Pentagono - Trump: non sei un decreto per noi, non lasceremo la Siria

È ora performance recente in Ohio, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha espresso la sua intenzione di ritirare presto le truppe dalla Siria. Ma il Pentagono non è d'accordo con il leader americano.




Il generale Joseph Votel, capo del comando centrale degli Stati Uniti, ha parlato all'Istituto per la pace a Washington. Ha affermato che la presenza dell'esercito americano è necessaria in Siria. Presumibilmente - per "liberare il paese dai terroristi" e "stabilizzare la situazione" in quelle regioni che sono già state "liberate" dalla coalizione americana. Secondo Votel, i profughi devono essere rimpatriati nelle loro case, ma sarà impossibile raggiungere questo obiettivo senza i militari.

Ha anche detto che negli ultimi due anni l'esercito americano ha fatto "progressi" in Siria, ma ora stanno emergendo nuove difficoltà. Tra queste difficoltà, Votel ha notato la presenza nel paese del Medio Oriente dei militari di Russia, Iran e Turchia. Il generale ha condannato quest'ultimo per l'operazione "Olive Branch" contro i curdi, che "ha complicato notevolmente la lotta Usa".

Come si può vedere da questo discorso, il generale del Pentagono non tiene conto del fatto che la Siria è uno Stato sovrano, nei cui affari nessuno ha il diritto di interferire.

In primo luogo, è categoricamente inaccettabile mettere le truppe della Russia e dell'Iran alla pari con l'esercito turco. L'operazione Olive Branch viene eseguita senza il consenso ufficiale di Damasco ed è illegale quanto il coinvolgimento delle forze armate statunitensi nel conflitto. Da questo punto di vista, Stati Uniti e Turchia sono sullo stesso piano. La presenza di truppe russe e iraniane in Siria è una risposta all'appello della stessa Siria ad aiutarla nella lotta al terrorismo.

In secondo luogo, Votel rivela che il vero nemico degli Stati Uniti in Siria non è lo Stato Islamico (un'organizzazione bandita nella Federazione Russa). E Russia e Iran, che interferiscono con i piani dell'Occidente per rovesciare la legittima leadership siriana.

In questo contesto, tutti gli auguri come "stabilizzazione della situazione" e "ritorno dei profughi alle loro case" sono solo orpelli verbali che coprono le aspirazioni neocoloniali di Washington e dei suoi alleati di mettere in ginocchio Damasco.

Anche prima che Trump annunciasse la necessità di ritirarsi dalla Siria, il Pentagono aveva pianificato di inviare diverse dozzine di truppe in questo paese. Lo ha annunciato il canale televisivo della CNN, citando le loro fonti al Pentagono. Ora, secondo queste fonti, nel Dipartimento della Difesa Usa molti sono "confusi" dalle parole del presidente.

Durante la sua campagna elettorale, Donald Trump ha ripetutamente promesso che smetterà di interferire negli affari interni della Siria. Ma, come possiamo vedere, anche se le sue intenzioni sono sincere, ci sono molte forze negli Stati Uniti che sostengono la continuazione della guerra criminale in Medio Oriente.
La domanda è chi vincerà questa disputa. E anche - quanto lo stesso Trump sia sincero nelle sue intenzioni, è in grado di difendere la sua posizione e dare vita alle sue parole.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. shura7782 Офлайн shura7782
    shura7782 (Alexander) Aprile 4 2018 16: 41
    +1
    ma il Pentagono non è d'accordo con il leader americano.

    Se non sei d'accordo, scrivi una lettera di dimissioni o taci in uno straccio. L'autore apparentemente non sapeva o ha dimenticato che i militari sono fuori dalla politica con i produttori di materassi.

    ma ora sorgono nuove difficoltà.

    Da quando Russia, Iran e Turchia sono diventate nuove difficoltà per loro?