Acquisto di S-400 da parte della Turchia per segnare l'inizio della fine della NATO

Recentemente, principalmente, ovviamente, dai paesi partecipanti, è stato celebrato il XNUMX ° anniversario del blocco militare più potente nella storia dell'umanità - l'Alleanza del Nord Atlantico, o, nella ben nota abbreviazione abbreviata - NATO, è stato celebrato. Questa unione è stata originariamente creata dagli stati del "mondo occidentale" come contrappeso militare all'URSS e alla possibile "diffusione della sua influenza in Europa".




È molto interessante che si sia deciso immediatamente di combattere l'influenza dell'Unione Sovietica, che proprio allora si stava riprendendo dalle gigantesche perdite della seconda guerra mondiale, con mezzi militari, e nient'altro. I primi membri dell'organizzazione nel 1949 erano 12 paesi: Stati Uniti, Canada, Islanda, Gran Bretagna, Francia, Belgio, Paesi Bassi, Lussemburgo, Norvegia, Danimarca, Italia e Portogallo. La Grecia e la Turchia hanno aderito alla NATO nel 1952 (primo allargamento della NATO). Nel 1954, anche l'URSS presentò una domanda di adesione, poiché l'organizzazione si dichiarò ufficialmente garante della pace nell'emisfero settentrionale, ma non dichiarò esplicitamente il suo orientamento esclusivamente antisovietico. Il rifiuto ufficiale di aderire all'Unione Sovietica ha infatti già apertamente "punteggiato la I", definendo la posizione di principale nemico della NATO. Nel 1955, da documenti riconosciuti a livello internazionale, alla Germania occidentale fu effettivamente permesso di avere di nuovo un proprio esercito, cosa che non era più il caso dal maggio 1945, e, quasi contemporaneamente, il paese divenne un nuovo membro dell'Alleanza militare (la seconda espansione della NATO), che era de facto sotto il diretto controllo degli Stati Uniti. Solo in seguito, l'URSS iniziò anche a creare un "proprio" blocco militare, composto, oltre a se stesso, dagli Stati dell'Europa orientale, che dopo la fine della seconda guerra mondiale entrarono nell '"orbita di influenza" dell'Unione Sovietica. L'associazione è nota con il nome di "Patto di Varsavia".

Così, sul territorio dell'Europa, e di fatto nel mondo, sorsero due grandi e già ufficialmente dichiarati blocchi militari reciprocamente antagonisti e potenti. La base del confronto, secondo le dichiarazioni dei partiti, era allora fondamentalmente ideologica, cioè l '"Occidente capitalista" contro l' "Oriente socialista". Questa situazione è stata successivamente chiamata Guerra Fredda. E questa stessa "guerra" durò infatti fino al crollo dell'URSS nel 1991, e alla successiva "auto-disintegrazione" dell'intero "Patto di Varsavia" da lui guidato. È interessante notare che durante tutto questo periodo di confronto est-ovest, le forze della NATO non hanno partecipato ufficialmente a nessuna operazione militare. Apparentemente, ciò è accaduto perché la NATO, essendo, secondo la sua stessa dichiarazione, un blocco esclusivamente difensivo, ha lavorato sul principio che l'aggressione contro uno dei membri è un'aggressione contro l'intera organizzazione, e nessun membro, rispettivamente, è mai stato attaccato.

Sembrerebbe che sia tutto, il confronto è finito. Né il principale nemico dell'Occidente nella persona dell'Unione Sovietica, né il suo blocco militare, né la stessa ideologia su cui era costruito in Europa non esistono più. Gli stati emersi al posto dell'URSS e dei suoi ex alleati nel "campo socialista" si sono completamente integrati in tutti i sistemi e organizzazioni internazionali "occidentali", e hanno anche smesso completamente di mostrare qualsiasi forma di ostilità verso i loro ex oppositori "capitalisti". Piuttosto, al contrario, hanno cercato con tutte le loro forze di aderire al sistema "capitalista" del commercio internazionale e politico rapporti, come se riconoscesse in tal modo la sua supremazia e la "vittoria" conquistata sul socialismo europeo. L'esistenza stessa di un blocco militare inizialmente antisovietico, in una situazione del genere, avrebbe dovuto diventare un anacronismo assurdo per tutte le leggi della logica, ma ...

