Come l'Ucraina può rompere il piano di Putin: sei consigli a Zelenskyj

Fino ad ora ho giocato dalla parte del Cremlino, proverò a giocare a questa partita dalla parte dei suoi avversari, non tutti, ovviamente, ma solo quelli che sono rimasti dall'altra parte del marciapiede (oggi non considereremo nemici d'oltremare). Pertanto, tutti i kremlebot e gli altri testimoni della setta del Grande Timoniere del Cremlino, per non ferire la loro psiche squilibrata, si prega di astenersi dal leggere questo articolo.




Per cominciare, rivelerò alcuni segreti che non erano evidenti a molti cittadini della Federazione Russa, nemmeno tra quelli a cui non ho consigliato la lettura di quest'opera.

Nelle ultime elezioni il Cremlino ha scommesso sulla vittoria del Pasticcere


Non abbiate fretta di sorprendervi, signori, era necessario. Tutti gli osservatori delle relazioni russo-ucraine non hanno potuto fare a meno di notare che dalla fine dello scorso anno Putin ha acceso il regime "sempre impegnato" per il presidente della cioccolata, non volendo partecipare indirettamente alla sua campagna elettorale. Il che, però, non ha impedito al Cioccolato di andare alle urne con il motto: "O io, o Putin!" ... e di perderli, con delusione del Cremlino. E davvero, di cosa potresti parlare con un pericoloso idiota che organizza costantemente provocazioni e non è responsabile delle sue stesse parole? È possibile e necessario parlare solo con chi prende le proprie decisioni. Poroshenko chiaramente non era tra loro, ma questo non significava affatto che il Cremlino stesse scommettendo su Zelenskyj in queste elezioni. Per quanto sorprendente sia questo fatto, la vittoria di Zelenskyj non faceva affatto parte dei piani del Cremlino. La spiegazione è semplice. Mosca ha messo Petya per accendere lo strogach, con Vova lo strogach è difficile a causa del suo rating di fiducia, ma il PIL non ha ancora cambiato i suoi piani e di seguito spiegherò perché.

Naturalmente si stavano preparando per le elezioni. Per molto tempo. E non solo a Kiev. A Mosca sono state prese in considerazione anche le opzioni. Nessuno nutriva illusioni su Boyko, specialmente quando Pasticcere lo ha buttato a terra all'inizio, lasciando che Vilkul e Muraev lo silurassero attraverso il suo scagnozzo Akhmetov, che ha strappato a metà il loro elettorato comune. Pertanto, il Cremlino, non senza motivo, si aspettava di vedere Yulia e Petya in finale, e per loro era stato preparato un piano d'azione. Chiamiamolo piano "A". Ma la situazione è cambiata diametralmente quando la pedina di Ze è passata ai re, dopodiché la stella di Yulia è rotolata giù e una nuova stella di Vova TheLensky è salita nel cielo, che ha dipinto l'intero campo elettorale al primo turno nel proprio colore verde, vincendo 1 collegi elettorali su 20. il destino di Petya era una conclusione scontata ea Mosca si cominciarono a considerare seriamente il piano "B".

Il piano "A" in caso di una possibile vittoria di Poroshenko o Tymoshenko (per Mosca non ha fatto differenza) prevedeva l'inclusione automatica del regime del completo ignore con il rifiuto di riconoscere i risultati elettorali, (fortunatamente c'erano ragioni più che sufficienti), con il successivo riconoscimento dello status di LPR, almeno sulla falsariga del Sud Ossezia, con l'immediato rilascio di passaporti russi a tutti i presenti (credo che le persone che si sono trovate lì, negli ultimi 5 anni si siano già guadagnati questo diritto) e altre conseguenze che ne derivano, come il cessate il fuoco dalla parola "assolutamente" (e lascia che l'AFU ci provi se uno "sparasse" nella loro direzione, la statualità dell'Ucraina avrebbe potuto finire lì) e tagliando i rimanenti prodotti non finiti dal commercio con la Federazione Russa (fortunatamente avevano già rescisso il Trattato di Amicizia e Cooperazione). E questa sarebbe l'opzione migliore per Donbass. Sono certo che in seguito il nuovo / vecchio presidente (chiunque sarebbe diventato lui) avrebbe dovuto diventare più compiacente e il problema dell'Ucraina potrebbe essere risolto anche prima della scadenza dei poteri del VVP nel grado di Presidente della Federazione Russa, ovvero prima del 2024.

