Abbandonare il dollaro: perché la Russia ha bisogno di sbrigarsi

Dopo aver terminato la "resa dei conti" con il proprio presidente (almeno per un po '), gli abitanti di Capitol Hill hanno ripreso la loro attività preferita: "la lotta contro la minaccia russa". Il Congresso degli Stati Uniti ha presentato un disegno di legge su nuove sanzioni anti-russe rivolte principalmente contro il sistema finanziario del nostro paese. Alla luce di ciò, la questione della massima dedollarizzazione domestica economia... Questo processo può rendere possibile ridurre al minimo l'effetto dannoso delle nuove restrizioni, neutralizzarne i danni e "partire con un naso" russofobi di Washington.




Nell'ambito del nuovo progetto di sanzioni, i beni negli Stati Uniti potrebbero essere congelati e potrebbe essere introdotto il divieto di aprire conti di corrispondenza per "un certo numero di banche russe". Molto probabilmente, stiamo parlando di tali "pilastri" del sistema finanziario nazionale come Vnesheconombank, Gazprombank, Sberbank, Rosselkhozbank, VTB. Dovrebbe essere chiaro che lo scopo principale di queste restrizioni non è altro che la completa distruzione del sistema di conti di corrispondenza in valuta operante in Russia. Come? Proviamo a spiegare: per l'enorme influenza che Washington ha oggi sul nostro sistema finanziario (così come sul settore bancario della maggior parte degli altri paesi del mondo), un grande “grazie” va rivolto alla legge extraterritoriale FATCA adottata negli Stati Uniti nel 2010. Secondo lui, le informazioni su persone e società che sono contribuenti negli Stati Uniti sono fornite a questo paese su base obbligatoria dalle banche di qualsiasi paese del mondo. Le minime violazioni, come si suol dire, sono "molto gravose" e "strettamente soggette". Vedendo nelle attività di qualsiasi istituto finanziario un tentativo di aggirare o ignorare il FATCA, le autorità di vigilanza statunitensi possono organizzare per lui un lussuoso "mazzo" di guai, fino al blocco completo di tutti i conti e le transazioni.

Più o meno lo stesso, solo in una forma ancora più severa, il nuovo disegno di legge prevede. In teoria, avendo visto nelle attività di qualsiasi banca russa "finanziamento di interferenze nelle elezioni americane" o, cosa più semplice, dichiararle "sotto il controllo del governo russo" e, inoltre, nella sua proprietà, Washington inizierà a bloccare qualsiasi loro transazione passante per la finanziaria americana sistema. Nel caso si tratti di una guerra finanziaria di "distruzione", verrà utilizzato lo strumento repressivo preferito dagli Stati Uniti per questi casi - SWIFT, e parleremo della sospensione di tutte le operazioni che le nostre banche sono costrette a svolgere per ora. Ebbene, e gli arresti già menzionati sopra, o almeno il congelamento delle istituzioni e delle società finanziarie russe “sbagliate” ovunque gli americani possano raggiungerle.

Prospettive derivanti da tali opportunità? Mettiamola senza mezzi termini: infelice. E se parliamo dell'ulteriore sviluppo degli eventi ... Una caratteristica estremamente spiacevole delle nuove sanzioni è che per la prima volta, seppur indirettamente, puntano alla Banca centrale russa. In tutto il mondo, queste organizzazioni sono considerate come "intoccabili" e non soggette a restrizioni, anche se vengono introdotte contro un determinato paese. Le uniche eccezioni sono le banche centrali di quegli stati che sono dichiarati dagli Stati Uniti "stati canaglia", "sponsor del terrorismo internazionale" e così via. Corea del Nord, Libia, Iran, Siria ... A proposito, il che è molto caratteristico - uno dei principali "peccati" di queste banche, che le hanno elevate in cima alla "lista nera" di Washington, non è solo che appartengono al settore pubblico di paesi con "dittatura regimi ”, e anche il fatto che in tutti questi paesi prima o poi (o si stanno facendo adesso) tentativi di sbarazzarsi il più possibile della dittatura del dollaro.

