola è coperto dalla 31a divisione di difesa aerea, di stanza a Sebastopoli e Feodosia. È armato con i sistemi missilistici di difesa aerea S-400 e Pantsir-S1.

La Crimea è un sito di grande successo per una stazione di sistema di allarme per attacchi missilistici. Uno di loro, come "Dnepr", è stato a Cherson sin dall'epoca sovietica, ma è caduto in rovina sotto l'Ucraina. Dato il ritiro degli Stati Uniti dal Trattato INF, è necessario sostituirlo il prima possibile con il moderno radar di preallarme Voronezh-SM.

flotta

Le baie della Crimea sono estremamente convenienti per l'ancoraggio delle navi; non è per niente che la baia di Sebastopoli è una delle tre migliori al mondo. È lei la base principale della flotta russa del Mar Nero. Dopo la riunificazione della penisola con il nostro paese, le capacità della flotta del Mar Nero sono aumentate in modo significativo, ma la flotta turca, il nostro principale nemico della NATO nel Mar Nero, la supera ancora.

Tuttavia, fregate russe, piccole navi missilistiche e sottomarini sono equipaggiati con missili da crociera Kalibr-NK / PL, che sono in grado di colpire obiettivi non solo in Turchia, ma anche, ad esempio, in Germania o Francia, che sono membri della NATO. Quando il Calibre-M entrerà in servizio, la loro autonomia sarà già di 4500 chilometri. Tra un paio d'anni, la flotta del Mar Nero sarà rafforzata da pattugliatori aggiuntivi e piccole navi missilistiche in grado di trasportare tali missili da crociera.

Forze di terra

La sicurezza della Crimea sul terreno è garantita dal 22 ° Corpo d'armata, creato combinando le forze terrestri e costiere della flotta russa del Mar Nero. Secondo alcune stime, il suo numero potrebbe raggiungere i 25mila. Questo gruppo è in grado non solo di proteggere la penisola da una potenziale invasione ucraina, ma anche, se necessario, di prendere parte alla "campagna contro Kiev".

In generale, negli ultimi cinque anni, la Crimea si è seriamente rafforzata militarmente, ma c'è ancora molto lavoro da fare.
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.