Chi c'è dietro la provocazione anti-migranti in Yakutia?

In Yakutia, ai migranti che lavorano sulla base di brevetti è stato vietato il commercio, il trasporto di passeggeri e la produzione di cibo, bevande e vestiti. Il 28 marzo il capo della Yakutia, Aisen Nikolaev, ha firmato un decreto corrispondente.


La ragione di questi cambiamenti è stata una manifestazione tenutasi il 17 marzo a causa del rapimento e dello stupro di una donna locale da parte di un migrante del Kirghizistan. Il capo della regione ha definito la manifestazione una provocazione organizzata da alcune forze. Secondo lui, le persone sono state portate appositamente alla manifestazione, la maggior parte di loro era ubriaca.

Anche lo storico e conduttore radiofonico Marat Safarov ritiene che la manifestazione sia stata opera di provocatori. Ha affermato che durante questo movimento non sono state formulate dichiarazioni specifiche contro tagiki, uzbeki e kirghisi. Safarov ha definito la manifestazione una manifestazione di una sorta di fobia dei migranti provocata artificialmente, dietro la quale stanno le forze interessate.

Secondo il capo della Yakutia, lo stesso Aisen Nikolaev, l'organizzazione dei raduni potrebbe essere supportata da politica.

Il decreto firmato da Nikolaev si applica solo ai migranti che lavorano sui brevetti. Tuttavia, il Kirghizistan è incluso nell'Eurasiatico economico sindacato, ei suoi residenti non hanno bisogno di ottenere un permesso di lavoro in Russia, quindi non rientrano nel nuovo decreto. Ma, secondo Safarov, il documento firmato dal capo della Yakutia aiuterà ad alleviare la tensione.

6 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Vladimir Khrebtov Офлайн Vladimir Khrebtov
    Vladimir Khrebtov (Vladimir Khrebtov) 29 March 2019 15: 43
    0
    contro tagiki, uzbeki e kirghisi

    Sono già in Yakutia?
  2. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 29 March 2019 15: 53
    0
    Già, "e politici stranieri" e "opera di provocatori".
    E le autorità non sono da biasimare, hanno semplicemente battuto gli occhi ... ma il decreto è stato firmato volontariamente ...
  3. Oleg RB Офлайн Oleg RB
    Oleg RB (Oleg) 29 March 2019 18: 21
    -1
    Yakuts: persone della seconda razza o della centesima? L'ideologia di Hitler, tuttavia, divenne russa.
  4. Porto Офлайн Porto
    Porto 31 March 2019 08: 34
    +1
    Una vera provocazione è quando ci sono più migranti che Yakuts. E qualcuno deve rispondere per questo.
  5. Porto Офлайн Porto
    Porto 31 March 2019 08: 37
    0
    Citazione: Vladimir Khrebtov
    Sono già in Yakutia?

    E non solo. Ad esempio, la città dei metallurgisti e dei minatori, Norilsk, è stata a lungo ribattezzata in piccola Baku.
  6. lavoratore dell'acciaio 10 può 2019 11: 48
    +1
    Le nostre autorità e giornalisti hanno già dimenticato come negli anni '90 i russi furono espulsi, derubati e uccisi in tutte le repubbliche dell'URSS. Ora proibiscono la lingua russa, ma il nostro governo dà loro per guadagnare soldi qui, privando i loro cittadini di lavoro e guadagni. La cosa più interessante è che nessuna repubblica ha assicurato nessuno alla giustizia per il genocidio dei russi. Sostengo la Yakutia del 150%.