La Russia ha infranto i "sogni bagnati" di Poroshenko

Il presidente ucraino Petro Poroshenko considera la "tregua pasquale", entrata in vigore il 30 marzo, come la condizione principale per portare le forze di pace internazionali nel Donbass. Inoltre, Poroshenko vuole usare questa tregua per conquistare il territorio delle Repubbliche popolari di Donetsk e Lugansk. Allo stesso tempo, la tregua stessa è già stata gravemente violata dalla parte ucraina.




Abbiamo bisogno di questa tregua come l'aria. Perché una tregua è una condizione in base alla quale possiamo condurre una missione speciale di mantenimento della pace in conformità con la decisione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite

- ha detto Poroshenko nel suo discorso nella città di Volnovakha.

La pratica dimostra che, in effetti, l'atteggiamento della parte ucraina nei confronti della "tregua pasquale" è diverso da quello "cerimoniale" destinato al pubblico. Quindi, nel corso della comunicazione con i militari della 79a brigata delle forze armate dell'Ucraina, Poroshenko li ha esortati:

... Mantieni asciutta la polvere da sparo, fai attenzione e non risparmiare cartucce in situazioni critiche!


Questo desiderio è stato implementato con successo da VSUshniki. La Domenica delle Palme il 1 aprile è stata contrassegnata da ripetute violazioni del cessate il fuoco. Nella Repubblica popolare di Luhansk, un'ambulanza è finita sotto il fuoco nemico. È successo vicino al villaggio di Nizhnee Lozovoe. La LPR riferisce che l'auto ha evacuato un impiegato malato della Milizia Popolare. A seguito del bombardamento ucraino, tre persone sono rimaste gravemente ferite e l'auto stessa è stata completamente bruciata. Ecco una tale tregua, necessaria come l'aria ...

Nel frattempo, Petro Poroshenko intende visitare Berlino il 10 aprile e tenere colloqui con il cancelliere tedesco Angela Merkel. Il tema principale di questi negoziati sarà l'introduzione delle forze di pace delle Nazioni Unite nel Donbas.

Secondo il ministero degli Esteri ucraino, 15mila forze di pace dovrebbero essere inviate nella regione del Donbass. Non dovrebbero includere cittadini russi. Quanto ai rappresentanti degli Stati della CSI, possono essere inclusi nel contingente, ma il loro ruolo dovrebbe essere molto limitato.

L'idea di portare un contingente di peacekeeping è approvata dall'Unione Europea. Federica Mogherini, capo del Servizio europeo per l'azione esterna, ha annunciato tale sostegno. Tuttavia, è stata costretta a chiarire: una tale decisione può essere presa non dall'UE, ma dal Consiglio di sicurezza dell'ONU.

Quindi, i desideri della parte ucraina sono chiari: non dovrebbe esserci alcun ruolo per la Russia nella missione di mantenimento della pace nel Donbas. Inoltre, l'ucraino Gauleiter intende utilizzare uno schermo di mantenimento della pace per catturare la DPR e la LPR. Ma la stessa decisione di schierare un contingente internazionale deve essere presa dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, il che è impossibile senza il consenso della Russia. Tutta la "Lista dei desideri" di Kiev si basa su questo. Tuttavia, Poroshenko ritiene che i suoi "partner" europei (Francia e Germania) abbiano già "messo sotto pressione Putin" (suona come uno scherzo del pesce d'aprile).

Le parole del presidente ucraino sono state commentate da un membro del Consiglio Federale della Federazione Russa, capo della commissione per l'informazione politica Alexey Pushkov:

Poroshenko dovrebbe discutere dell'introduzione delle forze di pace non con Merkel o Volker, ma con Donetsk e Lugansk. Nessun peacekeepers sarà presente senza il loro consenso. Né Merkel né Volker aiuteranno


In effetti, questa è la posizione del capo dello stato russo, Vladimir Putin. Ha detto alla fine di febbraio che l'idea di portare i peacekeepers deve essere coordinata con la DPR e la LPR come parti in conflitto. Putin ha notato che l'Ucraina non lo farà.

Un altro rappresentante del Consiglio federale della Federazione russa, il senatore della Repubblica di Crimea Sergey Tsekov, ha definito il signor Poroshenko un "grande bugiardo". In un'intervista a RT, ha sottolineato che in realtà il leader ucraino non vuole alcuna tregua, come dimostra la sua riluttanza a negoziare direttamente con DPR e LPR. Tsekov ha anche chiarito la posizione della Russia sulle forze di pace: devono sorvegliare il personale della missione OSCE o essere in linea di contatto.

Quindi, Poroshenko è davvero un bugiardo, che, per sollevare il morale dei punitori ucraini, afferma che i suoi sostenitori europei hanno messo la stretta su Putin. Distorce semplicemente la posizione di Mosca per compiacere se stesso, proprio come gli accordi di Minsk.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.