Il carbone russo ha aperto nuove rotte

Il carbone continua a essere uno dei prodotti di esportazione più importanti della Russia. Ma per organizzare l'esportazione di carbone in altri paesi, è necessaria un'organizzazione efficace della comunicazione ferroviaria. Ora JSC Russian Railways è preoccupato per lo scarico delle direzioni di esportazione orientali.




Una delle direzioni occidentali più promettenti per l'esportazione di carbone è ora la direzione finlandese. Il fatturato del carbone attraverso i porti finlandesi è cresciuto di oltre dieci volte negli ultimi due anni. Quindi, nel 2017, 200 mila tonnellate di carbone sono state consegnate alla Finlandia, poi nel 2018 - già 700 mila tonnellate, e nel 2019 si prevede di esportare 2,5 milioni di tonnellate di carbone. Il carbone viene inviato in Finlandia per ferrovia.

Ora le compagnie ferroviarie dei due paesi stanno lavorando per ottimizzare il collegamento. Si prevede che presto i carri russi potranno essere caricati in Finlandia con merci per la Russia. Quindi i treni non torneranno vuoti, di conseguenza vinceranno sia la parte finlandese che quella russa.

La Finlandia ha buoni porti da cui il carbone può essere inviato a vari paesi europei. Per la Russia, la direzione finlandese è conveniente perché i nostri paesi hanno un confine piuttosto lungo, è sviluppata la comunicazione terrestre con la Finlandia, che consente di aumentare in modo significativo i volumi di transito.

Nel tentativo di scaricare le rotte tradizionali, le Ferrovie russe forniranno vantaggi agli stati vicini se inviano le loro merci su nuove rotte. Ad esempio, il 30% del costo del trasporto è pronto per essere gettato in Kazakistan se il carbone kazako viene inviato dalle ferrovie russe ai porti degli Stati baltici.

Un'altra direzione importante è il sud-ovest. Innanzitutto, stiamo parlando dei porti del Mar Nero della Georgia, le cui forniture di carbone vengono effettuate utilizzando le ferrovie georgiana e azera. Il carbone verrà spedito dai porti georgiani alla Turchia, ma recentemente le ferrovie russe studieranno la possibilità di trasportare carbone in Turchia attraverso attraversamenti terrestri al confine turco-georgiano. La Turchia rimane ancora e, molto probabilmente, rimarrà a lungo uno dei più importanti acquirenti di carbone russo, quindi la direzione georgiana sembra essere molto redditizia anche in termini di transito.

Le ferrovie russe sono fiduciose che le nuove direzioni delle forniture di carbone aumenteranno la redditività del traffico ferroviario e alleggeriranno il carico sulle rotte tradizionali. Oltre alla Finlandia, particolare attenzione è riservata al porto di Kaliningrad, attraverso il quale è prevista anche la fornitura di carbone ai paesi europei.

Nel frattempo, non si dovrebbe entrare in un ottimismo eccessivo. In effetti, ora in Europa i prezzi del gas sono diminuiti in modo significativo. Di conseguenza, anche il fabbisogno dei paesi europei di combustibile a carbone sta diminuendo e questo, a sua volta, in futuro potrebbe portare a una diminuzione degli acquisti di carbone da parte degli stati europei.

D'altra parte, è possibile che i prezzi del carbone aumentino di nuovo. Ma questo è possibile se non inizia il massiccio ritorno delle compagnie carbonifere americane sui mercati europei. Tuttavia, è ancora necessario studiare e provare nuove direzioni di approvvigionamento di carbone, e in questo senso OO RZD si sta muovendo nella giusta direzione.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.