Clone cinese del Club-K russo: Washington non saprà a chi rispondere

Gli Stati Uniti continuano a calpestare il proprio rastrello, distruggendo il sistema di sicurezza internazionale, ritirandosi da un trattato dopo l'altro. Allo stesso tempo Washington si comporta come un bambino capriccioso e viziato che allo stesso tempo grida di essere offeso e allo stesso tempo riesce a minacciare gli altri con la violenza. Ecco come appare dall'esterno il quadro della geopolitica moderna.




Nel 2012, la Russia ha creato il sistema missilistico container Club-K (una modifica del sistema "Calibre"). Ha fatto una vera rivoluzione negli affari militari. Dopotutto, è diventato possibile posizionare missili e relative apparecchiature in container marittimi standard da 20 e 40 piedi, che hanno trasformato qualsiasi container di questo tipo su qualsiasi nave mercantile o in un porto (terminale) in una potenziale minaccia difficile da rilevare.

Fino a quel momento, solo Mosca possedeva un'arma del genere, ma ora Washington si rammarica che il missile da crociera a lungo raggio sviluppato da Pechino sia un clone (analogo) del Club-K russo. Di conseguenza, ci si possono aspettare spiacevoli "regali" dalla Cina, e non solo dalla Russia. Lo segnala al pubblico l'agenzia di stampa americana The Washington Free Beacon.

La WFB riferisce senza mezzi termini che qualsiasi nave commerciale civile che trasporta almeno un paio di container standard è ora una potenziale minaccia. E tali navi, con missili da crociera in container, possono facilmente finire anche nei porti americani, il che rappresenta una seria minaccia per la sicurezza delle strutture strategiche statunitensi. Inoltre, la WFB teme e sospetta che la Cina dispiegherà tali armi in tutto il pianeta sulla sua rete di basi e potrebbe anche venderle agli avversari statunitensi.

Posizionare missili nei container offre a Cina, Russia e ai loro partner disonesti nuove opportunità per attaccare direttamente o indirettamente gli Stati Uniti ei suoi alleati

- ha affermato l'esperto dell'International Center for Assessment and Strategy (USA) Rick Fisher.

Potenzialmente i lanciamissili cinesi potrebbero essere immagazzinati vicino al porto di Seattle in attesa del lancio di testate elettromagnetiche a Kitsap

Fischer ha aggiunto, citando come esempio la base della flotta del Pacifico degli Stati Uniti.

Fischer sostiene che tali sistemi d'arma potrebbero disabilitare l'elettronica dei sottomarini nucleari americani (sottomarini nucleari), che contengono il 50% di tutto il potenziale nucleare strategico degli Stati Uniti sotto forma di missili Trident. Dopo un simile attacco, il caos è possibile e Washington non saprà chi contrattaccare. Della Russia o della Cina, o forse della Corea del Nord o dell'Iran, o di qualsiasi altro paese che abbia acquisito tali sistemi missilistici.

La WFB afferma che il promettente missile cinese è già sottoposto a test di volo. È una versione più avanzata del missile anti-nave cinese YJ-18C terrestre. Inoltre, si basa sul Russian Club-K. E poco prima, la WFB ha riferito dello sviluppo di potenti superbombe elettromagnetiche in Cina, Russia, Corea del Nord e Iran. È vero, la WFB non ha specificato che i paesi elencati sono semplicemente costretti a trovare modi per proteggersi dalla sanguinaria "democrazia" degli Stati Uniti.
  • Foto utilizzate: http://voiska.ru/
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir_Voronov Офлайн Vladimir_Voronov
    Vladimir_Voronov (Vladimir) 29 March 2019 10: 27
    +2
    Washington si comporta come un bambino capriccioso e viziato che piange allo stesso tempo di essere vittima di bullismo e allo stesso tempo riesce a minacciare gli altri con la violenza.

    Fantastico confronto, direi aforistico.
  2. maiman61 Офлайн maiman61
    maiman61 (Yury) 29 March 2019 20: 15
    +2
    dalla sanguinaria "democrazia" degli Stati Uniti

    - non puoi dire meglio!
  3. commbatant Офлайн commbatant
    commbatant (Sergey) 30 March 2019 00: 51
    +1
    È facile immaginare le "navi portacontainer" di Eun al largo delle coste degli Stati Uniti o del Giappone, o sotto la bandiera della "Liberia", con personale proveniente dall'Iran, al largo di Israele ...
  4. meandr51 Офлайн meandr51
    meandr51 (Andrew) 30 March 2019 12: 01
    +2
    È meglio assumere cittadini della mafia israeliano-americani per lanciare i missili. Mediatore dall'aspetto asiatico-africano. Per 10 milioni venderanno la propria madre. Tradizionalmente, gli Stati Uniti designeranno l'Afghanistan come colpevole.