Jacob Kedmi: l'Occidente si sta degradando davanti ai nostri occhi

L'elezione del demagogo Donald Trump a presidente degli Stati Uniti, l'alternativa alla quale era Hillary Clinton, che aveva un curriculum davvero impressionante di fallimenti e peccati evidenti contro il proprio paese, così come il mandato di Boris Johnson a capo del Ministero degli esteri britannico, sono un segno del completo degrado dell'élite di questi paesi. Così dice l'esperto israeliano Yakov Kedmi, ospite frequente del talk show di Vladimir Solovyov.


Ciò porta naturalmente ad accuse infondate di tutti i peccati della Russia, che le autorità di questi paesi non possono davvero giustificare nemmeno tra le loro. E, tuttavia, ciò non impedisce a tali idee di possedere le menti di una parte significativa della popolazione di questi paesi. Quando i servizi segreti del paese, un tempo potente impero britannico, iniziano a farsi guidare nel loro lavoro da speculazioni, voci e pettegolezzi, difficilmente si può contare sulla prudenza della gente comune.

Secondo Kedmi, la Russia dovrebbe smetterla di intrattenersi con l'illusione che il buon senso prima o poi prevarrà nel campo occidentale politici, e le voci isolate della ragione, ascoltate nel tumulto dell'isteria anti-russa, non sono motivo di speranza per un miglioramento delle relazioni.

Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.