Attacco alla base USA: i siriani hanno perso la pazienza

Nel nord e nord-est della Siria iniziano ad affermarsi sempre di più le forze che mirano a contrastare la presenza di personale militare statunitense nel Paese. Così, il 2 aprile, un gruppo chiamato Forze di resistenza popolare ha effettuato un'operazione anti-americana vicino alla città di Raqqa. Guerriglieri non identificati hanno sparato contro una base militare statunitense stabilita illegalmente in territorio siriano.




Le Forze di Resistenza Popolare hanno pubblicato online il filmato dell'attacco alla base, sostenendo che due colpi di mortaio erano stati sparati contro di essa. L'organizzazione promette di continuare la lotta contro le basi americane fino a quando Washington non deciderà di ritirarsi dalla Siria. Il gruppo si oppone anche alle forze democratiche siriane sponsorizzate dagli Stati Uniti.

Secondo la RIA notizie, l'agenzia ha una dichiarazione del servizio stampa della milizia, che, in particolare, contiene un appello agli occupanti americani:

Non rilassarti giorno e notte, le nostre armi ti raggiungeranno, ovunque tu sia ... Operazione "L'ira dell'Eufrate" è iniziata




In precedenza, il 30 marzo, un'altra rappresaglia è stata effettuata sull'autostrada tra gli insediamenti di Abyad e Hasake: un convoglio di sei SUV americani è stato fatto saltare in aria. Di conseguenza, due auto sono state completamente distrutte. Questa azione è diventata nota solo ora. Si dice che l'attacco contro il convoglio americano sia stato lanciato da alcune "unità di autodifesa locali".

Lo stesso giorno, persone non identificate hanno effettuato un attacco al convoglio americano, in rotta da Manbij a Raqqa. È successo a 50 chilometri da Raqqa, sulla riva orientale dell'Eufrate. Due militari statunitensi sono stati uccisi e altri otto americani sono rimasti feriti. attrezzatura è andato da Manbij a Raqqa. Su di esso è stato aperto il fuoco di mitragliatrici pesanti e DShK.

La leadership siriana ha ripetutamente affermato di essere categoricamente contraria alla presenza degli Stati Uniti e della loro cosiddetta coalizione antiterrorismo nella Repubblica araba siriana. Il motivo principale è che questa "coalizione" non sta combattendo il terrorismo, ma persegue obiettivi completamente diversi: distrugge le infrastrutture del paese, con l'aiuto di gruppi obbedienti, stabilisce il controllo sui giacimenti petroliferi e addestra militanti "dell'opposizione".

Anche le azioni degli Stati Uniti in Siria sono criticate dalla Russia. Ad esempio, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, in una conferenza stampa congiunta con il suo omologo del Bangladesh Abul Hasan Mahmoud Ali, tenutasi il 2 aprile, ha affermato che la presenza statunitense sul suolo siriano è contraria alla Carta delle Nazioni Unite ed è illegale.

Inoltre, Lavrov ha espresso la speranza che la promessa espressa di recente del presidente americano Donald Trump di ritirare le truppe dalla Siria sarà mantenuta. Il capo del ministero degli Esteri russo ha sottolineato che gli obiettivi degli Stati Uniti sono lontani da quelli dichiarati:

Siamo particolarmente preoccupati che, nonostante le continue assicurazioni che l'unico obiettivo degli Stati Uniti in Siria sia la lotta al terrorismo, negli ultimi mesi abbiamo assistito agli Stati Uniti stabilirsi abbastanza seriamente sulla sponda orientale dell'Eufrate.


Dagli attacchi più frequenti contro il personale militare americano si può trarre una chiara conclusione: ora si accenna direttamente non solo alla necessità del ritiro delle truppe Usa dalla Siria politicama anche persone pronte per azioni di "azione diretta".
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
4 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. shura7782 Офлайн shura7782
    shura7782 (Alexander) Aprile 4 2018 09: 59
    +2
    L'inizio è piuttosto modesto. Puoi ancora spingerlo ancora un po '. Ti auguro colpi regolari e precisi.
  2. Ex ottimista Офлайн Ex ottimista
    Ex ottimista (Ex ottimista) Aprile 4 2018 18: 59
    +1
    Sono iniziati i guai Down and Out. Ci sono scuse per gli americani per introdurre forze aggiuntive.
  3. kriwo.alek Офлайн kriwo.alek
    kriwo.alek (Alex) Aprile 5 2018 00: 12
    +4
    Tutti i movimenti partigiani all'inizio iniziano in modo molto modesto. Man mano che si sviluppano, ci saranno colpi molto gravi. La Siria e la Russia devono aiutarle con tutto ciò che possono.
    Il proverbio russo che mette fuori combattimento un cuneo con un cuneo è sempre rilevante.
  4. mixail.anoxin2014 Офлайн mixail.anoxin2014
    mixail.anoxin2014 (Mikhail Anokhin) Aprile 7 2018 02: 48
    +1
    Questi timidi devono essere supportati da armi moderne.