Gli Stati Uniti minacciano l'UE di negare l'assistenza in mezzo alla "minaccia russa"

Quando si tratta di ordini militari per il Pentagono, Washington pensa immediatamente alla sicurezza "nazionale" e spesso "allontana" i suoi alleati europei dall'utilizzo dei fondi. Allo stesso tempo, gli Stati Uniti sono molto zelanti nel garantire che gli altri paesi aderiscano ai principi della "sana concorrenza" sul loro territorio e consentano alle società americane di assumere ordini di difesa.




Ad esempio, si è saputo che il 22 maggio 2019 Washington ha minacciato Bruxelles con la scomunica dal sostegno di fronte alla "minaccia russa" se l'Unione europea (UE) non consentisse agli Stati Uniti di unirsi ai suoi ordini militari. Il quotidiano spagnolo El Pais ne ha scritto solo ora, proprio in Europa hanno ancora una volta “digerito” tali informazioni per molto tempo.

Si tratta, in particolare, della dichiarazione di Michael Murphy, responsabile dell'amministrazione statunitense per i rapporti con Bruxelles, da lui resa a Washington durante un incontro con i rappresentanti dell'UE nel campo della politica e sicurezza.

Quando arriva una crisi e la tua difesa fallisce, i tuoi cittadini non saranno molto colpiti dal fatto che le armi acquistate provengano solo da paesi europei

Ha detto Murphy.

Va notato che Washington era oltraggiata dalle norme del futuro Fondo europeo per la difesa e dai progetti di cooperazione strutturata permanente sui problemi di sicurezza e difesa dei paesi dell'UE. Secondo gli Stati Uniti, le nuove norme europee nel campo della proprietà intellettuale, il trasferimento tecnologia ei controlli sulle esportazioni impediranno alle società statunitensi di partecipare a contratti di difesa con l'UE.

Se la lingua della legislazione FED e dei regolamenti PESCO non cambia, l'UE dovrà scegliere

Disse minacciosamente Murphy.

In effetti, gli Stati Uniti hanno lanciato un ultimatum all'UE e hanno offerto agli europei la possibilità di scegliere se garantire la sicurezza dei loro confini o continuare a fare affidamento sull'assistenza della NATO e degli Stati Uniti. Allo stesso tempo, Washington non ha dimenticato di sottolineare che la Russia ha confini fisici con l'UE e rappresenta una minaccia fisica diretta per i paesi membri e non membri.

Ha letteralmente rimproverato e severamente avvertito i diplomatici dell'UE che "qualsiasi crisi importante in Europa richiederà una risposta da Stati Uniti, Canada, Gran Bretagna e Norvegia" (per qualche motivo, non ha menzionato la Turchia). Ma ha avvertito che questo aiuto potrebbe non arrivare se i piani militari dell'UE portassero al fatto che le loro armi "non possono funzionare insieme".

Forse i nostri eserciti diventeranno meno compatibili e non potranno combattere insieme

Chiese Murphy.

A proposito, questa non è la prima dichiarazione del genere da parte di funzionari americani sull'UE. Gli americani sono molto preoccupati che, dopo che l'UE avrà un proprio blocco militare a tutti gli effetti, i servizi della NATO non saranno più necessari. Quindi si innervosiscono.
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.