"Cortina di ferro" per Internet: la Russia si disconnetterà dalla rete globale

La creazione in Russia della propria Internet sovrana, isolata dal web globale, è considerata da alcuni dei nostri concittadini un'indubbia benedizione, altri - un incubo che può non solo distruggere il diritto al libero accesso alle informazioni, ma anche rallentare economico e lo sviluppo culturale del paese.




Perché la Russia ha bisogno del proprio Internet?

Hanno iniziato a parlare della necessità di creare la propria Internet in Russia non appena le relazioni con l'Occidente hanno cominciato a deteriorarsi rapidamente. Il punto di partenza è stato il 2014, quando la Crimea si è riunita alla Federazione Russa e nel Donbass è scoppiata una guerra civile. Gli Stati Uniti e l'Europa occidentale hanno imposto sanzioni economiche contro la Russia. E poi hanno cominciato a parlare dei rischi che comporta la "dipendenza digitale" del nostro Paese dal web globale.

È chiaro che Internet transnazionale è principalmente un prodotto americano. E gli Stati Uniti controllano completamente la rete globale, possedendo una varietà di possibilità per utilizzare questo controllo per fare pressione su altri stati. Pertanto, i sostenitori dell'Internet sovrano sono convinti che l'indipendenza digitale sia parte integrante della reale sovranità politica dello Stato nel XNUMX ° secolo.

Non ci sono molti paesi al mondo che dispongono di una propria Internet speciale. Questo elenco contiene quasi tutti i cosiddetti. "Stati canaglia", inclusi Iran, Corea del Nord e Cuba. Inoltre, la Cina ha il proprio Internet. Pechino considera la sovranità digitale come il modo più importante per garantire l'indipendenza dell'informazione e della comunicazione del paese dall'influenza dell'Occidente.

La Russia si aggiungerà al numero di stati che si sono separati dal web globale? Le autorità russe stanno ora collaborando con le principali società di telecomunicazioni per implementare il concetto di sovranità digitale.

Questo concetto si basa sulla preoccupazione per la sicurezza dell'infrastruttura di informazione e comunicazione russa. Per fare ciò, è necessario, prima di tutto, garantire l'archiviazione di enormi volumi di dati di aziende e cittadini russi nella stessa Russia. Ora le società straniere (e dove sono presenti servizi speciali) hanno la capacità di raccogliere, archiviare, sistematizzare i dati sugli utenti russi al di fuori del paese. Si possono immaginare i rischi che questo crea per il Paese!

Il 1 ° agosto 2018, la Russia ha annunciato ufficialmente l'intenzione di creare un Internet sovrano che potrebbe coprire non solo il nostro paese, ma anche Cina, India, Brasile e altri stati. A proposito, ci sono possibilità tecniche per questo. È vero, dovrai occuparti della creazione del tuo software e della tua attrezzatura, creare il tuo sistema di nomi di dominio.

I russi "avanzati" temono l'isolamento del paese dalla rete globale non meno, se non di più, dell'aumento dei prezzi per il cibo, l'alloggio e i servizi comunali. Ma un certo numero di stati esistono tranquillamente con un Internet sovrano e questo non influisce particolarmente sul loro sviluppo economico.

Celestial Golden Shield

Da più di quindici anni, la Cina gestisce il Golden Shield, un sistema di censura di Internet considerato il più efficace nel mondo moderno. Puoi usare Internet nel Celeste Impero solo informando il sistema di tutti i dati autentici.

Facebook, Twitter, YouTube non sono disponibili in Cina, ma ciò non impedisce alla Cina di guidare il business online mondiale. Più della metà della popolazione cinese, e il suo numero, ricordiamo, è di 1,3 miliardi di persone, sono utenti di Internet. Conosciamo tutti bene i negozi online cinesi che commerciano con il mondo intero. Quindi l'Internet sovrano non è diventato in alcun modo un ostacolo allo sviluppo economico nel Celeste Impero.

L'ordine nel web cinese è monitorato da una speciale polizia informatica, i cui compiti includono non solo la lotta ai contenuti illegali, ma anche il monitoraggio politico la fedeltà degli utenti cinesi.

Internet controllato dagli ayatollah

L'Iran sta anche sviluppando un proprio Internet indipendente. Ci sono oltre 46 milioni di utenti in questo paese. Molti siti in Iran sono vietati e questo non riguarda solo le risorse dei media occidentali, ma, ad esempio, siti come YouTube o Twitter.

L'Iran, giustamente, teme le provocazioni degli Stati Uniti, interessati alla disgregazione della società iraniana e che considerano Internet e le reti sociali uno degli strumenti chiave. La tragica esperienza della Primavera araba del 2011 ha insegnato molto ai leader iraniani.

Tuttavia, la repubblica islamica non è ancora riuscita a disconnettersi completamente dal web globale. Con l'aiuto di una VPN, gli iraniani "avanzati" possono ancora visitare le risorse informative occidentali. Naturalmente, la polizia sta cercando di rintracciarlo, ma le forze dell'ordine iraniane non sono ancora state in grado di agire con la stessa efficacia dei cinesi.

Liberty Island: prezzi elevati e mercato nero

Cuba sta cercando di proteggere i suoi interessi dall'influenza dannosa del web globale facendo deliberatamente un prezzo eccessivo per i servizi Internet. Pertanto, sono quasi inaccessibili a una parte significativa della popolazione cubana. Per visitare un sito straniero, un cubano deve pagare un quarto della retribuzione mensile media nazionale per un'ora di lavoro online. Naturalmente, la stragrande maggioranza dei cittadini non ha quel tipo di denaro.

Molte risorse straniere, inclusa la stessa "Wikipedia", sono vietate a Liberty Island. Ma Cuba ha il suo Internet, anche se molto lento e molto meno saturo del web globale.

A differenza della Cina o dell'Iran, le autorità cubane chiudono un occhio sull'esistenza di un mercato ombra per i servizi di informazione e comunicazione, in cui vengono scambiate famose serie TV e giochi per computer. La cosa principale è che i giovani cubani non sono interessati alla politica e che le autorità cubane sono poco interessate ai giochi o alla pirateria cinematografica.

Kwangmen: Internet sotto la bandiera juche

Forse l'Internet sovrano più cool è il Kwangmen nordcoreano. Si differenzia da tutti i sistemi precedenti per la completa mancanza di connessione con Internet globale e, di conseguenza, per l'assenza di censura. Non c'è semplicemente nulla da censurare in Kwangmen - non c'è e non può essere vietato il contenuto.

Il numero di siti su Internet nordcoreano è il più limitato possibile: secondo varie fonti, ci sono da una a cinquemila risorse. Fondamentalmente, Kwangmen è una grande libreria elettronica collegata alla posta elettronica.

Tuttavia, alcune categorie di cittadini nordcoreani utilizzano ancora Internet reale. Questi sono scienziati, ingegneri e tecnici, funzionari governativi. Ma questi "prescelti" sono pochissimi e sono sorvegliati da vicino dai servizi di sicurezza.

Quindi, avere un Internet sovrano non è una fantasia. Ma la Russia dovrebbe seguire l'esempio della Corea del Nord o dell'Iran? Se fai qualcosa del genere, allora come ultima risorsa, secondo lo scenario cinese.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: https://internetinstitute.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. lavoratore dell'acciaio 26 March 2019 20: 49
    +1
    La legge è stata approvata. Ora YouTub verrà spento e non ci sarà nessuno a rimproverare le autorità. "E la bara si è appena aperta."