Perché gli Stati Uniti sono contrari alla "riunione" di F-35 e S-400 nei cieli della Turchia

Washington ha sospeso le forniture di attrezzature per gli F-35 alla Turchia. Ciò è dovuto al fatto che Ankara ha deciso di acquistare l'S-400 dalla Russia. I primi complessi russi dovrebbero essere consegnati quest'estate.


In precedenza, gli Stati Uniti si limitavano a minacce contro un partner NATO, ora hanno iniziato a mettere in atto queste minacce. L'attrezzatura di cui la Turchia ha bisogno per far funzionare l'aereo in servizio non è più fornita. In particolare, stiamo parlando di simulatori di addestramento per piloti. Ankara, inoltre, si aspettava altri cento combattenti americani. Inoltre, alcuni dei componenti di questi aeromobili sono prodotti in Turchia.

Washington sferra quindi un triplo colpo: intende abbandonare il supporto agli F-35 esistenti in Turchia, dalla fornitura di nuovi aerei e dai servizi dei costruttori turchi.

Gli Stati Uniti affermano che un paese della NATO non dovrebbe avere sistemi di difesa aerea di fabbricazione russa, poiché non sono integrati nel sistema di difesa generale. Allo stesso tempo, la Grecia, che è anche un membro della NATO, è armata con S-300 russi, perfettamente integrati nel sistema NATO. Ankara non ha i migliori rapporti con Atene, quindi le autorità turche sono preoccupate per questo fatto.

La paura del Pentagono potrebbe derivare dal fatto che i sistemi S-400 esporranno le vulnerabilità dell'F-35. Questi costosi aerei sono commercializzati come "invisibili", ma i sistemi di difesa aerea russi potrebbero distruggere questo mito. Inoltre, i dati sulle vulnerabilità dei combattenti americani possono arrivare a specialisti russi. Ciò renderebbe l'F-35 praticamente inutile e metterebbe a repentaglio le loro vendite.

La Turchia è consapevole sia del pericolo delle misure americane sia del fatto che non esiste una sostituzione completa per l'F-35. Tuttavia, anche l'assenza di un potente sistema di difesa aerea è percepita come un rischio per la sicurezza. Quindi la scelta per le autorità turche è questa: o caccia americani o sistemi di difesa aerea russi. Ankara sceglie la difesa aerea.

La stessa Turchia sta sviluppando il proprio caccia di quinta generazione. Entro il 2030 dovrebbe iniziare la produzione di massa di tali aeromobili. Inoltre, Ankara si aspetta che gli Stati Uniti non oseranno applicare sanzioni contro di essa, poiché ciò colpirà anche i loro interessi.

3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
    Pishenkov (Alex) Aprile 5 2019 15: 20
    +1
    Non so se i turchi possano resistere a tale pressione. Ma se, tuttavia, sì, allora possiamo tranquillamente iniziare a scrivere una nuova storia della NATO - in discesa.
    E la Federazione Russa, a sua volta, dovrebbe imparare dagli Stati Uniti la durezza dei rapporti con i suoi alleati. Inoltre, gli Stati hanno questi stessi alleati per i loro interessi e combattono effettivamente dove necessario, il sangue dei loro soldati viene versato e il denaro viene speso per questo. Li seguono anche laddove contraddice il diritto internazionale, ecc., Adempiono ai loro obblighi di blocco ... E finora abbiamo questi alleati come alleati ... Non ci supportano, non solo con le truppe, ma anche in forma cartacea, nelle Nazioni Unite e in altre organizzazioni internazionali, e hanno anche poco coraggio per questo ... La CSTO non è un blocco di sicurezza, ma un circolo di discussione di interessi, senza alcun obbligo, a quanto pare ...
  2. Syoma_67 Офлайн Syoma_67
    Syoma_67 (Semyon) 1 può 2019 09: 49
    -1
    Ciò renderà l'F-35 praticamente inutile.

    - senza senso! Penso che la situazione sarà completamente opposta. Pensaci, venduto a un paese, un membro della NATO, un sistema di difesa aerea, che è in servizio con la Russia. Ora la NATO, con la distruzione del sistema di difesa aerea russo, non avrà sicuramente alcun problema. Ed Erdogan e Trump prima o poi troveranno un linguaggio comune.
  3. lavoratore dell'acciaio 10 può 2019 11: 37
    +1
    Bene, hanno venduto l'S-400 alla Turchia e poi cosa? I turchi lasceranno la Siria, l'ISIS sarà distrutto ovunque, verrà finalmente pagato un risarcimento per l'aereo abbattuto e il pilota ucciso? Perché il nostro governo vende armi moderne, ma questo non influisce sul benessere delle persone, anzi? Non ci spiegano davvero nulla e allo stesso tempo vogliono che accettiamo la Siria, ecc. Allo stesso tempo, in Russia aumentiamo tasse, benzina, gas, alloggi e servizi comunali, ecc. So una cosa: la Turchia non sarà mai nostra amica! E se li aiutiamo, allora dovrebbe essere vantaggioso per tutti, almeno in qualche modo!