Tuttavia, non tutto è così male con lui come con quelli sopra menzionati: non si disconnettono da SWIFT, le risorse non vengono bloccate. Tuttavia, il fatto che il pacchetto di restrizioni imminenti preveda per la prima volta misure che lo riguardano specificamente non può che essere allarmante. Si tratta di un divieto di acquisto non solo di titoli di Stato russi, ma anche di titoli di debito della sua Banca Centrale, che d'ora in poi diventerà impossibile collocare sui mercati finanziari mondiali. La cosa divertente è che tale collocazione non è mai stata effettivamente praticata - a quanto pare, Washington sta semplicemente "assicurando per il futuro". Ma la seconda misura, che impedisce alla nostra Banca Centrale di attirare prestiti a breve termine dall'estero alla Russia sulle cosiddette operazioni di swap, è già molto più grave. Anche i finanzieri statali russi non abusano di questo strumento, ma lo usano periodicamente: così è stato nel 2009 e nel 2017. La domanda principale che sorge di conseguenza è fino a che punto i nostri "amici giurati" dall'estero raggiungeranno il loro desiderio di infastidire il più aspro sistema finanziario russo? L'ora non è uniforme e la disconnessione della Banca centrale russa dai sistemi di pagamento internazionali e il congelamento delle sue attività in valuta estera potrebbero diventare una realtà.

Questo è il momento di ricordare che il sistema finanziario di qualsiasi paese è vulnerabile agli attacchi di Washington, prima di tutto per l'uso della valuta statunitense al suo interno. Tutte le transazioni in dollari nel mondo sono in qualche modo controllate dagli Stati Uniti. Non c'è "verde" negli accordi reciproci - non c'è controllo americano su di essi. Ecco perché il processo di liberare la nostra economia dalla partecipazione e dall'influenza della moneta "nemica" il più possibile non è solo la decisione giusta, ma la più corretta - come direbbe in questa occasione il "capo del proletariato mondiale". È stato avviato, ahimè, con un discreto ritardo, ma qui è sicuramente meglio più tardi che mai. Uno dei principali strumenti di de-dollarizzazione è, ovviamente, il rifiuto del denaro americano come componente delle riserve auree e valutarie della Russia. Solo nell'ultimo anno, la loro quota in dollari è diminuita di quasi la metà, dal 43,7% al 22% circa. Secondo i dati ufficiali, quest'anno (a febbraio) le attività in dollari delle banche russe sono diminuite di quasi il 5%. Tuttavia, nel volume totale delle loro attività, la valuta americana è ancora di circa $ 305 miliardi, quindi nella direzione scelta è ancora in movimento e in movimento.

Un tempo, critici maliziosi e sedicenti esperti si sono rivolti alle autorità russe, e in particolare alla Banca centrale, hanno espresso molti commenti sui "tentativi falliti di de-dollarizzazione". Dicono che stanno buttando via i soldi, investendo "nelle valute sbagliate". Ebbene, se gli "esperimenti" della stessa Banca Centrale con lo yuan cinese possono essere considerati piuttosto controversi (anche se chi non fa nulla non sbaglia), allora non possono esserci dubbi sullo strumento principale della "lotta anti-dollaro" scelto dal nostro Paese. La scommessa sul metallo nobile in sostituzione delle ormai pericolose componenti delle riserve auree e valutarie dello Stato si è rivelata l'unica decisione corretta e possibile. Ciò diventa particolarmente evidente dopo, senza esagerare, il fatidico evento - l'entrata in vigore il 29 marzo della decisione adottata nel 2011 dal Comitato di vigilanza bancaria presso la Banca dei regolamenti internazionali. Questa istituzione finanziaria, con sede in Svizzera, è, infatti, l'organismo che approva gli standard e le norme di attività per tutti i finanziatori del mondo, prima di tutto per le banche centrali di vari paesi.

