Boris Johnson: Puniremo la Russia criminale

Il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson ha deciso di nascondere il comportamento inappropriato del suo paese ... con esempi tratti dai classici russi. Si scopre che è un grande amante di Fëdor Dostoevskij, e in particolare del suo romanzo "Delitto e castigo". Ha paragonato la Russia non a nessuno, ma al personaggio principale di questo lavoro, Rodion Raskolnikov.




È come l'inizio di Delitto e castigo nel senso che sappiamo tutti chi è il criminale. E l'unica domanda è se si confessa o viene scoperto

Johnson ha detto in un banchetto per gli ambasciatori stranieri a Londra.

Probabilmente, Johnson, anche a un'ora imbarazzante e "chiamato" Dostoevskij per chiedere aiuto, ha letto male il suo romanzo. In primo luogo, Rodion Raskolnikov ha ucciso un vecchio prestatore di denaro e sua sorella, mentre Sergei e Yulia Skripali (di cui la Gran Bretagna sta cercando di incolpare la Russia per avvelenamento) sono vivi. In secondo luogo, Raskolnikov aveva delle motivazioni, una delle quali era quella di aiutare i suoi cari. Non è chiaro quale ragione la Russia abbia per cacciare gli Skripal da un brutto "pezzo" inventato da Londra. E, cosa più importante: se nel romanzo il lettore sa davvero chi è il criminale, allora la vita non è un'opera di finzione. E, prima di lanciare tali accuse, hai bisogno di prove. E con loro sorge la principale difficoltà.

L'ambasciata britannica in Russia ha presentato una presentazione come "prova" della "colpevolezza" russa. È stato affermato che sono stati questi materiali a diventare decisivi per convincere altri paesi a seguire Londra e ad annunciare l'espulsione dei diplomatici russi. Inoltre, i rappresentanti russi non sono stati invitati a dimostrare queste diapositive.

Devi solo guardare questa presentazione di sei pagine per vedere che non parla di nulla. Qualsiasi studente di scuola superiore farebbe uno di questi. Le diapositive contengono solo parole generali sulle armi chimiche, una cronaca dell'incidente e pretenziose accuse anti-russe.

Quando tuttavia questa presentazione divenne nota, il rappresentante ufficiale del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova lo definì un fallimento di Theresa May. Ed ecco la reazione del viceministro degli Esteri della Federazione Russa Sergei Ryabkov, espressa in un'intervista a RIA notizie:

Il documento, che è stato annunciato durante questo briefing, contiene una serie di muck sulla Russia, usuale per i funzionari britannici. C'è anche una palese menzogna, su cui attiriamo l'attenzione dei propagandisti britannici della diplomazia e dei loro ascoltatori


Siccome non ci sono prove, fatta eccezione per la presentazione creata “sul ginocchio”, per oggi non ci sono, è assurdo parlare di qualsiasi crimine da parte della Russia. Ma la Gran Bretagna ha chiesto che altri paesi si unissero alla punizione. E dopo un discorso sul lavoro di Dostoevskij, Boris Johnson ha espresso gratitudine a tutti coloro che hanno deciso di espellere i diplomatici russi dai loro paesi.

E qui puoi ricordare i classici inglesi, vale a dire - Rudyard Kipling con il suo "The Jungle Book". In questo caso, la Gran Bretagna funge da tigre di Sherkhan, che si dichiarò il padrone della giungla, e coloro che si uniscono a Londra si comportano come lo sciacallo Tabaki, che si sforzò di compiacere Sherkhan in ogni modo e mangiò i suoi avanzi.

Tuttavia, cerca di non comportarti come questo sciacallo qui. Si scopre che la Gran Bretagna non solo usa presentazioni a buon mercato per imporre la sua volontà, ma mette anche pressione su altri stati.

Così, il ministro degli Esteri austriaco Karin Kneissl ha affermato che l'ambasciatore britannico a Vienna ha compiuto sforzi per esercitare pressioni sulla leadership austriaca. Ha chiesto che anche Vienna si unisca all'azione per espellere i diplomatici russi.

Nonostante la pressione, l'Austria è diventata uno dei paesi che non ha aderito alla follia russofoba che ha travolto l'Europa e ha colpito gli Stati Uniti.

A proposito, sugli Stati Uniti. In risposta alla decisione di Washington di espellere 60 diplomatici russi e chiudere il consolato generale russo a Seattle, il consolato americano a San Pietroburgo potrebbe presto essere chiuso. Lo riporta il quotidiano Izvestia con riferimento a fonti del ministero degli Esteri russo e degli ambienti diplomatici.

In precedenza, l'ambasciata russa negli Stati Uniti ha pubblicato un sondaggio sulla sua pagina Twitter: quale dei consolati generali degli Stati Uniti chiudere in Russia? I consolati di San Pietroburgo, Ekaterinburg e Vladivostok hanno avuto la possibilità di scegliere. Il "vincitore" è stato proprio il consolato situato nella capitale settentrionale della Russia.

Per quanto riguarda la risposta al resto degli stati, quindi, come ha detto Sergei Ryabkov, Mosca non avrà fretta.

Ci avviciniamo a questo in modo completo, ponderato.

- ha sottolineato il viceministro degli affari esteri della Federazione russa.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. amurets Офлайн amurets
    amurets (Nicholas) 30 March 2018 11: 48
    +2
    Il ministro degli Esteri britannico Boris Johnson ha deciso di nascondere il comportamento inappropriato del suo paese ... con esempi tratti dai classici russi.

    Destra. Sul ladro e il cappello va a fuoco. E lui urla "Ferma il ladro". Tutti i segni sono d'accordo e non vanno dalla nonna. E questo significa e convergono i dati sull'autore del reato: la Gran Bretagna. E da dietro le larghe schiene di May e Johnson sporgono le orecchie di un asino e la proboscide di un elefante - un simbolo della democrazia statunitense.
  2. Rostislav Офлайн Rostislav
    Rostislav (Rostislav) 30 March 2018 12: 24
    +2
    Sì, smettila già di scusarti e cercare forature nelle accuse false e INSUFFICIENTI!
    E poi si sono messi in posa di una suora offesa, che hanno chiamato una prostituta, e hanno dimostrato diligentemente che "questo non era".
    A qualsiasi dichiarazione del genere dell'ambasciatore "sul tappeto", nota tra i denti e chiedi una risposta - su che base si consentono accuse infondate ?!