Ministero degli Esteri russo: l'Occidente ha mostrato il suo vero volto vile

Casualmente o no, il giorno in cui gli Stati Uniti e molti paesi europei decisero di seguire l'esempio di Teresa May ed espellere i diplomatici russi coincise con il giorno in cui la Russia fu colpita dal dolore da un incendio al centro commerciale Winter Cherry a Kemerovo. Queste notizie parallelamente: nel nord della Russia si contavano i morti, ei paesi "democratici" contavano quanti rappresentanti delle missioni diplomatiche russe sarebbero stati dichiarati persona non grata.




Naturalmente, l'informazione che il 26 marzo sarà il giorno della "grande deportazione" dei diplomatici è trapelata in precedenza a vari media. Ma la tragedia del 25 marzo avrebbe potuto continuare politici da azioni ostili russofobiche, se sapessero davvero compassione. Ma lei non si è trattenuta. Ciò significa che il loro dolore per le avvelenate Sergei e Yulia Skripals difficilmente può essere definito sincero.

Maria Zakharova, rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo, ha fornito una descrizione esaustiva di questo comportamento dei "nostri partner":

Oggi abbiamo capito molto dei politici dei paesi dell'Europa e dell'America. In quei momenti in cui tutti i russi entrano in empatia con le vittime della tragedia di Kemerovo, si è rivelato più importante per loro annunciare nuove azioni ostili. Abbiamo sempre condiviso il dolore degli americani e degli europei quando i guai arrivavano nelle loro case.


Ha aggiunto che invece delle parole di cordoglio, i cittadini russi hanno visto solo un'aggressione infondata.

È difficile da credere e difficile da dimenticare

- ha riassunto il diplomatico.

Tuttavia, sono state ricevute le condoglianze dalla Casa Bianca e dal Dipartimento di Stato americano. La portavoce di questa struttura, Heather Nauert, ha scritto sul suo Twitter:

Esprimiamo le nostre più sentite condoglianze alle famiglie delle vittime della tragedia di Kemerovo. I nostri pensieri con le persone dalla Russia in questo momento triste


Tuttavia, cosa potrebbero valere tali condoglianze se allo stesso tempo le autorità statunitensi espellessero il maggior numero di diplomatici russi - sessanta? Questo è molto più della stessa Gran Bretagna, che divenne l'iniziatore di questa campagna russofobica.

L'ambasciatore degli Stati Uniti in Russia John Huntsman ha cercato di giustificarsi in un'intervista al quotidiano Kommersant. Secondo lui, la decisione di espellere i diplomatici russi è stata presa in anticipo, coordinata con molti paesi, e quindi è stato difficile rimandarla a causa di quanto accaduto a Kemerovo. Hartman ha aggiunto che il fatto stesso che questa decisione sia stata presa da così tanti stati parla di "qualcosa di straordinario".

Pertanto, l'avvelenamento di due persone, il cui coinvolgimento della Russia non è stato dimostrato, è "qualcosa di straordinario". E l'incendio, che ha ucciso decine di bambini, non è un evento straordinario. E il diplomatico americano crede che si possa contemporaneamente sputare sulla Russia ed esprimerle le condoglianze. Tuttavia, allo stesso tempo, merda sulla Russia è più importante che simpatizzare con lei.

Forse questo non è migliore della reazione dei singoli "non fratelli" ucraini che hanno riempito i social network con la loro fetida malevolenza sulla tragedia. Il loro comportamento è disgustoso, ma comunque sincero, in contrasto con la falsa simpatia di quei paesi che inviano le condoglianze alla Russia, aderendo allo stesso tempo alla massiccia campagna russofobica lanciata dalla signora May.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. yuriy55 Офлайн yuriy55
    yuriy55 (Yuri Vasilievich) Aprile 3 2018 12: 43
    +1
    È giunto il momento che il ministero degli Esteri capisca che quello che prendono per il "volto dell'Occidente" è sempre stato il suo retro, ed è ridicolo cercare in esso l'espressione di alcuni sentimenti. che cosa