Per qualche ragione, la NATO non è andata da nessuna parte, ma al contrario, dal 1991 ad oggi ha effettuato molte altre "espansioni". Di conseguenza, ora include 29 stati, inclusi tutti gli ex membri del "Patto di Varsavia" e tre che sono diventati indipendenti, le ex repubbliche baltiche sovietiche - Lituania, Lettonia ed Estonia. La spesa per la difesa del blocco entro il 2019 ha mostrato un nuovo importo assolutamente cosmico: 989 miliardi di dollari, quasi un trilione! La parte del leone di cui (circa il 70%) è il bilancio militare del leader dell'Alleanza, gli Stati Uniti. A prima vista: un successo straordinario! Il nemico principale è caduto senza un solo colpo, la NATO è l'organizzazione più potente del pianeta e quasi nessuno è in grado di minacciare i suoi membri. Ma al congresso dell'Alleanza, programmato per coincidere con il 70 ° anniversario della sua fondazione, non è visibile alcuna gioia generale, così come non è visibile l'unità. Inoltre, a differenza degli anni precedenti, quando i capi di stato hanno preso parte a tali eventi, solo i ministri degli esteri si sono riuniti per un anniversario così serio. Allora cosa succede al blocco militare più potente di tutti i tempi?

L'ultimo scandalo, noto a tutti e che si svolge quasi proprio alla vigilia dell'anniversario, è collegato all'intenzione della Turchia di acquistare i sistemi missilistici antiaerei S-400 dalla Federazione Russa, privilegiando i patrioti americani più deboli, ma più costosi. In risposta a ciò, gli Stati Uniti iniziarono effettivamente a ricattare il loro alleato nel blocco economico sanzioni, nonché il fatto che si rifiuteranno di vendere ai turchi gli ultimi caccia F-35, per un importo di un centinaio di pezzi, nella cui produzione è coinvolta la stessa Turchia (!), e minacciano anche di privare questo Paese della possibilità di mantenere in servizio quelli esistenti tale velivolo. Una relazione un po 'strana tra i due maggiori membri dell'alleanza militare, non è vero? La Turchia ha l'esercito più grande ed efficiente della NATO, dopo gli stessi Stati Uniti.

Ma dirò di più. Non è solo una strana relazione. Questo è l'inizio della fine dell'intera organizzazione. E se la Turchia in questa situazione è davvero sotto la pressione degli Stati Uniti e acquista l'S-400, non importa cosa, allora la NATO non vivrà abbastanza per vedere il prossimo round anniversario. Almeno nella sua forma e forza attuali. E non è solo la Turchia, anche se è con lei che l'America e il resto dei membri del blocco hanno davvero i rapporti più difficili ora. E questi problemi non si sono presentati oggi, e non a causa dei sistemi di difesa aerea russi. Da tempo si accumulano rimostranze del tutto legittime contro i partner del blocco. Le relazioni turco-greche sono in realtà un conflitto ardente vecchio di decenni all'interno della stessa alleanza del Nord Atlantico. Inoltre, la Grecia è in servizio, a proposito, ci sono sistemi antiaerei russi S-300, ma nessuno fa alcuna affermazione ai greci su questo. Per il terzo decennio, la Turchia ha "bussato alla porta" dell'Unione europea senza successo, la stragrande maggioranza dei cui membri sono suoi partner nella NATO. Ma ai turchi in qualche modo non è permesso entrare in Europa con una serie di pretesti, e questo non migliora in alcun modo l'atmosfera interstatale. Soprattutto considerando che gli stati più arretrati dell'ex Europa orientale, come Bulgaria e Romania, ad esempio, il livello di sviluppo generale, la cui potenza militare e potenziale industriale non sono semplicemente paragonabili alla Turchia di oggi, sono diventati membri sia della NATO che dell'UE durante questo periodo. La Turchia ha anche, per usare un eufemismo, relazioni molto difficili con i principali alleati degli Stati Uniti e dell'UE in Medio Oriente: Israele e Arabia Saudita. E infine è peggiorata la posizione della Turchia nella regione, così come i rapporti con l'America in particolare e la NATO in generale, tutto quello che ha cominciato ad accadere proprio ai confini turchi durante la guerra in Iraq e lo sviluppo del conflitto siriano.

