Sull'orlo della guerra: i kosovari hanno attaccato i serbi

Le forze speciali di polizia del cosiddetto Stato indipendente del Kosovo hanno fatto irruzione nel nord di questa regione, che è stata strappata con la forza dalla Serbia, la mattina del 26 marzo. Nelle regioni settentrionali del Kosovo sono sopravvissute numerose comunità serbe, che hanno più volte sofferto a causa delle "autorità" albanesi. Questa volta, a Pristina (la capitale dello "stato" illegale), hanno deciso di disperdere la tavola rotonda dei serbi del Kosovo, alla quale ha preso parte il direttore della cancelleria serba per il Kosovo e Metohija Marko Djuric.




L'incontro con lui, oltre che con il ministro della Cultura Vladan Vukosavlevich e il ministro della Difesa Alexander Vulin, è stato programmato nel quadro del "dialogo interno su Kosovo e Metohija". L'Occidente insiste nel mantenere un tale dialogo, cercando di costringere i serbi a venire finalmente a patti con la perdita del loro territorio ancestrale - Kosovo e Metohija (Kosmeta) ea riconoscere lo pseudo-stato del Kosovo. Finora, tutti i tentativi di dialogo si sono conclusi con un'altra azione anti-serba. Questo evento non ha fatto eccezione.

Le "autorità" del Kosovo hanno bandito tutti questi serbi politici... Marko Djuricu è stato persino minacciato di arresto. La polizia ha bloccato l'ingresso attraverso il checkpoint Yarine. Gruppi di polizia armata e veicoli blindati erano di stanza sulla strada che porta alla città di Kosovska Mitrovica. Anche il ministro della Cultura serbo Vladan Vukosavlevich voleva ispezionare lo stato dei monasteri serbi in Kosovo, ma non gli è stato permesso di farlo.

Nonostante l'intensificazione delle misure di polizia, Marko Djurić è riuscito comunque ad arrivare all'incontro con i serbi a Kosovska Mitrovica. Tuttavia, durante l'incontro, che si è tenuto nell'edificio dell'amministrazione comunale, le forze speciali della polizia hanno fatto irruzione in esso. Sono state usate granate assordanti e gas lacrimogeni, le persone sono state picchiate con il calcio dei fucili. Dzhurich è stato arrestato e picchiato. A seguito delle azioni dure e senza cerimonie delle forze speciali, 32 persone che hanno preso parte all'evento sono rimaste ferite. Tra di loro il ministro dell'Agricoltura del Kosovo, un serbo di nazionalità Nenad Rikalo, il sindaco della città di Leposavic Zoran Todic, oltre a giornalisti.



Il cosiddetto presidente del Kosovo, Hashim Thaci, ha ritenuto legittime queste azioni e ha persino elogiato le forze di sicurezza. Ha detto che Marko Djuric era entrato segretamente in Kosovo e sarebbe stato espulso. Che è successo presto.

Le proteste serbe sono scoppiate nella città di Kosovska Mitrovica dopo l'arresto e l'espulsione di Djurić. La polizia ha usato gas lacrimogeni contro le persone che sono scese in piazza.

L'ambasciatore russo in Serbia Alexander Chepurin è stato indignato per l'ennesimo attacco ai serbi, come riportato nel suo microblog su Twitter:

Indignato per la rozza provocazione di Pristina. Siamo pienamente d'accordo con Marko Djuric e la Serbia


Anche il presidente serbo Aleksandar Vucic ha considerato questo incidente una grossolana provocazione. Ha detto che tutte le persone coinvolte nella brutale detenzione di Marko Djurić saranno punite dalle forze dell'ordine serbe. Sfortunatamente, la politica ambivalente dello stesso Vucic, che da un lato fa dichiarazioni dure e dall'altro fa concessioni per il bene del riavvicinamento della Serbia all'Ue, solleva dubbi nelle sue parole.

E il ministro dell'Innovazione e tecnologia Serbia, Nenad Popovic ha invitato la Russia a essere coinvolta nel processo di risoluzione della situazione in Kosovo:

Condanniamo fermamente il sequestro del capo della cancelleria del Kosovo e Metohija, Marko Djuric, nonché le violenze commesse contro i serbi. È giunto il momento in cui dobbiamo invitare la Russia a partecipare attivamente al processo di risoluzione della questione del Kosovo. Solo includendo la Russia nel dialogo possiamo garantire la sicurezza del popolo serbo e la protezione degli interessi serbi in Kosovo


Va ricordato che la provincia serba del Kosovo e Metohija è stata respinta dopo i barbari bombardamenti NATO della Jugoslavia, iniziati il ​​24 marzo 1999. Tuttavia, in base ai termini della pace, una clausola sulla proprietà della regione della Jugoslavia è stata inclusa nella risoluzione n. 1244 del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite. Nel 2008 (dopo la liquidazione della Jugoslavia) le cosiddette autorità del Kosovo hanno dichiarato unilateralmente "l'indipendenza", che è stata riconosciuta dagli Stati Uniti e dai loro alleati.

Il giorno del 19 ° anniversario del bombardamento della Jugoslavia, nella città serba di Aleksinac si è tenuto un evento su larga scala in memoria delle persone uccise per mano della NATO. Vi hanno preso parte il presidente serbo Aleksandr Vucic e l'ambasciatore russo a Belgrado Aleksandr Chepurin. Il diplomatico russo ha definito le azioni della NATO "la barbarie del XNUMX ° secolo" e ha sottolineato che l'Occidente non considera i serbi come persone. Nessuno vuole pentirsi per quello che ha fatto, ha osservato, e gli ambasciatori di quei paesi che hanno preso parte ai bombardamenti non si accostano ai fatti in memoria delle vittime.

I sondaggi d'opinione condotti alla vigilia dell'anniversario dei bombardamenti della NATO hanno mostrato che l'84% dei serbi non è pronto a perdonare la NATO per quella guerra e si oppone all'adesione della Serbia a questa alleanza.

L'ultimo incidente nella città di Kosovska Mitrovica non è passato inosservato. Il partito della lista serba, che ora fa parte del governo del Kosovo, lascia la coalizione di governo. Lo ha affermato il suo leader Goran Rakic ​​dopo consultazioni con Aleksandar Vucic.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: https://sputnik-georgia.com/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.