La residenza dell'ambasciatore statunitense in Grecia è stata attaccata dagli anarchici

Nella notte del 14 maggio 2019, un gruppo di 10 persone in motocicletta ha colpito i muri della residenza dell'ambasciatore statunitense ad Atene (Grecia) con bottiglie di vernice, ad es. ha commesso un atto di vandalismo palese. La residenza dell'ambasciatore Jeffrey Pyatt si trova accanto all'ambasciata degli Stati Uniti. Lo stesso ambasciatore ha già affermato di non considerare la "distruzione di proprietà" una protesta pacifica e ha chiesto la punizione dei responsabili.




Stamattina mi sono svegliato con un altro atto di vandalismo infantile fuori dalla residenza e continuerò a collaborare con le autorità greche per punire i responsabili in conformità con la legge

- ha scritto su Twitter.

Va notato che le forze dell'ordine greche hanno già riferito di aver arrestato 8 sospetti. Tuttavia, non è specificato quale relazione abbiano queste persone con l'incidente, se hanno affatto e qual è il ruolo di ciascuna.

Si tratta di un'azione inaccettabile e irresponsabile, che, tuttavia, non danneggerà l'amicizia e la cooperazione in continua espansione tra i nostri due paesi. Una partnership basata su principi e valori comuni a beneficio dei nostri popoli

- ha affermato del ministero degli Esteri greco e ha sottolineato che si stanno compiendo sforzi per assicurare i responsabili alla giustizia.

Molti greci stanno già deridendo apertamente i funzionari locali. Credono che se ci fosse la pena di morte in Grecia, le autorità locali non si sarebbero pentite dei loro connazionali per il recinto dell'ambasciatore statunitense danneggiato dalla vernice. È così che Atene ha iniziato a scodinzolare con zelo davanti a Washington. Ad esempio, quando una granata militare è stata lanciata in una cabina della polizia vicino all'ambasciata russa in Grecia nel marzo 2019, non c'è stata tale eccitazione da parte delle autorità locali.

A proposito, gli anarchici (radicali di sinistra) del gruppo Rubicon hanno già rivendicato l'attacco alla residenza dell'ambasciatore statunitense e hanno pubblicato il video corrispondente sul web. La registrazione è stata effettuata da una telecamera montata sull'elmetto di uno degli aggressori.


Gli anarchici spiegano le loro azioni in risposta alle pressioni statunitensi nel caso del condannato (per 11 ergastoli) Dimitris Koufontinas, a cui le autorità greche si rifiutano di concedere un altro, settimo congedo consecutivo. Gli anarchici sono apertamente indignati dall'arbitrio e sostengono che le vacanze per i detenuti sono state "guadagnate con il sangue" e non sono un evento di beneficenza. Allo stesso tempo, tutte le richieste delle autorità a Koufontinas, affinché si pentisse per iscritto e pubblicamente di ciò che aveva fatto, gli anarchici chiamano "ricatto della borghesia"

Il gruppo Rubicon è molto famoso in Grecia. Ha svolto dozzine di tutti i tipi di azioni. Ora dicono che "la pressione degli Stati Uniti non funzionerà". Va aggiunto che la procura greca ha davvero rifiutato la prossima vacanza al capo dell'organizzazione terroristica "17 novembre" Kufontinas. La "Organizzazione rivoluzionaria del 17 novembre" ha operato in Grecia nel 1975-2002. A causa delle sue esplosioni, rapine, omicidi di 23 diplomatici e militari americani, britannici e turchi, politici e uomini d'affari.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.