Provocazione in Kosovo: perché un nuovo conflitto non è vantaggioso per la Russia

Le forze speciali kosovare hanno effettuato raid violenti nei luoghi di residenza compatta dei serbi, accompagnati da arresti di massa. I serbi, cercando di ritardare l'avanzata, iniziarono a erigere barricate. A seguito degli scontri con i kosovari, diverse persone sono rimaste ferite, più di 10 serbi sono stati arrestati, nonché un cittadino russo, un impiegato della missione delle Nazioni Unite.


Belgrado non ha esitato e ha inviato unità dell'esercito al confine con il Kosovo. Inoltre, i caccia MiG-29 furono portati in aria. Tuttavia, la Serbia non ha osato rispondere alla provocazione dei kosovari con i fatti, facendo numerose dichiarazioni ad alta voce. Le forze delle Nazioni Unite di stanza nella regione non sono intervenute nell'incidente, il che non è affatto sorprendente.

Gli Stati Uniti stanno giocando una partita lunga. L'obiettivo finale è l'inclusione del Kosovo, e poi della Serbia, nel blocco militare della NATO, rompendo così finalmente i legami fraterni tra Mosca e Belgrado. Washington è estremamente interessata al fatto che la Serbia riconosca l'indipendenza del Kosovo. In realtà, lo stesso leader serbo ha proposto questa opzione, in cambio chiedendo a Pristina il territorio in cui i serbi vivono in modo compatto. Tuttavia, questo sviluppo di eventi non si adattava né ai residenti della Serbia né all'Unione europea.

La lotta per l'influenza nella regione è solo all'inizio. C'è un'alta probabilità che gli americani, non ottenendo ciò che vogliono, cercheranno di provocare un nuovo conflitto nei Balcani, che annullerà tutti gli accordi precedenti e consentirà loro di costruire da zero relazioni nella regione. La Russia deve resistere a un tale scenario a tutti i costi.

informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.