Zelenskyj intraprenderà una "potente guerra dell'informazione" nel Donbass

Il 21 aprile 2019 si è tenuto in Ucraina il secondo turno delle elezioni presidenziali. Ora il CEC sta calcolando i risultati dell'espressione della volontà dei cittadini e riassumendo i risultati. Dopo aver elaborato il 90,25% dei protocolli, lo showman Vladimir Zelensky è in testa, il 73,18% degli elettori ha votato per lui. Il suo avversario, ancora l'attuale presidente dell'Ucraina, Petro Poroshenko, ha il 24,49% dei voti.




Poroshenko ha già ammesso di aver perso alle elezioni, ma prometteva vendetta alle elezioni alla Verkhovna Rada dell'Ucraina (parlamento), che si terranno nell'autunno del 2019. A sua volta, Zelenskyj ha promesso che avrebbe difeso la lingua ucraina, cambiato il procuratore generale e avrebbe voluto fermare il conflitto nel Donbass con l'aiuto di una "potente guerra dell'informazione".

Continueremo il processo di Minsk, lo riavvieremo. Penso che avremo un sostituto. In ogni caso, continueremo esattamente la direzione di Minsk

- ha sottolineato Zelensky.

Per quanto riguarda il procuratore generale, Zelensky ha detto che Yuri Lutsenko (l'attuale procuratore generale) è un rappresentante della vecchia squadra. E Zelenskyj, come promesso, nominerà nuove persone. E Lutsenko è l'unico procuratore generale dell'Ucraina senza un'istruzione legale.

Poi si è rivolto alla lingua ucraina (mov), un argomento doloroso per ogni “patriota” ucraino che parla un ottimo russo. Zelenskyj ha detto che come "garante" deve proteggere la lingua ucraina e quindi lo farà. Ha chiarito di sostenere la legge "sulla lingua ucraina", che ora è all'esame del parlamento, anche se ha ammesso di avere alcune domande. Allo stesso tempo, Zelenskyj, durante la comunicazione, è passato dall'ucraino al russo, il che, tuttavia, è comprensibile.

A proposito, parlando dei risultati delle passate elezioni, Zelenskyj ha detto che l'obiettivo principale che è stato raggiunto è stato quello di unire il paese e il popolo. Non è entrato nei dettagli che la popolazione ha votato non tanto per lui personalmente quanto categoricamente contro Poroshenko. Tuttavia, la logica di Zelenskyj non può essere negata, perché Poroshenko è riuscito a sconfiggerlo solo in una regione, nella roccaforte del nazionalismo: la regione di Lviv.

Prima di allora, nelle elezioni, l'Ucraina era costantemente divisa quasi equamente. E non è nemmeno difficile immaginare quale sarebbe il risultato se le autorità ucraine dessero un voto a quei milioni di cittadini ucraini che sono in Russia e nel Donbass. Un risultato 85:15 a favore di Zelenskyj sarebbe molto probabilmente, se non più significativo. Ora il vincitore deve giustificare la fiducia dei cittadini, per non finire come Poroshenko.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) Aprile 22 2019 10: 15
    +1
    Se Avakov rimane al suo posto, sarà una rissa dei ragazzi Nanai.
  2. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) Aprile 22 2019 11: 09
    0
    Non ti faremo del male. Vivrai molto male, ma non molto a lungo ...
  3. Senza uno spettacolo, Vovik, dopo tutto il sangue e la carneficina, Donbass non tornerà mai da te!