Battaglia per lo spazio: può la Russia creare il proprio analogo della ISS

Parliamo se sia possibile creare una stazione orbitale dalle sole forze di Roscosmos, senza la partecipazione di Stati Uniti, Cina e altri giocatori.




Non più davanti al pianeta


Soviet Mir e l'International ISS sono il risultato di un viaggio incredibilmente lungo e molto difficile. La prima ad entrarvi fu l'Unione Sovietica, che lanciò nell'aprile 1971 la prima stazione orbitale con equipaggio (OS) - "Salyut-1". Gli americani lanceranno la loro prima e unica stazione, Skylab, più tardi. Questo avverrà solo nel 1973. Tuttavia, questo risultato un po 'tardivo impallidisce sullo sfondo della creazione di Mir, che divenne la prima stazione multimodulare abitata nella storia della civiltà. Cioè, grosso modo, "reale", e non solo un veicolo spaziale lanciato in orbita e lasciato lì.

L'ISS internazionale, che è parecchie volte più grande del Mir, è diventato un risultato ancora più grande. Non è stato senza la Russia: il paese ha svolto un ruolo importante nella costruzione della stazione: fortunatamente ha ereditato dall'URSS un potente razzo Proton di classe pesante, che è stato molto utile in questo difficile compito. Anche i missili Soyuz economici sono tornati utili. Insieme alle astronavi omonime. Tuttavia, questo è già un argomento di discussione separato.

Meglio pensare a cosa attende la stazione. Non c'è una risposta definitiva, tuttavia, secondo gli esperti, verrà abbandonata a metà degli anni '2020. Il costo del programma ha già superato i 150 miliardi: allo stesso tempo, né gli Stati Uniti, né la Russia, né l'Unione europea vedono un senso scientifico speciale per mantenere la ISS "per sempre". In pratica, ciò significa che l'astronautica russa con equipaggio sarà senza lavoro. Dopotutto, semplicemente non ci sono alternative alla consegna degli equipaggi alla stazione: le ambizioni lunari della Russia sembrano aver finalmente ordinato una lunga vita. E se l'atterraggio degli astronauti sul satellite avverrà, questo dovrebbe essere previsto non prima della metà degli anni 2030. Cosa fare fino a questo punto?



Buona "scienza"


Un paio di anni fa, i funzionari hanno parlato con invidiabile tenacia della stazione orbitale nazionale, che, secondo loro, potrebbe essere realizzata sulla base dei moduli della ISS. Vorrei subito notare che in termini di dimensioni e capacità, la stazione sarà significativamente inferiore a quella internazionale, il che è logico, dal momento che Roscosmos semplicemente non ha 150 miliardi di dollari.

Come può essere una stazione del genere? Da fonti aperte risulta che i moduli possono essere approssimativamente suddivisi in due categorie: quelli che vogliono essere utilizzati dopo il loro utilizzo sulla ISS e quelli completamente nuovi.

Moduli dall'ISS:

  • Modulo laboratorio multifunzionale "Science";
  • Modulo scientifico ed energetico;
  • Modulo nodo universale "Berth".

Nuovi moduli:

  • Modulo trasformabile sperimentale;
  • Modulo gateway.

Solo cinque. C'è una menzione della stazione orbitale nazionale nel programma spaziale federale 2016-2025. Tuttavia, le sue disposizioni sono così vaghe (più veloci, più alte, più forti!) Che non ha senso considerare seriamente le tesi principali riguardanti l'OS nazionale.

Notiamo solo che anche se stiamo parlando di moduli della ISS, nessuno di loro è stato ancora lanciato e agganciato alla Stazione Spaziale Internazionale. Il più grande di loro è il modulo scientifico ed energetico. Il suo volume dovrebbe essere di 92 metri cubi, più del modulo "Science" (70 metri cubi) e del modulo "Berth" (19 metri cubi) messi insieme. Tuttavia, vogliono lanciarlo solo nel 2022, cioè dopo la tanto sofferta "Scienza".


Volevano lanciare quest'ultimo nel 2007, ma poi le scadenze sono state costantemente posticipate. Ora il lancio del razzo con "Scienza" è previsto per il 2020, ma non vi è alcuna garanzia che questa data non venga nuovamente posticipata a un secondo momento. Il fatto è che ormai quasi tutti gli esperti ripetono all'unanimità sull'obsolescenza dei componenti e degli assiemi dell'apparato. E la durata della ISS, come notato sopra, non è illimitata. Finora, tutto parla a favore del fatto che il modulo sarà semplicemente "fuso" e per la prima volta nella sua storia moderna in dieci anni la Russia non consegnerà un singolo modulo alla stazione.

Tuttavia, questo non avrà più importanza nel contesto della creazione di un sistema operativo nazionale. Questo marzo, ha detto una fonte dell'industria spaziale RIA Novosti che "Science" sarà de facto inadatto per l'uso nell'ambito della stazione nazionale.