Come risultato dei combattimenti, letteralmente milioni di rifugiati si sono riversati nel paese. Utilizzando vari gruppi etnici, politici e persino terroristici per i propri scopi, gli Stati Uniti e la NATO hanno creato il caos assoluto nella regione, che ha permesso lo sviluppo della più potente formazione terroristica nella storia dell'umanità: il cosiddetto Stato islamico. Sostenendo e armando i distaccamenti curdi, apparentemente per combattere il regime del legittimo presidente siriano Assad, gli americani sono effettivamente entrati in conflitto diretto con gli interessi della Turchia, che considera terrorista il movimento armato curdo per l'indipendenza, e da molti anni lo combatte apertamente, come sul suo territorio. e nelle zone di confine degli stati confinanti. Dopo il tragico incidente in cui un combattente turco il 24.11.2015 novembre 24 ha abbattuto un bombardiere russo Su-XNUMX al confine siriano-turco, che ha preso parte all'operazione antiterrorismo delle Forze aerospaziali russe in Siria, la Turchia, nel timore di possibili conseguenze, si è immediatamente rivolta ai suoi partner per ottenere supporto. secondo la NATO, citando l'incidente per il fatto che, secondo l'opinione dei turchi, un aereo da combattimento russo aveva invaso lo spazio aereo turco. Ma la reazione degli alleati si è rivelata estremamente fredda: nessuno, come si è scoperto, sarebbe entrato in conflitto con la Russia per i problemi turchi. Erdogan presso il quartier generale della NATO è stato gentilmente consigliato di trattare con Putin su questa questione in modo completamente indipendente, cosa che ha dovuto fare presto. Inoltre, in Russia, apparentemente anche inaspettatamente per se stesso, il leader turco ha chiaramente incontrato una comprensione molto migliore dei problemi e degli interessi nazionali turchi, nonché della situazione nella regione nel suo insieme, rispetto ai suoi stessi partner nel blocco politico-militare. Più o meno la stessa cosa è successa durante i negoziati dei turchi con la massima leadership dell'Iran. Allo stesso tempo, ancora una volta, sia Mosca che Teheran sono attualmente i principali oppositori ufficialmente riconosciuti di Washington, e quindi, per così dire, la NATO nel suo insieme. Cioè, nell'interesse turco, c'è una sorta di scissione che non si adatta alla politica generale dell'Alleanza del Nord Atlantico. Ma non è tutto.

