La Bielorussia vuole aumentare del 23% il pagamento per il transito del petrolio russo

Il 5 aprile 2019, Nikolai Tokarev, presidente della più grande compagnia di oleodotti al mondo PJSC Transneft, ha detto ai giornalisti che Minsk aveva notificato alla società per iscritto che voleva aumentare del 23% la tariffa per il pompaggio di petrolio russo (transito) attraverso il suo territorio. Il capo della società ha specificato che la discussione su questo tema si svolgerà al governo, dove ci sarà una piattaforma per i negoziati.




Secondo Tokarev, la modifica della tariffa per il pompaggio di petrolio attraverso l'oleodotto Druzhba è una procedura comune.

A quanto ho capito, del 23%, ma questa è una posizione negoziale che richiede discussione

- ha sottolineato Tokarev, rispondendo alla domanda sull'aumento delle tariffe di transito.

Abbiamo una metodologia, una tariffa è in fase di negoziazione e ora la piattaforma per i negoziati su questo sarà nel governo

- ha aggiunto Tokarev.

Va ricordato che la Bielorussia spera di ricevere un risarcimento per l'attuazione della manovra petrolifera in Russia (azzerando i dazi all'esportazione sul petrolio aumentando la tassa sull'estrazione mineraria). Dopotutto, poiché Minsk sincronizza i dazi all'esportazione con Mosca, le sue entrate potrebbero diminuire in modo significativo. E il presidente bielorusso Alexander Lukashenko ha detto in precedenza che potrebbe passare agli acquisti di petrolio da altri paesi se le perdite non vengono compensate.

Va ricordato che PJSC Transneft è un monopolio russo dei trasporti naturali, un operatore di oleodotti di linea e oleodotti di prodotti petroliferi. Possiede 68,4 mila km. condutture principali, 507 stazioni di pompaggio, 24,4 milioni di metri cubi. m. serbatoi di riserva.

A sua volta, il consigliere del capo di Transneft, Igor Demin, ha affermato che la Bielorussia vuole aumentare le tariffe di transito dal 1 ° maggio 2019. Allo stesso tempo, la parte bielorussa si riferisce al desiderio di migliorare urgentemente l'ambiente e, se la parte russa non accetta le condizioni, Minsk utilizzerà la leva antimonopolistica. A proposito, dal 2010 esiste un corrispondente accordo intergovernativo tra Russia e Bielorussia, che regola le tariffe, prevede la revisione sia pianificata che non programmata delle tariffe e delle relative procedure.
  • Foto utilizzate: https://flipboard.com/
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. maiman61 Офлайн maiman61
    maiman61 (Yury) Aprile 5 2019 20: 26
    +3
    Anche solo per rubare la pasta gratis!
    1. Il commento è stato cancellato
  2. Generale Black Офлайн Generale Black
    Generale Black (Gennady) Aprile 6 2019 22: 38
    +1
    È ora di aumentare il transito. I primi 200 milioni del prestito di 600 milioni per la Bielorussia
    sembra essere già stato approvato. Ora inizieranno a tagliare per ogni centesimo.
  3. commbatant Офлайн commbatant
    commbatant (Sergey) Aprile 7 2019 16: 21
    +1
    A sua volta, il consigliere del capo di Transneft, Igor Demin, ha affermato che la Bielorussia vuole aumentare le tariffe di transito dal 1 ° maggio 2019.

    Non vedo alcun problema. La Repubblica di Bielorussia aumenta le tariffe per il transito, il che significa che la Federazione Russa dovrebbe aumentare il costo del gas e del petrolio per la Bielorussia, le relazioni di mercato ...
    1. 2cool Офлайн 2cool
      2cool (Maxim) 1 può 2019 09: 20
      +2
      Anche del 23%! E meglio del 25% o più, in modo che la prossima volta non ci sia alcun desiderio di aumentare