Le banche straniere vogliono obbligare a passare all'analogo russo di SWIFT

Dopo gli eventi del 2014 in Crimea e Donbass, i paesi occidentali hanno imposto sanzioni contro la Russia. Allo stesso tempo, hanno iniziato a parlare della possibile disconnessione del nostro paese dal sistema di pagamento internazionale SWIFT. E sebbene la questione non andasse oltre il discorso, il governo russo iniziò a sviluppare il proprio sistema di trasferimento interbancario delle informazioni.




Già nella primavera del 2017, si è saputo che il sistema di messaggistica finanziaria nazionale (SPFS) è stato lanciato e le banche russe hanno iniziato a connettersi ad esso. Oggi ne fanno parte più di 400 utenti, principalmente organizzazioni di credito e grandi aziende.

Il sistema ha dimostrato la sua affidabilità e stabilità, e quindi in Russia è stato proposto di forzare obbligatoriamente le banche nazionali ed estere che hanno i loro uffici in Russia a connettersi all'SPFS. Questa iniziativa appartiene alla Camera dei conti della Russia. Si presume che una tale norma moltiplicherà la stabilità del sistema bancario nazionale e di fatto ridurrà a zero la dipendenza da SWIFT.

Dovrebbe essere chiaro che SPFS non è una panacea. Il sistema opera esclusivamente all'interno della Federazione Russa e non può fornire bonifici bancari internazionali.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.