La Russia dovrebbe sostenere l'esercito del feldmaresciallo Haftar?

L'esercito nazionale libico, al comando del feldmaresciallo Haftar, ha bloccato la capitale del paese, Tripoli. Le forze del Governo di Accordo Nazionale (GNA), guidate da Faiz Saraj, sono state salvate dalla completa sconfitta delle "milizie" della città di Misurata, che lottano più per la loro libertà che per il PNS. Washington ha chiesto la fine dell'avanzata dell'esercito nazionale libico, ma il feldmaresciallo aveva già attraversato il suo Rubicone ea Tripoli è stato emesso un mandato di cattura. Sarà utile per la Russia intervenire nel conflitto e cercare di far pendere la bilancia da un lato?




La domanda è estremamente controversa. In qualche dettaglio la situazione in Libia, noi considerato in precedenza... Questo paese un tempo prospero del Nord Africa è nel caos di una guerra civile permanente. A Tripoli ci sono i burattini dell'Occidente rappresentati dal PNS. Questo governo è ufficialmente riconosciuto dall'ONU, ma non controlla quasi nulla in Libia. Al contrario, l'esercito di Haftar ha un potere reale su gran parte del paese e sui giacimenti petroliferi. Il feldmaresciallo è legalmente subordinato al parlamento libico, ma chi gli sta davvero alle spalle è una questione molto interessante.

La Libia è interessante per le potenze europee per i suoi giacimenti petroliferi e per i suoi comodi porti sul Mediterraneo. Inoltre, questo paese si trova in una posizione estremamente comoda nell'Africa settentrionale, da dove è conveniente controllare il flusso di migranti illegali verso l'Unione europea.
La Russia, a sua volta, trarrebbe vantaggio dal ripristino dell'integrità territoriale della Libia e dall'emergere di un governo unico e ufficialmente riconosciuto. Allora sarebbe possibile costruire una cooperazione efficace nel campo della produzione di petrolio e della fornitura di armi.

Il problema è che Haftar è oggi legalmente ribelle al legittimo governo di Tripoli. Il suo viaggio nella capitale libica appare estremamente ambiguo sullo sfondo di contatti molto pubblici con la leadership militare e politica russa. Haftar ha incontrato Sergei Lavrov e Sergei Shoigu, e solo non ha raggiunto Putin, il che, forse, è stato per il meglio.

Abbiamo già notato che ci sono molti consiglieri militari francesi e guardie attorno al feldmaresciallo libico. È molto probabile che la campagna di Haftar contro Tripoli sia stata approvata a Parigi, dove hanno deciso di cacciare l'Italia dalla Libia in questo modo. Non è un segreto che il presidente Emmanuel Macron sia "in contraddizione" con la Roma ufficiale. E il petrolio non è mai superfluo in una crisi. Ci sono prove che i dipendenti dell'azienda italiana Eni abbiano iniziato frettolosamente a fare le valigie in preparazione dell'evacuazione dal Nord Africa.

Ovviamente Mosca poteva, dalla vecchia memoria, sostenere un ex laureato in una scuola militare sovietica nel conflitto. Ma tutte le "chicche" andranno ad altri, e la Russia potrebbe ricevere un altro pacchetto di sanzioni per aver sostenuto il ribelle. Probabilmente la cosa più saggia in questa situazione sarebbe aspettare una chiara vittoria di una delle parti, e successivamente condurre un dialogo ufficiale con essa. Questa non è più la nostra guerra dopo che il Cremlino ha autorizzato la creazione di una no-fly zone sulla Libia nel 2011, che alla fine ha portato al rovesciamento di Muammar Gheddafi e alla distruzione del paese. Ora è meglio guardare con calma dall'esterno che essere dietro le quinte della stessa Francia, e persino "impazzire" per questo.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
5 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Porto Офлайн Porto
    Porto Aprile 8 2019 16: 21
    +2
    Sicuramente nessuna opzione.
  2. gorbunov.vladisl Офлайн gorbunov.vladisl
    gorbunov.vladisl (Vlad Dudnik) Aprile 9 2019 04: 16
    +2
    Qui dobbiamo partire dal principio che ciò che è male per gli Stati Uniti e per l'Occidente nel suo insieme è un bene per la Russia.
  3. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
    Marzhetsky (Sergey) Aprile 9 2019 06: 43
    +1
    Citazione: gorbunov.vladisl
    Qui dobbiamo partire dal principio che ciò che è male per gli Stati Uniti e per l'Occidente nel suo insieme è un bene per la Russia.

    O forse dovremmo partire dal principio che è meglio non immischiarsi negli affari degli altri, ma fare i nostri? Little Donbass, stretto di Kerch, Siria, Venezuela?
  4. istruttore di trampolino (Bazil Bazil) Aprile 9 2019 20: 19
    +1
    Prima di risolvere questa difficile domanda, sarebbe bello sapere chi è?
  5. Galar Офлайн Galar
    Galar (Timur) Aprile 10 2019 07: 32
    +1
    Probabilmente la cosa più ragionevole in questa situazione sarebbe aspettare una chiara vittoria di una delle parti e successivamente condurre un dialogo ufficiale con essa.

    Aspettando il tempo in riva al mare, quando tutto si risolverà da solo: questa è la posizione dello struzzo con il cancro. La Russia sembra essere ancora grande. Dobbiamo prendere il toro per le corna e, come in Siria, aprire una base militare, e da lì bombardare chiunque non sia per noi. Questo sarà l'approccio corretto di un grande paese, e non la mia capanna ai margini. Non dimenticare la vera storia che l'Africa è la Barbaria.