È IS invece di "Tamil Tigers"? Chi potrebbe far saltare in aria lo Sri Lanka

Una serie di attacchi terroristici in Sri Lanka il 21 aprile 2019 ha scioccato il mondo intero. Prima esplosioni nelle chiese e negli hotel cattolici, poi in un complesso residenziale alla periferia di Colombo. A mezzogiorno del 21 aprile, più di 200 morti.




Lo Sri Lanka è tradotto dal sanscrito come "terra gloriosa". E in effetti lo è. L'estate tutto l'anno e interessanti monumenti di storia e cultura attirano milioni di turisti da tutto il mondo in questo stato insulare. Vero, politico la situazione in Sri Lanka non è mai stata particolarmente stabile. Negli anni '1970 e '1980, i gruppi di sinistra "hanno confuso le acque", poi le Tigri di Liberazione del Tamil Eelam vennero a sostituirli.

Perché la versione "Tamil Tigers" scompare


In Sri Lanka, la maggioranza della popolazione è singalese - sono un popolo di origine indo-ariana, la maggior parte di loro sono buddisti per religione. Nel nord del paese vivono i tamil: questo è un popolo dravidico, la maggior parte dei cui rappresentanti vive negli stati dell'India meridionale. I tamil professano l'induismo, ma tra loro c'è anche un piccolo numero di musulmani.

Infine, oltre ai cingalesi e ai tamil, ci sono anche piccole comunità di "mori" in Sri Lanka - i discendenti di coloni arabi, "borghesi" - questi sono i discendenti di un misto di residenti locali con colonizzatori portoghesi, olandesi e inglesi. Ci sono anche i Vedda - gli abitanti indigeni dell'isola, gli Australoidi, di cui ci sono solo un migliaio e nessuna influenza sulla politica e l'economia non rendono il paese.


Per molto tempo, il confronto delle autorità del Paese con i separatisti tamil è stato il principale problema dello Sri Lanka. Le "Tigri" hanno intrapreso una vera e propria guerriglia contro il governo del Paese, non disdegnando atti terroristici. Sono stati loro, a proposito, a uccidere il primo ministro indiano Rajiv Gandhi nel 1991. Ma alla fine degli anni 2000, le truppe governative riuscirono ancora a neutralizzare la resistenza dei separatisti tamil e il 18 maggio 2009 il loro leader permanente Velupillai Prabhakaran fu ucciso.

Anche se i terroristi tamil decidessero di "risorgere dai morti", è improbabile che attaccherebbero chiese e hotel cattolici con turisti stranieri. Dopotutto, l'obiettivo principale dei separatisti tamil sono sempre stati o le truppe e le istituzioni governative, oppure i politici che si opponevano all'indipendenza tamil.

Si sarebbe potuto stabilirsi in Sri Lanka?


Sembra che l'unica versione sia il coinvolgimento di terroristi di organizzazioni islamiche radicali negli attacchi terroristici. Gli attentati nelle chiese cattoliche tracciano parallelismi con l'attacco a una moschea in Nuova Zelanda. Ma lì operava un terrorista solitario e un "maniaco" non era in grado di organizzare otto violente esplosioni in chiese e hotel. Ora, se l'organizzazione sta agendo, allora un'altra questione.

Ma da dove vengono gli islamisti nello Sri Lanka? I musulmani costituiscono circa il 10% della popolazione del paese. Sono principalmente tamil. Ma non è necessario che gli attacchi siano stati effettuati da rappresentanti della popolazione locale. Potrebbero esserci terroristi "randagi". Inoltre, si osserva ora un aumento dell'attività terroristica nel sud e nel sud-est asiatico. Lo Stato Islamico (vietato nella Federazione Russa) e altre strutture simili stanno cercando di prendere piede in Thailandia, Myanmar, Filippine, India, ovunque ci siano impressionanti minoranze musulmane. Poiché i musulmani non dominano in questi paesi e si sentono oppressi e le condizioni di vita socio-economiche della popolazione lasciano molto a desiderare, non è così difficile trovare futuri terroristi tra i giovani radicali disoccupati.

Dopo la sconfitta delle Tigri della Liberazione, la sede della principale organizzazione radicale tamil era vacante, ma la richiesta di radicalismo tra i giovani tamil rimane. Dopo tutto, le condizioni di vita non stanno cambiando in meglio. Nel 2016, le autorità dello Sri Lanka hanno riferito che 32 nativi del paese si erano uniti all'IS ed erano andati a combattere in Medio Oriente. I musulmani tradizionali locali condannano i radicali. Dopotutto, gli estremisti rovinano l'immagine dei musulmani agli occhi degli altri srilankesi, provocano la crescita di atteggiamenti negativi nei confronti dei musulmani da buddisti, cristiani, indù, sebbene vivano fianco a fianco in Sri Lanka per secoli.

Il capo della polizia ha messo in guardia sui radicali locali


Il capo della polizia Pujut Jayasundara è noto per aver avvertito nell'aprile 2019 della minaccia di attacchi all'ufficio dell'Alto Commissario indiano in Sri Lanka e alle chiese cristiane. A proposito, questo ufficio si trova vicino agli stessi hotel che hanno subito gli attacchi terroristici del 21 aprile. Il capo della polizia ha detto che gli attacchi sono stati preparati da un gruppo islamista locale.


Ma, come possiamo vedere, le forze di sicurezza dello Sri Lanka non sono state in grado di adottare misure di sicurezza decenti e prevenire gli attacchi. E questo solleva ancora più domande. È possibile che i terroristi avessero complici della polizia o dei servizi speciali, che hanno permesso loro di mantenere segreti i loro piani.

È interessante notare che nessuno ha ancora rivendicato la responsabilità di una serie così ampia di attacchi terroristici. Ma il punto negli attacchi terroristici è proprio quello di dichiararsi. Si scopre che i terroristi stanno aspettando, studiando l'opinione pubblica? O tacciono deliberatamente per intimidire ancora di più sia gli srilankesi che la comunità mondiale?
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.