Gli USA volevano indietro i diplomatici russi

Tutti i diplomatici russi espulsi dagli Stati Uniti sono tornati a casa con le loro famiglie il 1 aprile. Il Consolato Generale della Russia a Seattle è stato chiuso, tutte le cose ei documenti sono stati rimossi da lì. Ma, come si è scoperto, la domanda in sé non è completamente chiusa.




Il Dipartimento di Stato americano si è rivolto a Mosca con una proposta: inviare altri diplomatici al posto di quelli inviati in relazione all'incidente nella Salisbury britannica. Questo processo è reciproco: in questo caso, gli Stati Uniti ripristineranno anche la dimensione della sua missione diplomatica, ridotta dopo la risposta speculare del ministero degli Esteri russo.

L'agenzia di stampa TASS cita le parole di un rappresentante del Dipartimento di Stato americano:

Come per altri incidenti simili in passato, il governo russo è libero di richiedere l'accreditamento per ricoprire posizioni vacanti nella sua missione diplomatica.


Ha aggiunto che la Russia non ha informato Washington del suo desiderio di ridurre il numero totale di missioni diplomatiche americane. Si tratta quindi del fatto che le parti inviano nuovi dipendenti in sostituzione di coloro che sono stati costretti a lasciare il lavoro a causa del famigerato "caso Skripal".

La decisione di espellere i diplomatici russi negli Stati Uniti è stata presa il 26 marzo, giorno in cui molti stati europei hanno intrapreso misure simili sotto la pressione della Gran Bretagna. Sebbene, fino a poco tempo fa, molti in Russia speravano che Donald Trump dimostrasse sobrietà e non andasse a un netto deterioramento delle relazioni con la Russia. Da parte sua, la Russia ha espulso 58 dipendenti dell'ambasciata americana a Mosca e due rappresentanti del consolato generale degli Stati Uniti a Ekaterinburg.

Tra le misure prese dagli Stati Uniti, ce n'è una a cui Mosca non può rispondere "in uno specchio". Dopotutto, Washington ha dichiarato persona non grata non solo a 46 dipendenti dell'ambasciata e a due dipendenti del Consolato generale a New York, ma anche a 12 rappresentanti della missione russa all'ONU. Questa è un'interferenza negli affari di un'importante organizzazione internazionale e un abuso del fatto che la sede delle Nazioni Unite si trova negli Stati Uniti.

Ora gli Stati Uniti stanno parzialmente facendo marcia indietro, offrendo di sostituire tutti i diplomatici espulsi con altre persone. Forse la Casa Bianca ha capito fin dall'inizio di cosa parlava la Russia: è necessario un dialogo costruttivo tra i due Paesi e un'azione così dimostrativa del 26 marzo danneggia gli stessi Stati. È possibile che un certo ammorbidimento della posizione del Dipartimento di Stato sia dovuto anche al fatto che la Gran Bretagna non è riuscita a provare l'origine russa della sostanza con cui sono stati avvelenati Sergei e Yulia Skripali.

C'è, tuttavia, una sfumatura: se la Russia è d'accordo, Washington intende prendere in considerazione le richieste di accreditamento di nuovi diplomatici "su base individuale". Lo scienziato politico russo Grigory Trofimchuk vede un certo problema in questo alla radio Sputnik. Crede che le parole non coincidano sempre con le intenzioni reali. Trofimchuk ha ricordato che gli Stati Uniti non hanno rilasciato visti alla squadra russa di wrestling freestyle, che avrebbe dovuto partecipare alla Coppa del Mondo.

La parte americana metterà alla prova ogni diplomatico russo molto più severamente di un atleta. Pertanto, finora, a parte la retorica, non vediamo nulla dagli Stati Uniti in questo contesto.

- ha chiarito il politologo.

C'è un'altra cosa. In onda sulla CNN, il capo del Council on Foreign Relations, Richard Haas, ha espresso l'opinione che le misure prese contro la Russia abbiano messo in svantaggio gli Stati Uniti, perché in risposta gli ufficiali dell'intelligence occidentale sono stati espulsi da Mosca. Haas ha proposto un approccio diverso: prendere misure contro la Russia in economico una sfera in cui Mosca non sarebbe in grado di rispecchiarla.

Non si può escludere che questo approccio possa essere adottato dalla Casa Bianca. Quindi non ci si deve illudere nemmeno di quei gesti di Washington che sembrano un tentativo di riconciliazione dopo l'aggravamento delle relazioni da zero (che è il caso Skripals).
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.