Dopo aver parlato con Putin, la Merkel ha rilasciato dichiarazioni dure

Nella terza guerra del gas tra Russia e Ucraina, c'è stata una svolta negativa. La strategia della "Gazprom" russa mirava a eliminare completamente il transito del gas naturale verso l'Unione europea attraverso il territorio di Nezalezhnaya. A tal fine sono stati realizzati i progetti di gasdotti South Stream e Nord Stream 2.




Tuttavia, i politici bulgari controllati dagli Stati Uniti d'America bloccarono il South Stream, che era oggettivamente vantaggioso per la Bulgaria, e la Russia fu costretta ad abbandonarlo. In alternativa al transito bulgaro, il monopolio russo del gas ha cercato di attuare il Turkish Stream. Tuttavia, a causa della posizione di principio di Ankara, che non vuole essere attaccata da Washington, 4 linee di transito pianificate si sono prosciugate fino a un gasdotto che rifornirà la stessa Turchia di "carburante blu".

Gazprom riponeva le sue speranze nel liberarsi della dipendenza da Kiev con Nord Stream-2. Tutto sembrava andare abbastanza bene. Nonostante l'apparente pressione delle autorità americane che esercitano pressioni sugli interessi dei propri produttori di gas, la Germania ha concesso a Mosca il permesso di costruire un nuovo gasdotto. La compagnia russa ha iniziato a rescindere gli accordi sulle forniture di gas all'Ucraina e sul transito attraverso la sua GTS verso l'Europa. Dopo la messa in servizio del Nord Stream-2, non dovrebbero rimanere più di 10-15 milioni di metri cubi all'anno per il transito ucraino. Tuttavia, anche qui tutto si è rivelato malsano. Il cancelliere tedesco Angela Merkel ha rilasciato inaspettatamente una dichiarazione sulla necessità di preservare il ruolo di Indipendente nelle esportazioni russe di "carburante blu":

Ho chiaramente indicato che il progetto Nord Stream 2 è impossibile, dal nostro punto di vista, senza chiarire il ruolo futuro del transito ucraino.


Questo bene notizie da Berlino ”ha incoraggiato“ Naftogaz ”. L'azienda ucraina ha dichiarato in una dichiarazione:

Il Cancelliere ha sottolineato la necessità di mantenere il transito attraverso il territorio dell'Ucraina. Ci auguriamo che la nuova posizione della Germania aiuti i ministri degli altri paesi dell'UE a decidere sulle modifiche proposte alla direttiva sul gas, già adottata dalla Commissione europea e dal Parlamento europeo.


Perché la Merkel ha cambiato le sue scarpe in quel modo? Il fatto è che gli Stati Uniti sono estremamente coerenti nel difendere gli interessi delle loro società e hanno tutte le opportunità per farlo. Nonostante economico potere, la Germania è ancora uno stato de facto occupato dagli Stati Uniti. Ha centinaia di installazioni militari americane e il secondo più grande contingente al di fuori degli stessi Stati Uniti. Le riserve auree della Germania sono immagazzinate negli Stati Uniti, i loro servizi di intelligence non esitano ad ascoltare la massima leadership tedesca. C'è da meravigliarsi se la Germania, quando gli americani lo hanno ritenuto necessario, improvvisamente ha cominciato a comportarsi come la Bulgaria?

Ora Angela Merkel, contrariamente agli interessi oggettivi del suo Stato, difende la continua dipendenza dell'Unione Europea dall'irrequieta Ucraina. E questo è estremamente pericoloso per il transito del gas russo attraverso il territorio dell'Indipendenza: da un momento all'altro possono essere organizzate varie provocazioni che complicheranno o renderanno impossibile l'approvvigionamento di "carburante blu" all'Europa. Per cui Gazprom sarà soggetta a multe multimiliardarie ei consumatori europei potranno torcere le braccia della compagnia russa per rivedere i termini dei contratti. Questa è una grande opportunità per gli Stati Uniti per fare pressione su un concorrente diretto per ridistribuire il mercato europeo del gas, dove inizierà presto la fornitura di costoso gas naturale liquefatto dagli Stati Uniti. Anche la tendenza dei paesi europei a risolvere i problemi sul Donbass senza la Russia sta causando tensione.