Come risultato della vittoria di Zelenskyj, tutto è diventato molto più complicato. Era possibile, naturalmente, ribaltare il piano "A" per lui, ma questo non sarebbe più lungimirante da parte del Cremlino. Poiché nulla può essere cambiato dal fatto stesso di riconoscere o non riconoscere le elezioni, l'URSS non è stata riconosciuta fino agli anni '30 del secolo scorso, e allora? Il principale riconoscimento interno della legittimità delle elezioni. E qui, grazie ad Avakov, che ha lavorato su istruzioni del comitato regionale di Washington, anche la parte perdente è stata d'accordo con i risultati delle elezioni. Quindi la decisione del Cremlino ha rischiato di andare contro la volontà dello stesso popolo ucraino e le sue speranze di cambiamento. Puoi combattere contro il regime, ma è stupido combattere contro il popolo. La stessa Mosca voleva che il popolo ucraino facesse qualcosa per la propria salvezza. Così ha fatto - il 73% degli ucraini che sono venuti alle urne ha votato per Zelenskyj, quindi la candidatura dello ZePresident ha effettivamente unito l'Ucraina sia a ovest che a est, anche se finora solo in odio per il regime precedente. E qui il Cremlino, con il mancato riconoscimento delle elezioni, potrebbe ritrovarsi nella posizione di vedova di sottufficiale, che si è tirata fuori. L'ipotetico piano "B" presupponeva quindi una certa pausa da parte del Cremlino e l'attesa dei primi passi del nuovo presidente sul binario interno ed esterno. Questo piano ha colpito il Donbass più duramente di tutti, a causa del quale ha rischiato di "congelarsi" nello status di territori non riconosciuti per almeno un altro anno. Anche Poroshenko, se ricordi, non fu subito riconosciuto. La pausa è stata di tre mesi. Sono corso, mi sono guardato negli occhi, mi sono lamentato con la nonna Merkel, poi mi hanno ammesso alla testa ...

Dobbiamo anche tenere conto che per la prima volta in 5 anni, le persone si sono unite sotto la comune bandiera di rovesciare l'odiato pseudo-dittatore, anche se queste erano speranze illusorie, ma hanno avuto luogo, e le persone in qualche modo ne hanno diritto. Zelenskyj è uno zero completo, non perché zero, anche se c'è anche questo, ma perché nessuno sa come si comporterà e chi c'è davvero dietro di lui. Affinché la destra lo influenzasse, è già iniziata una seria lotta tra le élite ucraine, tra le quali, oltre a Benya, sono state notate anche le persone di Pinchuk, Firtash, Fuks e Khoroshkovsky, in un momento in cui Rinat Akhmetov è stato lasciato fuori dal mercato (ne ha davvero bisogno!), E Le élite americane (intendo trumpisti e clintoidi, repubblicani e democratici), dove Trump ha ora tutte le carte vincenti nelle sue mani per spazzare via sia i suoi odiati democratici che gli oligarchi ucraini locali dal nuovo faro della democrazia ucraina. Ecco perché la Federazione Russa sta tirando con il riconoscimento e il non riconoscimento delle elezioni. La spada viene sollevata, ma nascosta di nuovo nel fodero. Donbass di nuovo aspetta il tempo in riva al mare, non invidierà. Ma questa è un'opportunità per uscire da questo circolo vizioso nel modo più semplice, non tagliando questo nodo gordiano, ma cercando di scioglierlo. Tutta la speranza è per il nuovo presidente. Come si comporterà, tutto dipenderà da questo. Chi nominerà alle cariche di Procuratore Generale, Ministro della Difesa, Ministro dell'Interno, capo della SBU, come si comporterà con la legge sulla lingua. Una brusca inversione a U non è possibile per lui, ma è per questo che è una figura ideale per questo, è considerato uno dei suoi sia nell'ovest che nell'est del paese. Ci sarà una svolta dolce verso la Russia. Tutti stanno aspettando! L'importante ora è non rovinare tutto per la Russia stessa, altrimenti vedo come alcuni canali federali della Federazione Russa, per inerzia, continuano a distorcere la stessa ghironda: l'Ucraina è un emarginato, un paese di sciocchi che scelgono uno sciocco per se stessi, e lì sono cari. E siamo intelligenti, stiamo sulla riva, agitiamo loro un fazzoletto. L'inerzia per 5 anni è stata tale da non poter fermare il loro ostracismo, incarnando così le speranze più ardite e irrealizzabili dei nostri nemici di rompere i legami fraterni tra i nostri popoli, appunto, tra le stesse persone, dilaniati da idioti.politici vivere nel 1991. Personalmente credo che alcuni compagni autorizzati nella Federazione Russa e nella società nel suo insieme sottovalutino le mutate circostanze e, per inerzia, continuino a "versare zuppa" sui non fratelli. Il che è stupido, soprattutto sullo sfondo della mutata politica del Cremlino nei confronti del Paese dei pomodori sempreverdi.