Per Dio, vale la pena soffermarsi in dettaglio sulla sua decisione, che ha il nome non ufficiale "Basilea III". In effetti, in base ad esso, d'ora in poi, la quota del capitale di tutte le banche immagazzinate in oro è stimata al massimo, e non alla metà, del valore di mercato di questo metallo prezioso, come era prima! Questo, ovviamente, non è ancora un ritorno al gold standard monetario. Ma, sicuramente, il primo passo verso di esso. E un passo di sette leghe. Il sistema del gold standard, rotto unilateralmente dagli Stati Uniti nel 1971, è stato una delle pietre miliari più importanti nello smantellamento da parte di Washington dell'intero sistema di relazioni mondiali sviluppatosi a seguito della seconda guerra mondiale. Ciò è stato fatto, naturalmente, per stabilire l'egemonia mondiale degli Stati Uniti e l'imposizione del dollaro al mondo intero come l'unica, di fatto, moneta universale, ha giocato un ruolo enorme nel raggiungimento di questo obiettivo. Ricordiamo: in seguito ai risultati della Conferenza di Bretton Woods, tenutasi nel 1944, dopo la guerra, il dollaro e l'oro sarebbero diventati moneta mondiale. Tuttavia, avendo abbandonato nel 1971 il libero scambio di banconote del Tesoro USA con "valuta forte" o lingotti bancari, gli americani hanno finalmente trasformato l'oro in un metallo nobile, prezioso, ma pur sempre ordinario.

Il vento gelido della prossima crisi finanziaria globale che si avvicina al mondo, una chiara consapevolezza che tutti gli shock nei mercati finanziari mondiali sono originati dagli Stati Uniti, o meglio, l'eccessivo dominio della sua valuta - tutto ciò fa riflettere i finanzieri sulla necessità di prendere le misure più drastiche per proteggere il proprio capitale. A nessuno interessa che il dollaro che affonda "trascini in fondo" l'intera economia mondiale. E anche se è improbabile che ci aspettiamo un massiccio conio di monete d'oro nel prossimo futuro, tuttavia, il ghiaccio, come si suol dire, si è rotto: l'oro sta tornando vittoriosamente, anche se lentamente, nei mercati finanziari del pianeta, dove regna da millenni. Ne sono la prova più di 650 tonnellate di questo metallo acquistate dalle banche centrali di vari paesi nel 2018. Questa cifra è un record per l'intero periodo, prendendo un punto di partenza nel memorabile 1971.

La buona notizia è che il 42% del suddetto volume di metalli preziosi acquistati sono solo acquisti effettuati dalla Banca centrale russa - quasi 275 tonnellate. Questa è la cifra più grande del mondo. Turchia e Kazakistan ci seguono nella lista dei paesi "ricchi". Cina e India stanno aumentando attivamente le loro riserve auree. Oggi la Russia è un paese con la quarta riserva aurea più grande del mondo. E questo è incoraggiante. Naturalmente, non puoi farla franca con un solo "metallo giallo": Washington ci ha presi troppo sul serio. Pertanto, l'SPFS nazionale - il sistema di messaggistica finanziaria dovrebbe essere sviluppato e ampliato il più possibile ora - mentre non si parla di disconnettere la Russia da SWIFT. Allora potrebbe essere troppo tardi. Lo scorso anno, questo sistema aveva circa 500 utenti, inclusi giganti come Rosneft e Gazprom. Il problema, tuttavia, è diverso: SPFS ha un disperato bisogno di uscire dalla Russia e gli utenti stranieri stanno ancora tentando solo timidamente di connettersi ad esso. Opzioni vecchie e testate, lo stesso SWIFT è più familiare e più affidabile.