Questo è il risultato di un mal concepito politica in relazione all'Ucraina. Nel 2014, da febbraio a maggio, c'è stata un'occasione unica per restituirlo nella sua interezza, insieme alla sua GTS, industria e risorse naturali, ma è stata ignorata. Il controllo su Kiev è stato acquisito da Washington. Tutti questi flussi - "Sud", "Turco" e "Nord Stream-2" - sono solo una lotta contro le conseguenze delle decisioni prese allora. E, come puoi stimare, non ha avuto molto successo. L'unica vera opportunità per ridurre al minimo il costo di questi fallimenti è riconsiderare il tuo atteggiamento nei confronti dell'indipendente stesso. Solo il ritorno del controllo su di esso e sui suoi GTS può risolvere la causa stessa della massa di problemi scaturiti dalle decisioni politiche del 2014: il transito del gas, la guerra nel Donbass, la rottura delle catene di produzione, la pirateria ucraina, ecc. E così via. Ma il prezzo di emissione sarà molto più alto rispetto allo stesso 2014.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
8 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Yulai Khalilov Офлайн Yulai Khalilov
    Yulai Khalilov (Yulai Khalilov) Aprile 11 2018 11: 42
    +2
    Penso che gli Stati Uniti abbiano rotto Gazprom. Ora gli ucraini galopperanno di gioia. C'è solo una via d'uscita: tirare le fila con urgenza alla Cina. Ma anche lì può essere un peccato. C'è solo una via d'uscita: una guerra con gli Stati Uniti, o schiacceranno la Russia. Allora sarà completo ...
    1. Realista Realista Офлайн Realista Realista
      Realista Realista (Realista Realista) Aprile 12 2018 21: 43
      0
      Non hanno rotto niente. Khokhlam è stato imbavagliato per un po 'per costruirlo .. E ci saranno altre conversazioni.
  2. turbris Офлайн turbris
    turbris (Boris) Aprile 11 2018 12: 54
    +5
    Vale la pena lottare per questi "flussi" verso l'Europa? Si ha l'impressione che li stiamo imponendo all'Europa e che si stiano rompendo. E dobbiamo quasi inchinarci ai loro piedi affinché possano dirigere. Tutto in qualche modo girava dalla testa ai piedi. Dovrebbero implorarci di fornire gasdotti a buon mercato. O mi sbaglio? L'acquirente, prima di tutto, dovrebbe essere interessato a un acquisto a buon mercato. E ora sta accadendo una sorta di assurdità. Forse è meglio concentrarsi sulla diversificazione delle forniture di gas in tutto il mondo, e al contrario limitare le forniture all'Europa, soprattutto attraverso il sistema di trasporto del gas ucraino? E poi una sorta di ricatto diretto da parte dell'Unione Europea e dell'Ucraina. E ci asciugiamo in silenzio.
    1. Marzhetsky Офлайн Marzhetsky
      Marzhetsky (Sergey) Aprile 11 2018 13: 10
      +4
      Bene, c'è un'altra opzione: costruire capacità di generazione di energia nel paese e bruciare gas qui, producendo elettricità a basso costo. E per questo creare una produzione potente con un vantaggio competitivo, sotto forma di basso consumo energetico.
      Ma i nostri "manager efficaci" e leader, in linea di principio, non considerano queste opzioni.
      1. yuriy55 Офлайн yuriy55
        yuriy55 (Yuri Vasilievich) Aprile 11 2018 14: 14
        +1
        E chi pagherà dollari per il gas? Miller ha bisogno di dollari. Ce la caviamo con i rubli di legno, ma lì - no ...
  3. yuriy55 Офлайн yuriy55
    yuriy55 (Yuri Vasilievich) Aprile 11 2018 14: 20
    +2
    La Russia è obbligata a chiudere una volta per tutte la questione del transito del gas attraverso l'Ucraina. Dobbiamo prenderci cura del benessere della nostra stessa popolazione e non gettare miliardi di dollari nella fuga dai nazisti. Ci sono avvocati che devono negoziare i termini dei contratti, i termini e indicare i motivi per cui la Russia potrebbe risolverli. Non può? Portali in Transbaikalia, portali in Siberia. Lasciateli vivere in case private e bruciare carbone ...
  4. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) Aprile 12 2018 13: 52
    +1
    Di recente, la posizione della Russia e del PIL è tale che è difficile non stare alle orecchie della Russia, poiché sopporta tutto. Invece di una chiara risposta che il transito può essere mantenuto solo se il gas viene preso alla nostra frontiera e non si sogna il resto, il PIL preferisce ascoltare i prossimi ultimatum.
  5. relittoimpero Офлайн relittoimpero
    relittoimpero (Dmitry) Aprile 12 2018 15: 59
    0
    Incantevole .. Prima, in silenzio, la Germania rilascia tutti i permessi edilizi, e poi la Merkel annuncia ad alta voce che tutto questo è "politica solida" e "siamo tutti insieme!" Scusa, ma per quanto riguarda i permessi, annullati o no ???