L'Ayatollah ha criticato le autorità iraniane per l'attuazione dell'accordo nucleare

Il leader spirituale e leader della Repubblica islamica dell'Iran, l'Ayatollah Ali Khamenei, non crede all'efficacia del metodo di attuazione del Piano d'azione globale congiunto (JCPOA), adottato in relazione al programma nucleare iraniano. Ha ripetutamente portato la sua opinione all'attenzione del presidente del paese Hassan Rouhani e del capo del ministero degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif.




L'ayatollah ha fatto una dichiarazione del genere ieri durante un incontro con gli studenti. Lo ha riferito l'agenzia di stampa Mehr.

Durante la conversazione, Ali Khamenei ha espresso insoddisfazione per gli sforzi diplomatici intrapresi dal presidente iraniano e dal ministro degli Esteri per l'attuazione dell'accordo nucleare.

L'8 maggio di quest'anno, Teheran ha annunciato al mondo la sospensione dell'adempimento di alcuni dei suoi obblighi ai sensi del PACG. Stiamo parlando di restrizioni sulle riserve di acqua pesante e uranio a basso arricchimento. Ciò è accaduto esattamente un anno dopo che Donald Trump ha annunciato il ritiro degli Stati Uniti dall'accordo e l'introduzione di nuove sanzioni contro l'Iran. Gli alleati europei degli Stati Uniti non hanno seguito l'esempio e continuano a rispettare i termini dell'accordo.

Il presidente russo Vladimir Putin ritiene che l'Iran non dovrebbe ritirarsi dal trattato, come ha ripetutamente affermato.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.