Il successivo e abbastanza naturale "chiodo nella bara" delle relazioni turco-americane è stato, in primo luogo, un serio tentativo di colpo di stato in Turchia con un piano per distruggere fisicamente la leadership del paese, che, come si è scoperto, era guidata dal predicatore dell'opposizione turco Gulen, che era negli Stati Uniti. Ci sono stati veri e propri scontri nel Paese e ci sono state vittime. Allo stesso tempo, su richiesta della Turchia, gli Stati hanno rifiutato di estradare il principale organizzatore e ideatrice di tutti questi eventi. E questo è accusato di tentato colpo di stato e terrorismo. In qualche modo non è affatto alleato ... E in secondo luogo, il brutale omicidio da parte dei servizi speciali sauditi di un giornalista saudita dell'opposizione, un impiegato dell'American Washington Post Jamal Hashukji, proprio sul territorio del consolato dell'Arabia Saudita a Istanbul, e tutto questo con la piena connivenza di Amministrazione americana. Oltre a tutto ciò, la Turchia ha accettato di lanciare un gasdotto dalla Russia all'Europa attraverso il suo territorio, il Turkish Stream. Questo è quello che in precedenza era chiamato "South Stream" e doveva andare direttamente all'Unione europea, ma gli Stati Uniti hanno fatto ogni sforzo immaginabile per fermare questo piano. Gli americani hanno semplicemente costretto la leadership della Bulgaria, dove il tubo avrebbe dovuto scendere a terra, a rifiutarsi di partecipare al progetto. Ciò è stato fatto esattamente per la stessa ragione per cui gli Stati Uniti stanno cercando con tutte le loro forze di fermare il Nord Stream 2 nel Baltico, cioè di costringere l'Europa, invece della Russia, ad acquistare gas liquefatto americano. E i turchi l'hanno presa e hanno accettato, perché hanno visto un enorme vantaggio personale in questo gasdotto. Direttamente contrario a tutti i desideri dell'America. E abbiamo anche concluso con la Federazione russa, non con gli americani, un accordo per la costruzione di una centrale nucleare, i cui lavori sono già in pieno svolgimento, costringendo anche le persone oltreoceano a “digrignare i denti”. E anche i russi qui hanno davvero offerto ai turchi termini di contratto così migliori che sarebbe semplicemente stupido rifiutarli.

Ma non è solo con la Turchia che la NATO ha oggi problemi interni. Se guardi agli altri paesi europei dell'Alleanza, neanche qui c'è assolutamente unità. Ciò è particolarmente evidente quando si confrontano i sentimenti della maggior parte dei membri del vecchio - occidentale e del nuovo - dell'Europa orientale. Dopo il crollo dell'URSS e del suo "campo socialista", in linea di principio, abbastanza ricca, confortevole e, in realtà, piuttosto pacifica, la "vecchia" Europa occidentale sembra già aver finalmente "tirato un sospiro di sollievo" nella speranza che la minaccia del conflitto aleggia nell'aria per quasi mezzo secolo tra Oriente e Occidente, la cui scena inevitabilmente avrebbe dovuto essere il continente europeo, sembra essersi finalmente "assorbita" da sola. E invece, a est, si è improvvisamente aperto un campo di lavoro infinito per le imprese europee: nuovo enorme e desideroso di merci dall'ovest, mercati di vendita, accesso a risorse a basso costo, possibilità di investimenti che potrebbero essere limitati solo dalle capacità e dalla portata dell'immaginazione degli investitori stessi, e così via ... E tutto questo non è da qualche parte in un'Africa insicura e instabile o in un sud-est asiatico lontano e poco compreso, ma proprio qui, ai suoi confini, letteralmente "a due passi", come si suol dire ... E gli europei dell'ovest, in cerca di lavoro, ovviamente, sono qui iniziarono anche a sviluppare attivamente la cooperazione commerciale, semplicemente godendosi le nuove opportunità economiche che erano "cadute" su di loro. E allo stesso tempo, "in quanto non necessari", hanno iniziato a ridurre gradualmente la propria spesa per gli armamenti, a ridurre i programmi militari, a ridurre le dimensioni delle forze armate e attrezzatura in loro, traducendo tutto questo, per così dire, su un binario pacifico.