Ora il Cremlino non intende ripetere gli errori di cinque anni fa. Pertanto, anche prima del secondo turno, in cui Zelenskyj stava chiaramente vincendo, Mosca ha avviato una serie di passaggi proattivi, per non dipendere dalle azioni delle nuove autorità di Kiev, ma per influenzare le sue stesse decisioni. Fino a questo punto, tutte le azioni si sono svolte sotto il tappeto. Non esplicitamente. Ma con lo scopo esplicito di creare ulteriori elementi di pressione su Kiev, e nei rapporti con i suoi sponsor d'oltreoceano, che sono invisibilmente dietro di essa, per alzare la posta in gioco nelle inevitabili future trattative sulle sorti di questo territorio. Il territorio, diventato merce di scambio e pietra di discordia nelle controversie dei poteri forti, da cui la Federazione Russa non può ritirarsi per tanti motivi (e il destino di un popolo fraterno / non fraterno è tutt'altro che primo lì).

Pertanto, quando il Cremlino ha fatto un'iniziativa il 18 aprile, è diventato chiaro che Putin aveva incluso un piano "C". In questo giorno, il Gabinetto dei Ministri della Federazione Russa ha adottato nuove misure sanzionatorie contro l'Ucraina, presumibilmente in risposta alle azioni del suo Gabinetto dei Ministri, che erano progettate per stimolare il nuovo governo di Kiev a un processo di pensiero attivo e, soprattutto, produttivo. Le misure sono state così dure che il disegno di legge dal momento in cui è entrato in vigore il 1 giugno di quest'anno andrà avanti per mesi, dopodiché il regime di Kiev e tutti gli oligarchi che hanno bevuto sangue da questo paese per 28 anni avranno inevitabilmente una fortuna, e nei prossimi sei mesi. Si tratta di limitare a zero l'offerta di carbone e prodotti petroliferi, il che pone il governo di Kiev di fronte alla reale prospettiva di un collasso completo. economiacausato dall'inevitabile blocco del carburante e dell'energia. Il Cremlino ha utilizzato questo embargo su carburante ed energia al solo scopo di impadronirsi delle leve di controllo sul nuovo governo di Kiev prima che lo facessero altri. Chi sono questi altri, ho già detto sopra. E per salvare le teste calde a Kiev da inutili azioni avventate, il 24 aprile, senza aspettare che il neoeletto presidente si insedi, Putin emette il suo famoso decreto sulla semplificazione dell'acquisizione della cittadinanza russa da parte dei residenti della LPR.

Tutti capiscono che lo scenario della certificazione russa di LPR e DPR è un elemento della contrattazione di Mosca con Kiev sul futuro del Donbass. Mosca sta volutamente alzando la posta, rendendosi conto chiaramente che questo passaggio potrebbe chiudere un'ipotetica finestra di opportunità per i negoziati, che si aprirà in caso di cambio di potere a Kiev, ma non può più ignorare le speranze dei residenti delle repubbliche.


