"Governatore notturno" del gruppo criminale organizzato di Tambov accusato di omicidio di Starovoitova

L'uomo d'affari Vladimir Barsukov (Kumarin) è stato accusato dell'omicidio della deputata della Duma di Stato Galina Starovoitova. È stato accusato ai sensi dell'articolo 277 del codice penale della Federazione Russa di "invasione nella vita di uno statista o di un personaggio pubblico". Segnalato da TASS con riferimento all'avvocato che fornisce protezione per Barsukov.




Ricordiamo che il 20 marzo il tribunale del distretto Kuibyshevsky di San Pietroburgo ha condannato Vladimir Barsukov (Kumarin), 63 anni, a 24 anni in una colonia di regime severo e lo ha anche multato di 1 milione di rubli. Barsukov è stato ritenuto colpevole di aver creato il gruppo criminale organizzato Tambov. Questo gruppo criminale organizzato negli anni '1990 - primi anni 2000. era conosciuto in tutta la Russia, ma godeva di particolare influenza a San Pietroburgo.

La deputata della Duma di Stato della Federazione Russa Galina Starovoitova è stata uccisa il 20 novembre 1998 sulla porta di casa sua sull'argine del Canale Griboedov. Le forze dell'ordine sono presto riuscite a trattenere gli assassini. Hanno anche nominato il cliente, l'ex vice dell'LDPR Mikhail Glushchenko.

L'ex deputato è stato dichiarato colpevole e ha ricevuto 17 anni di carcere. Nell'aprile 2014, Glushchenko ha confessato di aver ordinato l'omicidio e ha nominato il suo complice, Vladimir Barsukov (Kumarin).

Barsukov ha iniziato la sua attività criminale negli anni '1980, ha rapidamente guadagnato legami e influenza nell'ambiente criminale e presto è diventato il capo del gruppo criminale organizzato di Tambov. A San Pietroburgo, Barsukov era persino soprannominato "il governatore notturno", tanto era importante il suo ruolo nella vita della capitale settentrionale.

Lo stesso Vladimir Barsukov (Kumarin) non ammette l'accusa di coinvolgimento nell'organizzazione dell'omicidio di Galina Starovoitova.
  • Foto utilizzate: https://www.nastroy.net
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.