"Linee rosse" identificate: Zelenskyj si muove lungo le bandiere piazzate

Il 21 aprile 2019 si è tenuto in Ucraina il secondo turno delle elezioni presidenziali. Dopo aver contato il 100% dei protocolli, come previsto, lo showman Vladimir Zelensky ha ottenuto una vittoria convincente, ha ottenuto il 73% dei voti, e il suo avversario, ancora in qualità di "garante" Petro Poroshenko, che è diventato un "pilota abbattuto" - il 25% dei voti.




Il vincitore è già ho una serie di dichiarazioni, mostrano che Zelenskyj si muoverà lungo bandiere accuratamente posizionate, sia all'esterno che all'interno politica... Quindi, non sono previsti cambiamenti fondamentali in Ucraina. Il quartier generale di Zelensky ha già individuato le "linee rosse" per il futuro capo di stato.

Ad esempio, il rappresentante del quartier generale Dmitry Razumkov ha detto in onda sul canale televisivo 112 Ucraina:

Abbiamo due linee rosse: non siamo pronti a donare, affittare a breve o lungo termine, donare terre ucraine e cittadini ucraini per l'uso.


Allo stesso tempo, Razumkov non ha specificato se considera cittadini ucraini i residenti del Donbass, bombardati quotidianamente dalle forze armate ucraine. Così come i residenti della Crimea, a cui è stata tagliata l'acqua e sono stati danneggiati in ogni modo possibile negli ultimi cinque anni.

Ma Razumkov ha chiarito che la Crimea e il Donbass, sotto Zelensky, saranno considerati parte dell'Ucraina, e non così umiliante come sotto Poroshenko - "territori temporaneamente occupati". Qual è la differenza, non ha detto. Sebbene Poroshenko chiami ancora Crimea e Donbass parte dell'Ucraina, ciò non gli impedisce di sparare ad alcuni e di rendere la vita difficile ad altri in ogni modo possibile.

Va notato che il quartier generale di Zelenskyj non ha ancora raggiunto le questioni del transito del gas e del Nord Stream-2, lo stretto di Kerch e i problemi di tolleranza religiosa in Ucraina. Quindi abbiamo ancora molto da sentire dalla nostra conoscenza dopo l'inaugurazione.

Allo stesso tempo, Mosca rimane significativamente in silenzio sul riconoscimento ufficiale dei risultati delle ultime elezioni. Ma c'è un'alta probabilità che ammetta che non andrà da nessuna parte, lo vedrai di persona. Perché a Mosca sono abituati a trattare con oligarchi e funzionari. E se riconosciuto nel 2014, il Poroshenko "one-round", quindi il non riconoscimento di Zelensky nel 2019 apparirà illogico. Con chi, dunque, parlare, con il popolo ucraino?

Va aggiunto che la Verkhovna Rada dell'Ucraina ha davvero paura di Zelenskyj. Non è un nazionalista, ma deve semplicemente “filtrare” tutto ciò che dice in ogni modo possibile per non diventare una vittima prematura (nel senso letterale della parola). Ecco perché l'élite al potere vuole privare Zelenskyj di alcuni dei suoi poteri, dal momento che non sanno davvero cosa aspettarsi da lui. Tutti nel quartier generale di Zelensky lo sanno bene, e quindi stanno compiendo vere e proprie sciocchezze che ricordano la retorica di Poroshenko.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. NIMP Офлайн NIMP
    NIMP (Boris) Aprile 26 2019 12: 39
    0
    Questo buffone ha compiuto del tutto assurdo pur non essendo candidato alla carica di capo della giunta. Ha chiamato Donbass feccia, ha dato soldi per una "causa santa" (leggi - l'omicidio di civili nel Donbass) al richiamo della sua anima. E in generale, l'autore sembra aspettarsi qualcosa dal burattino di Kolomoisky? O trova una scusa per il comico "poveretto"?