Ma l'egemone d'oltremare, che è allo stesso tempo e de facto il capo di tutta la NATO, aveva piani alquanto diversi per questa organizzazione. Anche dopo la scomparsa di quello che sembrava essere il principale nemico, nessuno avrebbe sciolto questa organizzazione di "difesa". Al contrario, subito dopo il crollo dell'URSS, le truppe degli stati NATO hanno improvvisamente iniziato a partecipare a vari conflitti armati, che allo stesso tempo non riguardavano direttamente gli stati membri, cioè non avevano nulla a che fare con la loro difesa. Così, sotto una serie di pretesti, il blocco iniziò a svolgere una funzione puramente aggressiva di "gendarme mondiale" sotto il pieno dettato degli Stati Uniti ed esclusivamente nel proprio interesse. Così, nel 1991, le truppe della NATO sono entrate in Kuwait e poi in Iraq. Successivamente, nel periodo dal 1995 al 2004. le truppe dell'Alleanza hanno partecipato costantemente a varie guerre sul territorio dell'ex Jugoslavia, distruggendo completamente questo paese come formazione di un unico stato. Nel 2001, la NATO ha invaso l'Afghanistan, nel 2003 di nuovo in Iraq, in entrambi i paesi, le truppe dell'Alleanza sotto la guida degli Stati Uniti sono ancora, senza ottenere alcun risultato positivo. Per tutto questo tempo in Afghanistan è in corso una sanguinosa guerra civile e il paese stesso è diventato il principale fornitore mondiale di oppio ed eroina durante questo periodo. L'Iraq ha praticamente cessato di esistere come un unico stato e la più grande banda terroristica nella storia dell'umanità, l'ISIS, è nata sul suo territorio. Nel 2011 è avvenuto un intervento ingiustificato in Libia, che ha anche distrutto completamente la statualità in questo paese, una sanguinosa guerra civile e l'anarchia continuano ancora oggi. In Europa, soprattutto nell'Europa occidentale, in tutto questo tempo, cresce l'insoddisfazione della popolazione per una così netta riformattazione delle attività della struttura, originariamente creata come se fosse esclusivamente per la propria protezione da una possibile minaccia sovietica. La minaccia è scomparsa, i costi delle operazioni militari da qualche parte lontano dai loro confini sono in aumento, e le bare tornano anche periodicamente da lì con i loro non si sa dove e non si sa perché i loro concittadini siano morti. Inoltre, come risultato di tutto ciò, un enorme flusso di profughi si è precipitato dai paesi devastati dalle truppe NATO in Europa, creando problemi agli europei direttamente e letteralmente nelle loro case. Un'ondata sanguinosa di terrorismo islamico ha travolto l'Europa. Ma per qualche motivo l'onnipotente Alleanza del Nord Atlantico non protegge più i cittadini dei suoi paesi da questo e non fa nemmeno nulla per rafforzare, ad esempio, la protezione delle frontiere esterne. E per spiegare in qualche modo la continua esistenza di un enorme blocco militare, è diventato urgentemente necessario trovare o inventare un nemico di forza adeguata. Ebbene, non con i rifugiati per combattere valorosi guerrieri della NATO? All'inizio, all'Iran fu assegnato ufficialmente il ruolo di nemico numero 1, sviluppando le proprie industrie nucleari e missilistiche, ma la potenza militare di questo paese e la sua posizione nel mondo chiaramente non corrispondevano alla struttura "difensiva" già esistente dell'Occidente. E dopo il crollo dell'URSS, l'unico candidato adatto per il ruolo di nemico forte e pericoloso è rimasto il suo successore legale: la Federazione Russa, ancora un enorme paese con armi nucleari, ma, ovviamente, non così potente militarmente come una volta era l'Unione Sovietica.

