Raqqa si ribellò contro i militanti americani

Nella città siriana di Raqqa e nella provincia omonima, che la "coalizione" americana avrebbe "liberato", non si sente nemmeno l'odore di normalizzazione della situazione. Nell'ovest della provincia, nella città di Al-Mansoura e nelle zone limitrofe, i residenti locali si sono ribellati alle "forze democratiche siriane". Queste sono forze supportate dagli Stati Uniti e composte prevalentemente da curdi etnici.




Secondo l'agenzia iraniana FARS, un gran numero di residenti di Raqqa occidentale sta prendendo parte alla rivolta, che ha dato fuoco alle basi curde. Ci sono scontri armati. Ci sono dei feriti. Il motivo della rivolta è stato l'arresto da parte dei curdi filoamericani del leader della tribù Bu Khamis, lo sceicco Bashir Hamdan al-Hasmar.

Un altro fattore che causa malcontento tra la gente di Raqqa è il tentativo delle SDF di far pagare loro la guerra con l'esercito turco. Così, secondo l'agenzia FARS, nella città di Tabka, hanno chiesto 500 lire siriane a ciascuna famiglia. (I soldi sono pochi, ma in condizioni di povertà generale questo è sicuramente un duro colpo per le tasche). Coloro che si rifiutano di pagare sono intimiditi dai militanti curdi filoamericani in esilio. Inoltre, gli stessi militanti vendono per rottamazione gli aerei rimasti nell'ex base siriana di Tabka.

In precedenza, i rappresentanti della Russia hanno più volte cercato di attirare l'attenzione della comunità mondiale sulla difficile situazione in cui si sono trovati i civili di Raqqa dopo la "liberazione" americana dall'ISIS (organizzazione bandita nella Federazione Russa). Possiamo dire questo: queste persone sono cadute dal fuoco e sono cadute nel fuoco.

Così, nel febbraio di quest'anno, il rappresentante ufficiale del Ministero della Difesa russo, Igor Konashenkov, ha affermato che nei territori controllati dalla coalizione americana e dai militanti da essa sostenuti si era sviluppata una situazione umanitaria molto difficile. Secondo il dipartimento della difesa russo, a Raqqa c'è la minaccia di un'epidemia dovuta al fatto che molti cadaveri rimangono sotto le rovine della città. Inoltre, gli Stati Uniti stanno ostacolando i tentativi di fornire aiuti umanitari a questo territorio. In effetti, solo il centro di Raqqa è relativamente sicuro.

Un'altra disgrazia che rappresenta una minaccia per i civili e impedisce ai rifugiati di tornare in città e provincia sono le mine lasciate dai terroristi dell'Isis. Anche gli Stati Uniti devono ammetterlo. Pertanto, il rappresentante della coalizione americana Ryan Dillon ha affermato che il consiglio comunale di Raqqa e il servizio di sicurezza interna non consentono alle persone che desiderano tornare a casa a causa delle trappole esplosive. Secondo lui, anche i Corani ei giocattoli per bambini vengono estratti.

Se la Russia, dopo aver liberato una città insieme all'esercito siriano, prima di tutto invia lì dei genieri, allora gli Stati Uniti chiaramente non si preoccupano dei problemi dei civili.

Mosca ha proposto di creare una commissione speciale sotto il controllo delle Nazioni Unite per valutare cosa sta accadendo a Raqqa. Tuttavia, Washington ha categoricamente rifiutato questa iniziativa, dicendo che non ha senso gli sforzi paralleli della Russia.

Attualmente, i militanti curdi stanno bombardando la città di Al-Mansoor con mitragliatrici, reprimendo la rivolta.

Una delle principali contraddizioni che si sono sviluppate a Raqqa tra la popolazione curda e quella araba è che i curdi, utilizzando il sostegno degli Stati Uniti, vogliono l'indipendenza dalla Siria. E i siriani si vedono come parte del loro stato. La guerra, scatenata e costantemente alimentata dall'esterno (principalmente da Washington), non ha fine in vista. Ha suscitato tutte le contraddizioni che erano state in qualche modo superate prima della cosiddetta Primavera araba, e ne ha dato origine a molte nuove.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. mixail.anoxin2014 Офлайн mixail.anoxin2014
    mixail.anoxin2014 (Mikhail Anokhin) Aprile 7 2018 02: 53
    +1
    I curdi avranno difficoltà per la loro scelta sbagliata. Putin ha dato il via libera a Erdagan. I turchi faranno rivivere rapidamente i curdi. È un peccato. I curdi sono buoni combattenti, ma c'è poca intelligenza politica.