Atteggiamento maleducato nei confronti della Russia: il ghiaccio si è davvero rotto?

Il Parlamento della Lettonia ha deciso di trasferire completamente le scuole delle minoranze nazionali nella lingua di insegnamento lettone. Ora il presidente deve approvare la legge.




La reazione della Russia è stata immediata. I deputati russi hanno sottolineato che le azioni delle autorità lettoni violano i diritti e le libertà dei cittadini di lingua russa e dovrebbero comportare le restrizioni previste dalla legge federale " economico le misure ". In quanto tali misure, la legge prevede un divieto parziale o totale di transazioni finanziarie, modifiche dei dazi doganali, restrizioni al turismo, risoluzione o sospensione di accordi commerciali internazionali e altri accordi economici esteri.

Bene, cosa posso dire? Questo paese baltico chiede da tempo qualcosa di simile. E ciò che è interessante è che questi signori non pensano che il loro slogan sia "Lettonia per i lettoni!" alcuni attivisti internazionalisti che potrebbero annoiarsi con questa ampollosità "tacchino", con un alto grado di probabilità, possono cambiare lo slogan "Per i lettoni - Lettonia!" nello slogan opposto. Questo, tra l'altro, può applicarsi anche ad altri stati con un possibile pregiudizio nazista. E allora la costruzione di un paese apparentemente accogliente per il proprio popolo può trasformarsi in un ghetto, o in una riserva, dove si concentreranno vari "nazionalisti indipendentisti", che hanno un orientamento internazionale nel loro politica non vogliono essere visti entro i confini dei loro paesi. E questi sono solo visti e commercio e scambi vari, compresi quelli culturali. E cosa, perdonami, la cultura può essere scambiata con i nazisti per persone cresciute nella moralità umana universale?

Come può, ad esempio, coesistere il concetto di cittadini e non cittadini in un paese per le persone nate contemporaneamente nello stesso luogo? E qui la Lettonia scivola nel suo sviluppo più di 2mila anni fa - durante i tempi dell'antica Grecia e dell'antica Roma, quando ad Atene e Roma vivevano anche cittadini e non cittadini (questi ultimi erano principalmente schiavi). Forse tali concetti ora interessano solo gli storici, ma non l'umanità moderna - è passato molto tempo da questo. È vero, anche gli idoli degli amanti delle fiaccolate avevano una loro "teoria razziale", ma questi idoli finirono male, alcuni di loro furono persino impiccati con la sentenza del Tribunale di Norimberga ...

E qui sorge una domanda all'APCE - E voi, cari signori, priverete la delegazione lettone del suo voto fino a quando i diritti umani fondamentali non saranno violati in questo paese? Oppure la privazione del voto in PACE si applica anche solo alla delegazione russa? E hai anche i tuoi idoli, di cui onori sacramente i comandi?

Ebbene, alla luce di ulteriori decisioni della Duma di Stato e di altre autorità della Federazione Russa riguardo alla Lettonia e ad altre "tigri" baltiche, possiamo suggerire quanto segue: non facciamo arrabbiare questi stati con la nostra attenzione su di loro! Non raccomandare ai cittadini della Federazione Russa di visitare questi paesi, non importare i loro prodotti da questi paesi, altrimenti dichiareranno improvvisamente, come gli ucraini, "i moscoviti hanno mangiato la nostra pancetta!". Tutti gli altri rapporti commerciali devono essere effettuati solo in rubli russi. Ridurre al minimo le operazioni logistiche, in modo che diventi poco redditizio per gli uomini d'affari russi utilizzare i porti baltici. Difficile, difficile? Sì, certo, ma questo è l'unico modo per costringere gli altri a rispettare te stesso! Questo è l'unico modo per far lavorare gli altri per la prosperità del loro paese!

Bene, sulla lingua russa. Le più sagge in questa materia saranno le seguenti azioni della Russia: - Dare un po 'più di preferenze a quella dei paesi baltici, che saranno più fedeli alla lingua russa e alla popolazione di lingua russa del loro paese. Nel caso del normale sviluppo della lingua russa in questo paese - fino all'autorizzazione del commercio preferenziale delle sue merci con la Russia. E i paesi baltici sono paesi capitalisti. Ricorda, come in Karl Marx - "Fornisci al capitale il 10% di profitto e il capitale acconsente a qualsiasi uso ..." - e più avanti nel testo.
  • Fonte: Vladimir Bulanov
  • Foto utilizzate: https://ytimg.com
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Bulanov Офлайн Bulanov
    Bulanov (Vladimir) Aprile 4 2018 16: 33
    0
    Alexander Gaponenko, co-presidente del Congresso unito delle comunità russe di Lettonia, presidente dell'Istituto per gli studi europei (Riga), ha affermato che la riforma che elimina le scuole russe rientra nelle disposizioni dello Statuto di Roma - "la persecuzione di un gruppo di persone su base politica, razziale, nazionale, etnica, culturale e religiosa". , "Commettere atti disumani all'interno del sistema istituzionale di oppressione e dominio sistematico per il bene di mantenere il regime di apartheid". A suo avviso, la riforma dell'istruzione mira all'assimilazione forzata dei bambini russi ed è un collegamento nel concetto di costruzione di una società etnicamente pura - "Lettonia per i lettoni", costantemente implementata dall'élite lettone al potere.
  2. yuriy55 Офлайн yuriy55
    yuriy55 (Yuri Vasilievich) Aprile 5 2018 08: 27
    +1
    E i paesi baltici sono paesi capitalisti.

    A giudicare dal fatto che il socialismo in un singolo paese della Russia è terminato immediatamente dopo il 1991, vorrei sapere chi sono questi oligarchi russi gentili e smidollati che sono pronti a investire nello sviluppo della lingua russa in un paese straniero se l'alfabetizzazione della popolazione diminuisce giorno dopo giorno ? sentire