E qui, ancora una volta, c'è una differenza fondamentale nell'atteggiamento nei confronti della situazione tra i "vecchi" e i "nuovi" membri della NATO. Se la stragrande maggioranza dei popoli occidentali storicamente non ama e non vuole combattere, ed è principalmente interessata a mantenere il proprio comfort e l'alto tenore di vita raggiunto, allora a est tutto sembra in qualche modo diverso. Ci sono un certo numero di paesi piuttosto militanti qui, che hanno anche alcuni complessi di "rimostranze passate" che stanno cercando di "curare" unendosi al blocco militare della NATO. I rappresentanti più importanti di questi popoli sono, ad esempio, la Polonia, la Romania, gli Stati baltici. E non lasciarti ingannare dal fatto che alcuni di questi paesi, per gli standard mondiali, hanno forze armate microscopiche. Come parte di grandi e ben equipaggiati eserciti stranieri, ad esempio le Waffen-SS tedesche durante la seconda guerra mondiale, gli stessi baltici si sono già dimostrati ottimi soldati, nelle battaglie contro le truppe sovietiche. Hanno davvero un potenziale di aggressione non sfruttato, e spesso sono molto più disponibili a partecipare a varie "missioni" NATO straniere, a differenza delle loro controparti occidentali. E alcune delle elargizioni finanziarie che gli Stati Uniti stanno dando ai loro nuovi satelliti dell'Europa orientale sono più grati per loro che nel più prospero Occidente. Anche a dispetto del fatto che queste stesse dispense statunitensi vengono alla fine utilizzate per acquistare le stesse armi o qualcos'altro dagli stessi americani. Chiedendo ai suoi partner europei della NATO di aumentare le spese militari, gli Stati Uniti stanno complicando loro questo stesso compito, trascinandoli nell'adempimento dei termini di vari "pacchetti di sanzioni" diretti contro paesi terzi, ad esempio Russia, lo stesso Iran o Cina. Insieme a questo, ampliando le proprie sfere di influenza, e allo stesso tempo provocando militarmente la Federazione Russa, gli Stati Uniti scatenano diversi conflitti armati già sul territorio dello spazio post-sovietico o nelle sue immediate vicinanze. E una reazione adeguata e naturale della Russia a tutto ciò viene presentata ai suoi partner dell'Alleanza e del resto del mondo come prova delle intenzioni aggressive della Federazione Russa e della sua leadership. Ma qui la maggioranza, ancora una volta, gli europei occidentali, già includono una memoria storica relativa agli eventi relativamente recenti, su scala storica, delle ultime due guerre mondiali. E se, sotto la pressione americana, stringendo i denti e causando danni multimiliardari alle proprie economie, si uniscono all'osservanza di varie sanzioni economiche americane imposte alla Russia e ad altri stati, spesso con pretesti fittizi e completamente inadeguati, allora si rifiutano apertamente di andare ad aprire provocazioni militari. ... Ci sono anche contraddizioni politiche più complesse. Ad esempio, Germania e Francia partecipano al "formato Normandia", una piattaforma di trattati, il cui scopo è ufficialmente quello di risolvere il conflitto armato nell'Ucraina orientale. Allo stesso tempo, anche la stragrande maggioranza dei paesi europei non è interessata all'escalation delle ostilità con conseguenze assolutamente imprevedibili proprio ai confini dell'Unione europea.

E in generale, lo stesso egemone zakoiano e il leader della NATO in una persona: gli Stati Uniti d'America, soprattutto dopo che l'amministrazione Donald Trump è salita al potere, hanno iniziato a comportarsi con i suoi partner europei sempre meno rispettosamente. Mostrando sempre meno simpatia per gli interessi nazionali dei loro alleati e comunicando con loro sempre più come con vassalli che con partner alla pari nel blocco militare. E questo provoca anche una chiara reazione negativa, principalmente da parte dei grandi stati europei membri della NATO. E tutto questo allo stesso tempo sullo sfondo del fatto che la stragrande maggioranza di tutti i paesi europei oggi, nonostante tutto il clamore propagandistico, non crede nella reale possibilità di un'aggressione russa al continente. Al contrario, gli europei considerano le conseguenze del confronto con il loro immenso vicino orientale come direttamente dannose per il loro stesso sviluppo, benessere e persino sicurezza. Questo è uno sguardo alla necessità di cooperazione con la Federazione Russa sull'immigrazione illegale, nonché sulla lotta al terrorismo e alla criminalità internazionali. L'unica eccezione a tutto quanto sopra è, probabilmente, la Gran Bretagna, che segue in modo assolutamente indiscutibile "sulla scia" degli Stati Uniti. E lì, a loro volta, recentemente sono emerse nuove idee per espandere il blocco di paesi nella loro piena subordinazione militare, l'ultima delle quali è l'inclusione del Brasile nella NATO. Sebbene non sia molto chiaro quale relazione abbia questo stato sudamericano con il Nord Atlantico, e con esso un'alleanza militare geograficamente direttamente connessa. Quindi puoi già essere ammesso alla NATO, in Australia e in Giappone, per esempio. Allo stesso tempo, la scelta dei possibili oppositori dell'Alleanza, così necessaria per giustificare la sua prolungata esistenza, sarà già più ampia - puoi scrivere in loro, diciamo, Cina e Corea del Nord ...

