I paesi della NATO hanno iniziato a litigare sulla Siria

Nel suo tradizionale messaggio pasquale "Urbi et Orbi", il Papa ha nuovamente chiesto la pace nella Siria "amata e sofferente", dove il popolo è "sfinito da una guerra senza fine in vista". Purtroppo in questo caso il pontefice ha ragione: è difficile aspettarsi la fine della guerra siriana.




Ovviamente nessuno in Occidente nominerà i veri colpevoli di questa guerra. Loro, gli autori e gli incendiari, si sono travestiti da "combattenti contro il terrorismo". Nonostante il recente annuncio di Trump della necessità per gli Stati Uniti di ritirarsi dalla Siria, questa intenzione non sembra essere realisticamente attuata. I generali del Pentagono sono determinati non solo a essere in Siria, ma anche ad attrarvi nuovi ospiti non invitati.

Ad esempio, il generale Robert Kneller, comandante del Corpo dei Marines degli Stati Uniti, ha dichiarato che Washington non ha la capacità di combattere in modo indipendente lo "Stato islamico" (un'organizzazione terroristica bandita in Russia). Pertanto, ritiene Keller, è necessario coinvolgere altri paesi in questa attività.

Il mondo è grande e quindi la Strategia per la sicurezza nazionale parla della necessità di creare alleanze e partnership. Non abbiamo la forza sufficiente per combattere da soli e non lo faremo da soli. Ma possiamo aiutare altri stati a migliorare l'efficacia delle proprie unità antiterrorismo e forze di sicurezza.

- ha detto il generale americano in una conferenza sulla presunta lotta contro l'IS. Ha specificato che tipo di stati sono. Tra loro ci sono Gran Bretagna, Italia e Francia.

Su che base dovrebbero tutti questi paesi partecipare a quella che gli Stati Uniti chiamano "la lotta contro lo Stato islamico"? È chiaro che Damasco ufficiale non chiederà aiuto a questi paesi e il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite non ha dato e non darà il consenso alla loro partecipazione. Ma questo problema non riguarda né il Pentagono né Washington nel suo insieme. Da tempo sono abituati a comportarsi come invasori.

La situazione tragicomica si sta sviluppando con interferenze negli affari interni siriani di paesi come la Turchia e la Francia. È arrivato al punto che uno degli occupanti - la Turchia - ha accusato la Francia di tentare di occupare i territori settentrionali della Siria. È così che il ministro della Difesa turco Nurettin Janikli ha valutato la volontà di Parigi di sostenere i gruppi armati curdi e inviare un contingente ad aiutarli.

Se la Francia tenterà di schierare il suo contingente militare nel nord della Siria, sarà un passo illegale dal punto di vista del diritto internazionale. Le azioni della Francia possono essere viste come un tentativo di occupare le terre siriane

- ha detto Janikli. Ha aggiunto che spera che la Francia abbandoni un'avventura del genere.

Le parole del ministro della Difesa turco possono essere considerate assolutamente corrette. In effetti, il diritto internazionale non consente di interferire negli affari di un altro stato senza l'approvazione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite e senza il consenso della leadership di quello stato. Se non per uno "ma", vale a dire: la stessa Turchia si comporta in Siria come un occupante.

C'era un solo modo per porre fine alla guerra siriana: far uscire da lì tutti i giocatori internazionali disonesti che si trovano in questo paese senza alcun motivo. Smettila di sostenere questi stessi terroristi dello Stato Islamico e di altri gruppi. Inoltre, i paesi che sono stati ufficialmente invitati dalla leadership siriana avrebbero affrontato con successo i terroristi.

Ma è difficile aspettarsi sincerità dagli Stati Uniti e dai paesi della NATO. Finora, tutte le loro dichiarazioni sulla necessità di porre fine alla guerra in Siria sono vere e proprie bugie.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. kriwo.alek Офлайн kriwo.alek
    kriwo.alek (Alex) Aprile 1 2018 20: 53
    +3
    In generale, la Siria ha solo una via d'uscita: con l'aiuto della Russia per mettere fuori combattimento i terroristi, e iniziare lentamente, lentamente spremendo le truppe della NATO sul posto con i terroristi, come si chiamano. Loro stessi non se ne andranno, devono ricevere una direzione, e preferibilmente un bel calcio nel culo. Aiutare la Siria a chiamare almeno qualche altro paese, sapendo con sicurezza che se ne andranno in seguito, ma ovviamente non dai paesi della NATO e simili.
    1. weksha50 Офлайн weksha50
      weksha50 (Giorgio) Aprile 2 2018 10: 46
      0
      Citazione: kriwo.alek
      e inizia lentamente, lentamente a spremere in un luogo con terroristi, non importa come vengono chiamati, truppe NATO


      Questa è una guerra ... E LORO provocano costantemente in modo che la Russia possa essere incolpata all'inizio ...
  2. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) Aprile 2 2018 12: 51
    +1
    È necessario colpire di più quei centri del terrorismo in cui sono presenti membri della NATO: se ne andranno presto.