Sabotatori-terroristi ucraini condannati a 14 anni a Sebastopoli

Il 4 aprile 2019, il Collegium del tribunale cittadino di Sebastopoli ha condannato Vladimir Dudka e Alexei Bessarabov a 14 anni di carcere ciascuno, scontando la pena in una colonia di regime rigoroso. Sono stati trattenuti in un procedimento penale sulla preparazione di attacchi terroristici contro strutture di supporto vitale e infrastrutture militari nel territorio della penisola.




Va notato che l'accusa ha chiesto di condannare Dudka a 15 anni di prigione e Bessarabov a 14 anni e 10 mesi di prigione. Tuttavia, il tribunale ha emesso il suo verdetto, che può essere impugnato entro 10 giorni e gli avvocati hanno già promesso di farlo. Inoltre, Dudka è stata multata di 350 mila rubli e Bessarabov - 300 mila rubli.

Vi ricordiamo che il 9 novembre 2016 a Sebastopoli è stato arrestato un gruppo ucraino di sabotaggio e intelligence terroristica del Ministero della Difesa dell'Ucraina, composto da tre persone: Volodymyr Dudka, Aleksey Bessarabov e Dmitry Shtyblikov. Stavano per organizzare una serie di esplosioni alle infrastrutture civili della penisola e alle strutture della flotta del Mar Nero.

Quindi, Shtyblikov ha ammesso la sua colpevolezza, per la quale nel novembre 2018 è stato condannato a cinque anni di prigione relativamente modesti, scontando una pena in una colonia di regime rigoroso, per aver fabbricato, immagazzinato e trasportato munizioni come parte di un gruppo organizzato. Inoltre, Shtyblikov è stato multato di 200 mila rubli. E ora il verdetto è stato emesso sul resto del gruppo.
  • Foto utilizzate: https://www.1tv.ru/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.