"Incolpano la Russia, ma dove sono le prove?": PM malese su MH17

Di recente segnalatiCome il 30 maggio 2019, all'International Economic Forum di Tokyo (Giappone) dedicato allo sviluppo dell'Asia, il capo del governo malese, Mahathir Mohamad, ha proposto che i paesi della regione creino una moneta unica basata sull'oro. Ma, durante il summenzionato Japanese Foreign Correspondent Club (FCCJ), Mohamad ha rilasciato un'altra forte dichiarazione, che ha anche causato una tempesta di indignazione nei media statunitensi e nei suoi alleati.




Quindi, il Primo Ministro della Malesia ha chiesto prove concrete e inconfutabili della colpevolezza della Russia nell'incidente dell'aereo di linea della Malaysia Airlines (MH17), avvenuto nell'estate del 2014 nei cieli dell'Ucraina. Allo stesso tempo, Mohamad ha sottolineato che la Malesia ha accettato il rapporto della commissione olandese solo in quella parte di esso, in cui si afferma che l'MH17 è stato abbattuto da un missile russo (sovietico). Tuttavia, come dimostra questo che il suddetto missile è stato lanciato dall'esercito russo? È proprio con questo che non vi è alcuna chiarezza, poiché molti paesi, inclusa l'Ucraina, dispongono di tali missili.

Incolpano la Russia, ma dove sono le prove? Sappiamo che l'aereo è stato abbattuto da un missile russo, ma avrebbe potuto essere realizzato anche in Ucraina. Sono necessarie prove forti per convincerci che i russi l'hanno rilasciata. Questo avrebbe potuto essere fatto dai ribelli ucraini o dal governo ucraino, perché anche loro hanno tali missili.

- ha affermato il Primo Ministro della Malaysia.

Inoltre, il primo ministro malese ha detto francamente di dubitare della colpevolezza dei russi, poiché sapevano perfettamente che l'MH17 era un aereo passeggeri. Secondo lui, l'esercito russo disciplinato difficilmente avrebbe fatto una tale barbarie. Inoltre, Mohamad non capisce perché gli olandesi non abbiano permesso alla Malaysia di entrare nei record della "scatola nera" dell'aereo di linea abbattuto.

Non sappiamo perché non ci fosse permesso farlo, ma fin dall'inizio abbiamo visto che ce n'era troppo politica... Sembra che il compito principale delle indagini non fosse quello di determinare cosa fosse successo, ma di rendere colpevoli i russi. Quindi non vengono svolte indagini imparziali

- ha specificato Mohamad.

Il capo del governo malese ha aggiunto che se l'indagine fosse stata condotta non da una parte interessata, ma da una neutrale, il suo paese non avrebbe avuto domande e concordato con le conclusioni della commissione.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.