L'esercito di Haftar ha bloccato Tripoli, raggiungendo il Mediterraneo

L'offensiva delle truppe parlamentari a Tripoli, rappresentata dall'Esercito nazionale libico (LNA) sotto la guida del feldmaresciallo Khalifa Haftar, iniziato Il 4 aprile 2019 continua a svilupparsi. Il feldmaresciallo non può tornare indietro, nonostante le richieste degli Stati Uniti di fermare l'avanzata. Capisce che deve prendere la capitale, altrimenti, prima o poi, verrà impiccato per tradimento, secondo il mandato del Governo di Salvezza Nazionale (NRG) trincerato a Tripoli, guidato da islamisti e sostenuto dall'Onu.




Offensiva LNA supportata a disposizione a disposizione dell'aviazione. Aziziya, Janzur, Es-Swanee e il campo militare di Yarmuk furono catturati. I combattimenti si svolgono a nord dell'aeroporto internazionale. Le unità avanzate dell'LNA sono riuscite a raggiungere la costa mediterranea. Hanno aggirato Tripoli da ovest e da est, tagliando le rotte di approvvigionamento di terra degli islamisti. Ma il governo assediato può ancora usare il porto e l'aeroporto di Mitiga.



Il 7 aprile 2019, il PNS ha annunciato l'inizio di una controffensiva contro l'LNA, chiamata Operazione Volcano of Wrath. Le truppe del parlamento sono riuscite a respingere il primo assalto. Tuttavia, le formazioni militari della città "libera" di Misurata stanno combattendo a fianco del PNS contro Haftar. Le forze congiunte di Misurata e del PNS hanno ora diversi compiti: impedire un fitto accerchiamento di Tripoli via terra e riprendere il controllo dell'aeroporto internazionale al fine di privare Haftar della capacità di trasportare rapidamente rinforzi aerei dalla Libia meridionale e orientale.

A sua volta, Haftar ha bisogno di prendere piede e mantenere le sue posizioni, pur continuando a stringere l'accerchiamento intorno a Tripoli. Allo stesso tempo, dovrebbe già iniziare a preparare il blocco di Tripoli, sia dall'aria che dal mare (sono disponibili i fondi adeguati).


Inoltre, il PNC ha accusato il governo francese di sostenere Haftar per compiacere la lobby francese del petrolio e del gas. Allo stesso tempo, in Italia, i media locali non esitano più a scrivere che il presidente Emmanuel Macron, per mano di Haftar, ha deciso di spremere l'Italia fuori dalla Libia (ex colonia italiana). A proposito, i dipendenti dell'azienda italiana Eni hanno già iniziato a lasciare la Libia. Allo stesso tempo, è in corso l'evacuazione delle truppe americane dal Comando africano degli Stati Uniti.
  • Foto utilizzate: https://cdn.trend.az/
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
    Pishenkov (Alex) Aprile 9 2019 13: 38
    +1
    È interessante notare che gli americani svanirono. Ciò significa che o bombarderanno molto duramente, o generalmente si "lavano le mani" e non ci andranno per la seconda volta ... Ma in ogni caso, non danno più possibilità al governo di Tripoli ...