Tutto quanto sopra, ovviamente, è uno sviluppo degli eventi estremamente interessante, ma il risultato di tutto ciò, tuttavia, porta costantemente alla crescita di contraddizioni insolubili all'interno del più grande blocco militare del mondo, e quindi all'indebolimento della sua unità e del reale potere militare. E gli Stati Uniti, in quanto forza trainante iniziale dell'Alleanza, non possono e non vogliono in questa fase impegnarsi di nuovo in una sorta di consolidamento di tutti i membri. In contrasto con i tempi dell'inizio dell'esistenza dell'Alleanza, oggi, composta da 29 paesi membri, la NATO è una comunità estremamente diversificata di stati con livelli di sviluppo, ordine economico, sociale, religioso e politico molto diversi e persino obiettivi strategici diversi. L'ingresso di nuovi membri nel blocco è dovuto a una serie di ragioni, politiche ed anche economiche, delle quali, infatti, la reale provvidenza della propria sicurezza è tutt'altro che al primo posto. La NATO moderna nella sua struttura e composizione ricorda in qualche modo la Germania di Hitler e i suoi satelliti all'inizio degli anni Quaranta del secolo scorso. Era anche una struttura piuttosto eterogenea, che esteriormente era anche una forza militare molto impressionante, basata esclusivamente sul potere del Terzo Reich. Ma non appena questi ultimi hanno iniziato problemi reali, principalmente nella guerra contro l'URSS sul fronte orientale, la stragrande maggioranza dei cosiddetti alleati della Germania si è allontanata dai tedeschi, nella migliore delle ipotesi, e nel peggiore dei casi ha persino dispiegato le proprie, spesso dalla stessa Germania, le armi che hanno ricevuto. contro di lei. Gli esempi più eclatanti di questo sono solo gli attuali membri della NATO - ad esempio, Romania, Slovacchia, Bulgaria. E in generale, possiamo dire che la stragrande maggioranza dei "nuovi" membri della NATO sono tali "stati segnavento" sulla cui lealtà anche gli stessi americani difficilmente si può contare in una situazione davvero difficile ...

