I russi stanno aspettando un nuovo balzo dei prezzi della benzina

Il 21 maggio 2019, è stato appreso che l'Unione del carburante russa (RTS) ha inviato un'altra lettera al vice primo ministro Dmitry Kozak, informando dei problemi nel mercato dei prodotti petroliferi. RTS ha deciso di attirare l'attenzione di un alto funzionario sulla situazione dei prezzi improvvisamente aggravata.




La lettera rileva che per il periodo dal 15 aprile al 15 maggio 2019, i prezzi all'ingrosso della benzina AI-92 e AI-95 sono aumentati in borsa in media del 20%. Allo stesso tempo, i sussidi di bilancio, che dovrebbero compensare i lavoratori del petrolio per i profitti persi a causa del contenimento dei prezzi alle stazioni di servizio, si sono rivelati inefficaci.

Di recente, i prezzi di cambio e, dopo di essi, i piccoli prezzi all'ingrosso dei carburanti hanno raggiunto record in termini di tassi di crescita. A partire dal 20 maggio, i prezzi di cambio per benzina e gasolio sulla maggior parte delle basi di consegna, tenendo conto della logistica, hanno raggiunto o superato il livello dei corrispondenti piccoli prezzi all'ingrosso indicativi e, sulle basi dell'Estremo Oriente, il livello dei prezzi di cambio per il gasolio è superiore di 8-9 mila rubli per tonnellata ai piccoli prezzi all'ingrosso indicativi ... Allo stesso tempo, l'aumento della domanda di piccoli lotti all'ingrosso più redditizi si trova di fronte a una restrizione dell'offerta delle società di vendita, che riporta gli acquirenti in borsa, sostenendo così la crescita degli indicatori dei prezzi di cambio.

- dice la lettera, il cui testo è già a disposizione di diversi media russi.

Va ricordato che alla fine di aprile 2019 il primo vice primo ministro Anton Siluanov e il vice primo ministro Dmitry Kozak hanno tenuto incontro, che ha concordato le fonti di finanziamento delle sovvenzioni (compensazioni) per i lavoratori del petrolio. Quindi i petrolieri hanno accettato di estendere l'accordo con il governo e hanno congelato i prezzi del carburante fino al 1 luglio 2019.

E ora, RTS riferisce che uno dei motivi dell'aumento dei prezzi in borsa sono le riparazioni primaverili nelle raffinerie di petrolio (raffinerie). Ciò ha portato a una riduzione della fornitura di prodotti petroliferi sia al mercato interno russo che all'esportazione.

Non è specificato se vi sia collusione in questo. Ma è noto per certo che la domanda di carburante cresce sempre in primavera. La campagna di semina nel Paese non è stata ancora cancellata.

Quindi, in relazione all'aumento dei prezzi in borsa, l'RTS ha suggerito al governo di adottare misure urgenti per prevenire il ripetersi del balzo dei prezzi della benzina dello scorso anno (maggio 2018). In particolare, RTS ha chiesto di dimezzare le accise sul carburante Euro 5 e di influenzare l'aumento delle vendite di carburante in borsa.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
1 commento
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. NumeroaN Офлайн NumeroaN
    NumeroaN (Umbtrto Nobile) 22 può 2019 19: 04
    +1
    Non si ubriacheranno ancora e non si strozzeranno? Vaughn sopra il messaggio che SaShu ha venduto 5 (cinque) milioni (milioni) di barili in appena un mese. Pochi? non ha soffocato? Si sono abituati, dannazione, a chiedere il budget per il presunto mancato guadagno. Abbiamo imparato a mendicare dai vicini del porcile.