È qui che Mosca deve sfruttare al meglio tutte le opportunità che gli stessi Stati Uniti le offrono. È necessario "giocare" sulle sanzioni americane - contro Iran, Venezuela e persino contro la Corea del Nord! E considerare la situazione non dal punto di vista del "non importa come accada qualcosa" (è già accaduto, ma sarà anche peggio!), Ma esclusivamente dal punto di vista del "giusto essere in tempo"! Non per aver paura di “far arrabbiare” o “provocare” Washington a nuove sanzioni, ma di agire in anticipo rispetto alle sue decisioni, calcolando lo sviluppo degli eventi secondo il peggior scenario possibile. Se il Cremlino non riesce a utilizzare correttamente l'intera serie di contraddizioni economiche e conflitti nel mondo di oggi, gli Stati Uniti, non solo con i suddetti stati, ma anche, prima di tutto, con Cina, paesi europei, Turchia, non metteranno insieme un blocco "anti-dollaro", ma essenzialmente anti-americano - da soli avremo un brutto momento. La terza guerra mondiale economica è già in corso e nessuno vi combatterà come un cavaliere.
16 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bakht Офлайн Bakht
    Bakht (Bakhtiyar) Aprile 4 2019 10: 34
    0
    Qual è la relazione tra il dollaro e SWIFT?
    1. Fedor Kolokoltsev Офлайн Fedor Kolokoltsev
      Fedor Kolokoltsev (Fyodor Kolokoltsev) Aprile 4 2019 12: 15
      +1
      Molto grande e robusto! Il controllo di questi strumenti è interamente nelle mani degli Stati terroristi d'America. Ciò significa che in qualsiasi momento possono coprire il negozio.
      1. Bakht Офлайн Bakht
        Bakht (Bakhtiyar) Aprile 4 2019 13: 37
        +1
        Anche se hai un conto in rubli e effettui una transazione, i tuoi rubli passano attraverso il sistema SWIFT. Il sistema SWIFT è uno strumento di transazioni finanziarie. E a questo strumento non interessa quale valuta hai. Non c'è connessione. Un'altra cosa è che le operazioni possono essere tracciate attraverso un sistema controllato dagli Stati Uniti. Disconnettersi dal sistema SWIFT non significa bloccare le transazioni. Rende solo difficile. La de-dollarizzazione, d'altra parte, è tutta un'altra cosa. Pertanto, la disconnessione dal sistema significa che gli Stati Uniti perderanno il controllo sui flussi finanziari della Federazione Russa. Il che, in generale, può essere buono. La sostituzione con qualsiasi altra è la sostituzione dell'importazione.
        Scollegare la RF dal sistema è svantaggioso in primo luogo per l'Occidente.
        1. Bakht Офлайн Bakht
          Bakht (Bakhtiyar) Aprile 4 2019 13: 47
          +2
          Domanda aggiuntiva. Il sistema di pagamento del personale militare ora passa attraverso le carte bancarie. E ovviamente vengono tracciati dal sistema SWIFT. Il Ministero della Difesa protegge in qualche modo la segretezza dei trasferimenti? Oppure gli Stati conoscono perfettamente lo spiegamento delle unità, il numero del personale e delle personalità delle Forze armate RF?
          Si tratta della sicurezza informatica dello Stato.
  2. Vladimir_Voronov Офлайн Vladimir_Voronov
    Vladimir_Voronov (Vladimir) Aprile 4 2019 12: 04
    +1
    Basilea III farà il suo lavoro. Già in tandem con Trump, ha iniziato a trasformare la "carta verde" in carta e questo non può essere fermato. Inoltre, sembra che qualsiasi stato, che è ovvio, ma qualcuno "in silenzio" - annuendo e sorridendo, passerà all'oro.
  3. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) Aprile 4 2019 13: 19
    0
    E dove venire, scambiare dollari con oro?
    1. Bakht Офлайн Bakht
      Bakht (Bakhtiyar) Aprile 4 2019 13: 41
      +1
      Ciao, questa è la Società della Memoria? Il cittadino Rabinovich ti sta parlando. È vero che gli ebrei hanno venduto la Russia?
      Sì, il muso dell'ebreo!
      Allora dove dovrei andare per la mia parte?
  4. Oleg RB Офлайн Oleg RB
    Oleg RB (Oleg) Aprile 4 2019 15: 10
    0
    Comprerò dollari. Ad un tasso di 1 a 1. lingua
    1. Bakht Офлайн Bakht
      Bakht (Bakhtiyar) Aprile 4 2019 15: 25
      +1
      Negli Stati Uniti. Vendono dollari per dollari. Al ritmo di 1: 1 wassat
      1. Oleg RB Офлайн Oleg RB
        Oleg RB (Oleg) Aprile 4 2019 17: 59
        0
        Lo so. Sarcasmo oltre i "soldi moriranno presto" lol
        1. Bakht Офлайн Bakht
          Bakht (Bakhtiyar) Aprile 4 2019 21: 57
          +1
          Ogni scherzo ha la sua parte di scherzo. Tutto il resto è vero. Sono sullo stesso punto di vista: il dollaro morirà presto.