A causa dell'impossibilità di pulire i serbatoi di carburante standard del modulo Nauka dalla contaminazione, è stato deciso di sostituirli con serbatoi di carburante prodotti da NPO Lavochkin. Tuttavia, i nuovi serbatoi non sono riutilizzabili, sono usa e getta. Pertanto, la sostituzione consentirà al modulo, dopo essere stato lanciato in orbita bassa dal razzo Proton, di raggiungere e attraccare alla ISS da solo, ma i serbatoi non possono essere riforniti di carburante

- ha detto la fonte.

È improbabile che una tale decisione a Roskosmos avrebbe preso, progettando seriamente la creazione di una stazione nazionale, dal momento che "Scienza" sarebbe diventata, se non la base per essa, allora uno dei moduli più importanti. Senza di esso, la tempistica per la creazione della stazione sarà certamente spostata di almeno molti altri anni. E anche di più.

Ma, ripetiamo, non c'è motivo reale di credere che la leadership del dipartimento spaziale voglia in qualche modo ottenere un sistema operativo nazionale. I vuoti discorsi dei funzionari, così come la speranza di investimenti "miracolosi" dalla Cina, non hanno una vera forza. Il Celeste Impero ha chiarito: la Cina avrà la sua: una stazione spaziale modulare puramente cinese. E per la sua creazione c'è già quasi tutto ciò di cui hai bisogno. Ma i partner non sono particolarmente necessari.



Un futuro senza spazio


Il noto giornalista Andrei Borisov nel suo recente articolo "Come Roscosmos sta distruggendo la cosmonautica russa" ha scritto quanto segue a riguardo:

Tuttavia, non c'è dubbio che Roscosmos risolverà i suoi problemi finanziari. Per fare questo, basta abbandonare l'astronautica con equipaggio e le ambizioni di conquistare lo spazio profondo, lasciando missili usa e getta e non competitivi della famiglia Angara, progettati per rari lanci di satelliti militari.


Come suona il titolo di una delle canzoni dei Metallica "Sad But True". Nelle condizioni attuali c'è solo uno sviluppo di eventi in cui la Russia sarà in grado di preservare la sua astronautica con equipaggio e ricevere condizionatamente il "suo" sistema operativo. Se riusciamo a convincere gli Stati Uniti e l'Europa che sono necessari specialisti russi nella creazione di una nuova stazione lunare Lunar Orbital Platform-Gateway. Puramente formalmente, nessuno ha chiuso le porte davanti al proprio naso, ma finora i paesi occidentali non sono ansiosi di vedere Roscosmos nel progetto. Gli Stati lo hanno chiarito quando hanno annunciato che la Russia dovrebbe passare agli standard tecnici occidentali, per i quali il dipartimento di Dmitry Rogozin non è pronto. Come non pronto e politico la leadership del paese per stabilire buoni rapporti con l'Occidente (e senza questo parlare di cooperazione non ha senso).

Siamo ancora tenuti nel progetto, ma con grande piacere se ne sbarazzerebbero

- ha rilevato in questa occasione una fonte nell'industria spaziale e missilistica lo scorso anno.


È anche interessante che il Lunar Orbital Platform-Gateway sia attivamente criticato negli stessi Stati Uniti, e Donald Trump è ansioso di far atterrare gli astronauti sulla luna, sacrificando una partnership internazionale all'interno della stazione lunare. Tuttavia, ripetiamo, Roscosmos semplicemente non ha altre opzioni. Parlare di una stazione orbitale nazionale è insostenibile: né con tecnico, né scientifico né economico lati. E se la cooperazione con la Cina sarà vantaggiosa per qualcuno, allora solo per la Cina stessa, che non è mai contraria a prendere in prestito le tecnologie di altre persone.
  • Autore:
  • Foto utilizzate: http://dwnews.net
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. nucleo Офлайн nucleo
    nucleo Aprile 28 2019 12: 21
    +1
    il solito articolo di un vsepopalschik. va tutto male. forse non male? ma non pensavi che stessero cercando di trascinarci nella corsa allo spazio? Non è stato possibile partecipare alla prossima corsa agli armamenti, ci stanno provando dall'altra parte. sarà di vitale importanza, quindi ci sarà una stazione o un atterraggio lunare, e così, solo per amore del "prestigio", nessuno ha bisogno. tutto è andato - la Cina è lì, l'America è qui, ma in realtà non hanno nulla. La Cina ripete il programma spaziale sovietico-russo. Gli Stati Uniti non possono nemmeno finire una nave con equipaggio. guardati intorno, siamo allevati per soldi.
  2. Elfhybr888 Офлайн Elfhybr888
    Elfhybr888 Aprile 28 2019 18: 06
    +2
    Articolo carino e di alta qualità. Lo spazio è un piacere molto costoso. Non tutti i paesi possono permetterselo a un livello serio. I principali vantaggi pratici sono le comunicazioni, la meteorologia, il monitoraggio del pianeta. Devi aggrapparti a questa parte. E tutto questo "sonnambulismo", "marsismo" - come 40 anni fa per il grande spettacolo.