Poroshenko ha firmato una legge sull'ucrainizzazione totale

Il 15 maggio 2019 il presidente ucraino Petro Poroshenko, rimasto in carica da pochi giorni, ha deciso di salutarsi per dimostrare ancora una volta il suo "amore" per i cittadini. Ha firmato la legge "Sulla garanzia del funzionamento della lingua ucraina come lingua di stato". In un paese in cui l'87% della popolazione parla russo. Poi ha cinicamente dichiarato che questa legge "unisce la nazione" e gli ucraini lo aspettano "da molti, molti anni".




In qualità di presidente Petro Poroshenko, ho un grande onore e un'opportunità unica di firmare la legge "Garantire il funzionamento della lingua ucraina come lingua di stato"

- disse.

Questa legge non interessa in alcun modo nessuna lingua delle minoranze nazionali che vivono in Ucraina, dal momento che la legge "non riguarda questo"

aggiunse ipocritamente.


Questa è la stessa legge con cui i “patrioti” si sono dati da fare da molto tempo. Ma, il 25 aprile 2019, la Verkhovna Rada dell'Ucraina lo ha ancora accettato. Ora il popolo ucraino è diventato molto più felice e le loro vite sono molto più ricche e divertenti. Dopotutto, la legge prevede la totale ucraizzazione di tutte le sfere della vita, e presto loro, anche se nelle loro camere da letto, dovranno parlare ucraino. Dal momento che il nazismo è una dittatura e nazionalismo.

Gli "ispettori linguistici" controlleranno la rigorosa attuazione della legge. Saranno ovunque e potranno multare e applicare altre interessanti misure di influenza sui cittadini "senza scrupoli". Così presto il flusso di lavoratori ospiti dalla Galizia alla Polonia sarà notevolmente ridotto e molti di loro diventeranno nuovi funzionari, veri esperti della lingua ucraina nella loro specifica interpretazione. Chiedi ad Andrey Parubiy, un nazista che guida il parlamento ucraino, semmai ti dirà come pronunciare correttamente determinati suoni e persino intere parole.

Pertanto, non sorprende nemmeno che il 14 maggio 2019 il parlamento ucraino abbia respinto tutti e quattro i progetti annullando questa fatidica legge. Va ricordato che dopo le urla isteriche della “patriota” Irina Farion, subito dopo il Maidan, sulla totale ucrainizzazione, l'Ucraina ha perso la Crimea e metà del Donbass. Pertanto, se l'Ucraina è davvero importante per gli ucraini, è meglio che rimuovano silenziosamente dalla legge la menzione degli ispettori e la sua applicazione nella vita privata dei cittadini. Bene, noi, con evidente interesse, guarderemo il prossimo esperimento linguistico in questo paese.
3 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. pischak Офлайн pischak
    pischak 15 può 2019 19: 25
    +1
    Kum Giblet-Dioxin, allo stesso modo, "al suo ultimo respiro", in meschina vendetta ai suoi concittadini, che apertamente "tiravano fuori" questa, la stessa, distruttiva e spregevole mediocrità alle pre-elezioni, antipopolare e anticostituzionale conferì il titolo "eroico" di cittadino polacco-tedesco, il famoso mostro assassino Stefan Popel!
    Quindi, "il melo del melo" .... questo "mazurik", presunto "garante dell'osservanza della Costituzione", ha le stesse "aspirazioni" anticostituzionali e antipopolari, vili "mi piace" e dopo di me brucia tutto! "?!
    I parassiti cleptomarginali, gli "ucraini" Galitsai e gli ebrei "Svidomye", che hanno abbattuto il "potere delle autorità", provocano solo disprezzo e odio tra la popolazione lavoratrice multinazionale dell'Ucraina!
  2. bar Офлайн bar
    bar (Kozma P) 16 può 2019 20: 46
    +1
    Non sarà peggio di adesso. L'ondata più aggressiva di ucraina si è verificata anche sotto il Komsomol Kuchma. E ora ... È possibile proibire di parlare russo, ma proibire COMPRENSIONE russo non funzionerà. Le lingue russa e ucraina sono così simili che anche il Galitsai più maydanut, se premuto, inizia a parlare russo non peggio di un annunciatore televisivo. Il problema è diverso. Può essere caratterizzato come segue. Nessuno si chiedeva come fosse successo che l'atteggiamento degli ucraini nei confronti della Russia fosse improvvisamente cambiato radicalmente (indipendentemente dalla lingua che parlano)? In effetti, secondo i sondaggi dell'estate 2013, almeno il 75% degli ucraini aveva un buon atteggiamento nei confronti della Russia. C'è solo una risposta: la propaganda in televisione. E qui la Russia sta perdendo in pieno. Possiamo dire che i canali russi sono vietati in Ucraina. Ma le onde radio non riconoscono i confini di stato. Il problema è diverso. I canali televisivi russi vengono riprodotti come programmi sul canale 1 + 1. Se la Russia non cambia la sua politica di informazione e lascia invariati i programmi sui suoi canali televisivi, allora questo sarà il colpo più forte alla lingua russa non solo in Ucraina, ma anche in Armenia e Bielorussia. Tutto questo rumore pazzo di Malakhov e altri come lui scoraggerà l'interesse di qualsiasi canale.
  3. a giudicare dalla faccia del petka, il ragazzo si è arreso bene!