          Siediti in silenzio sulle rive del fiume e il cadavere del tuo nemico passerà vicino.
          1. Oleg RB Офлайн Oleg RB
            Oleg RB (Oleg) Aprile 5 2019 15: 41
            0
            Aneddoto nell'argomento:
            Ci sono tre gradi di povertà tra i bielorussi. Primo: niente soldi. Secondo: soldi
            Affatto. Terzo: andiamo a restituire dollari

            risata
            Scherzi tutti, ma quante volte l'abitudine di mettere da parte dei soldi di riserva ci ha salvato.
        2. yuriy55 Офлайн yuriy55
          yuriy55 (Yuri Vasilievich) Aprile 5 2019 04: 08
          +2
          Citazione: Oleg RB
          Lo so. Sarcasmo oltre i "soldi moriranno presto" lol

          Questa informazione contiene un numero sufficiente di argomenti, il numero dei quali è in costante aumento dagli stessi Stati Uniti. Non puoi nemmeno immaginare quanto presto possa accadere ... Me lo ricordi? Una volta ... e tutto il tesoro e le banconote dell'URSS con carta di alta qualità e gradi di protezione sono diventati carta ... richiesta
          1. Bakht Офлайн Bakht
            Bakht (Bakhtiyar) Aprile 5 2019 08: 56
            +4
            L'argomento più importante dei "soldi morenti" sta in superficie. E viene chiamato "il presidente degli Stati Uniti Donald Trump". Quando Trump è stato eletto presidente (nominato), è diventato chiaro che gli Stati volevano cancellare i loro debiti. Hilary li avrebbe cancellati con una guerra. Trump cancellerà il principio del "devo perdonare tutti". Basta guardare il suo curriculum. È uno specialista in bancarotte. Aveva 5 o 6. Trump non vede niente di sbagliato nel fallimento. Questo è il suo stile di lavoro. È uscito da ogni fallimento con un vantaggio.
            Non vede niente di sbagliato nella morte del dollaro FRS. Ci sarà un dollaro USA. Un'altra cosa è che ha una potente opposizione sotto forma di un'oligarchia finanziaria. E un sostegno non meno potente di fronte all'oligarchia industriale. Credo ancora che gli industriali vinceranno e tutte le bolle di borsa scoppieranno. Il mondo sta affrontando una "tempesta perfetta" che distruggerà la maggior parte delle speculazioni sul mercato azionario. Ciò interesserà principalmente le azioni high-tech come le transazioni di computer e futures.
            1. pischak Офлайн pischak
              pischak Aprile 5 2019 13: 04
              0
              hi Per quanto riguarda "a chi devo, perdono tutti" - nei duemilesimi anni "zero" ci sono state "fughe di notizie (comprese le foto di nuove monete e banconote)" sui media (non il primo di aprile! sorriso ) sul già stampato e coniato "amero" - la presunta moneta comune di Stati Uniti, Messico e Canada, invece del dollaro.
              1. Bakht Офлайн Bakht
                Bakht (Bakhtiyar) Aprile 5 2019 13: 09
                0
                Sì, c'erano messaggi del genere. Ma chi ha detto che l'idea era morta?