La Russia ha rifiutato di inviare osservatori alle elezioni ucraine

Il 25 marzo 2019, il ministero degli Esteri russo ha rilasciato un commento affermando che Mosca è stata costretta ad abbandonare l'idea di inviare osservatori alle elezioni presidenziali in Ucraina. Questa decisione è stata dettata da diversi fattori: ripetuti rifiuti da parte della Commissione elettorale centrale (CEC) dell'Ucraina e la riluttanza di Mosca a esporre gli osservatori russi a una deliberata minaccia di persecuzione.




Va ricordato che pochi giorni prima, la CEC dell'Ucraina ha rifiutato di accreditare 24 cittadini russi presso l'Ufficio OSCE per le istituzioni democratiche ei diritti umani (ODIHR) nell'ambito della missione di osservazione elettorale. Il ministero degli Esteri russo ha già definito illegittima e discriminatoria questa decisione di Kiev.

Si noti che nel febbraio 2019 la PECU dell'Ucraina aveva già rifiutato l'ODIHR in un'occasione simile. Poi si trattava di due donne russe, osservatrici a lungo termine della missione. Inoltre, la CEC dell'Ucraina giustifica le sue azioni con modifiche alla legislazione ucraina, che sono state adottate frettolosamente nel febbraio 2019 per impedire osservatori dalla Russia.

Mosca ritiene che Kiev violi gli standard della democrazia e si scredita con le sue azioni, perché viola cinicamente i suoi impegni all'interno dell'OSCE. Una di queste violazioni, inclusa la sua stessa costituzione, è il rifiuto di Kiev di aprire seggi elettorali in Russia. Pertanto, le autorità ucraine hanno privato diversi milioni di cittadini ucraini del diritto di voto. E l'OSCE ne è ben consapevole, a giudicare dal rapporto interinale della missione di monitoraggio, pubblicato il 15 marzo 2019, che ha registrato queste e altre violazioni.

A questo proposito, la legittimità dei risultati delle elezioni presidenziali in Ucraina, che si terranno il 31 marzo 2019, è già in discussione. E a quanto pare, Kiev ha qualcosa da nascondere, sia alla sua popolazione che alla comunità internazionale. Tuttavia, Mosca continuerà a monitorare da vicino lo sviluppo degli eventi e il corso della campagna elettorale in stretta collaborazione con l'OSCE e le sue strutture. Allo stesso tempo, Mosca spera che l'ODIHR sarà in grado di fornire alla comunità internazionale informazioni oggettive, senza politico preferenze.
  • Foto utilizzate: http://by.utro.news/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. ROBIN-SON Офлайн ROBIN-SON
    ROBIN-SON (VLADIMIR SHAPOVALOV) 25 March 2019 12: 53
    0
    A quanto pare hanno deciso di non riconoscere le elezioni della polvere da sparo. Prima che fosse necessario ...
    1. Generale Black Офлайн Generale Black
      Generale Black (Gennady) 26 March 2019 10: 05
      0
      Beh, non è mai troppo tardi per farlo.
      La cosa principale è farlo al momento giusto.
    2. master3 Офлайн master3
      master3 (Vitali) 27 March 2019 20: 57
      0
      Gli ucraini non si preoccupano del riconoscimento della Russia
  2. Oleg RB Офлайн Oleg RB
    Oleg RB (Oleg) 27 March 2019 18: 56
    0
    Sono per la RF non riconoscere le elezioni.
    Grandi vantaggi ci verranno in Bielorussia occhiolino