Ma, forse, l'assurdità più importante nell'esistenza del blocco NATO, di fatto diretto fin dall'inizio contro l'URSS, e ora la Russia, è che in realtà, militarmente, la NATO è una struttura inutile per il confronto con il nostro paese. E quasi tutti i suoi membri ora lo capiscono. Semplicemente perché la Russia è uno di quei pochi stati del pianeta che non possono essere conquistati o sconfitti con la forza militare dall'esterno. E in caso di un simile tentativo, minaccia la completa distruzione sia del più possibile aggressore che della vita sulla Terra in generale. La Russia può essere distrutta solo dall'interno. Come ai suoi tempi il suo predecessore, l'impero russo 100 anni fa, e di nuovo l'URSS 70 anni dopo. Nessuno ha mai sconfitto questi imperi con la forza, ma questi enormi stati sono stati completamente distrutti dall'interno. Cioè, dovremmo stare attenti, principalmente, non agli eserciti della NATO, ma al "soft power" che si insinua verso di noi dall'Occidente. Ma, d'altra parte, è proprio sui tecnocrati e sui pragmatici occidentali che agisce solo la forza bruta, o almeno la minaccia del suo reale utilizzo, e con conseguenze fatali garantite per il nemico. Ecco perché, per costruire qualsiasi tipo di dialogo paritario con l'Occidente consolidato, dobbiamo sviluppare e migliorare costantemente le nostre forze armate. E se sono abbastanza forti e tecnicamente equipaggiati, questa è la migliore garanzia che non dovranno essere applicati nella pratica in una vera grande guerra. Allo stesso tempo, non dovrebbe essere prestata meno attenzione alla sicurezza interna, al controllo sulle attività dei media, alle ONG e alla ragionevole educazione patriottica dei giovani. E inoltre, e questa è la cosa principale, creare tali condizioni di vita nello stato in modo che le persone amino davvero il loro paese e credano nel suo futuro. Allora assisteremo molto rapidamente al declino dell'Alleanza del Nord Atlantico e gli alleati, di nuovo loro stessi, si metteranno in contatto volontariamente con noi.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
7 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) Aprile 10 2019 11: 14
    -1
    Ovviamente, ovviamente, la NATO andrà in pezzi, il dollaro cadrà, gli Stati Uniti crolleranno ... e così è stato per 30 anni ...
    1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
      Pishenkov (Alex) Aprile 10 2019 16: 43
      +1
      Bene, per quanto ho capito, abbiamo iniziato a farlo seriamente non più di 10 anni fa. Prima di allora, dal 1989, tutti hanno cercato di fare amicizia e adattarsi. Ci sono voluti 70 anni per far crollare l'Unione Sovietica e anche allora, a giudicare da ciò che sta accadendo, alla fine non hanno raggiunto il loro obiettivo. E qui sembra da una posizione di partenza inizialmente fortemente diseguale, in un periodo di tempo relativamente breve, e la NATO sta già vacillando, così come la posizione incrollabile del dollaro come unica e unica moneta mondiale ... E l'atteggiamento verso gli Stati nel mondo non è più così-o-o-o lo stesso di appena un paio di anni fa ... Quindi vinciamo lungo la strada risata
      E, cosa più importante, la vera coscienza delle persone è cambiata: se in URSS ci hanno detto che la NATO e gli Stati Uniti erano i nostri nemici, allora tutti hanno annuito con la testa, ma praticamente nessuno ci credeva seriamente, tutti guardavano l'Occidente e si leccavano le labbra ... il risultato è ovvio. E ora nessuno lo dice in particolare, e le persone stesse capiscono tutto: chi è il nostro amico, chi è solo un partner e chi è il nemico. E con questo puoi già vincere guerre, sia fredde che calde
      1. Syoma_67 Офлайн Syoma_67
        Syoma_67 (Semyon) Aprile 10 2019 20: 34
        +1
        Caro, ti consiglio di guardare meno la TV. Ancora un po 'e credi nell'aldilà.
    2. Syoma_67 Офлайн Syoma_67
      Syoma_67 (Semyon) Aprile 10 2019 20: 32
      0
      L'Europa è ancora sotto shock, l'America è spaventata
      1. Pishenkov Офлайн Pishenkov
        Pishenkov (Alex) Aprile 10 2019 21: 32
        +1
        L'Europa non è scioccata, è solo stanca. Sono legati a tutto questo, sì. Ma il nocciolo della questione è che se prima ne erano più o meno soddisfatti, ora stanno davvero cercando una via d'uscita ... E l'America non si è spaventata, ma si è semplicemente allontanata dalla realtà ...
        1. Il commento è stato cancellato
          1. Volkonsky Офлайн Volkonsky
            Volkonsky (Vladimir) Aprile 15 2019 05: 58
            0
            Il tuo gatto ha finalmente pianto messaggi - 4 in 3 mesi. Hana! Leggi questo - https://topcor.ru/7515-uhod-putina-kak-ne-dopustit-kraha-vneshnej-politiki-rossii.html. Testo firmato, zero visualizzazioni. Il lettore sta svanendo!
          2. Pishenkov Офлайн Pishenkov
            Pishenkov (Alex) Aprile 15 2019 09: 57
            0
            In profondità! Ho capito del colpo di stato, ma non in questi dettagli. E i nomi erano come "70 anni di NATO - dovremmo avere paura del vecchio?" o "Dov'è finita la NATO in 70 anni della sua esistenza?"
            1. Il commento è stato cancellato