Questo ho citato RBCDa parte mia, posso solo aggiungere a questo che Mosca non può più ignorare le speranze della sua stessa popolazione, per la quale tale comportamento del Cremlino riduce il grado di fiducia e rispetto nei suoi confronti. Ora tutti a Mosca capiscono che è improbabile che la certificazione aggravi la pressione delle sanzioni su di essa da parte dell'Occidente. In parole povere, Mosca non si cura di lui! L'immagine agli occhi della propria popolazione è più costosa. L'implementazione di un simile scenario subito dopo le elezioni suggerisce solo che Mosca non ha illusioni sulla candidatura di un nuovo presidente. Il Cremlino è pronto a contromisure da parte ucraina, ma su questo punto non nutre particolari speranze. Se Vova Zelensky non coglie la tendenza proveniente dalla Federazione Russa, rischia di cambiare il regime "sempre impegnato" per il Chocolate Diabetic al regime "temporaneamente non disponibile" per se stesso. E poi Putin non parlerà più con lui, ma con i suoi padroni. Ecco perché tutto questo è accaduto prima dell'inaugurazione, e non dopo. Perché non l'hanno fatto prima, ho una grande domanda?! Ma questa domanda, come si dice, non fa per me, anche se cercherò di rispondere.

L'unità di potenza sta guidando. Babich lavorerà per il "piano 2024"


A far luce in parte su questo comportamento del Cremlino è la rotazione del personale, iniziata non molto tempo fa nel dipartimento di Surkov, e la sostituzione delle torri del Cremlino responsabili dell'Ucraina e dei paesi del Commonwealth. Surkov, che non ha affrontato la missione affidatagli, è stato sostituito da Babich, che si è dimostrato valido in Bielorussia. E il fattore decisivo nel prendere decisioni sull'Ucraina non è ora il dipartimento di Surkov, ma la voce del blocco di potere, legato nelle menti dei russi a figure come Patrushev, Naryshkin e Bortnikov. Surkov non è stato rimosso, ma degradato nei suoi diritti nel prendere decisioni sull'Ucraina, mentre rimane un consigliere del PIL e il principale ideologo del Cremlino, ma ora Mikhail Babich sarà a capo dell'Ucraina e dei paesi del Commonwealth, con un potenziale obiettivo di risolvere il problema del transito del potere-2024, che implica la creazione di un'unione Stati e associazioni sotto questa forma non solo della Federazione Russa e della Repubblica di Bielorussia, ma anche di altri paesi della CSI. Ma questa è una prospettiva molto lontana. Allo stesso tempo, il consenso o il disaccordo su questo del vecchio Lukashenka non viene nemmeno preso in considerazione, verranno create tali condizioni per lui che non avrà assolutamente alcuna possibilità di rifiutare questa offerta. Dalla parola "assolutamente". Persone completamente diverse stanno già lavorando a questo problema, da dipartimenti completamente diversi ei loro metodi di persuasione sono completamente diversi. Correre dentro tecnologia si sta svolgendo in tempo reale ora in Ucraina. Come si suol dire, guarda le tue mani.

Le prime fughe di notizie che stavano arrivando i cambiamenti sono iniziate nell'autunno dello scorso anno, quando il dipartimento di Vladislav Surkov, che era responsabile per l'Ucraina e completamente fallito in questa direzione, ha avviato una riorganizzazione e un aggiornamento completo del personale, coronato da un cambiamento non solo nel cartello, ma anche nella leadership. Il risultato di ciò è stato il licenziamento di Oleg Govorun il 4 aprile 2019 dalla carica di Capo dell'Ufficio per la cooperazione transfrontaliera dell'amministrazione presidenziale della Federazione Russa, Oleg Govorun, (presumibilmente per motivi familiari), e la nomina a questa posizione di Alexei Filatov, che aveva precedentemente ricoperto la carica di consigliere capo in questo dipartimento incaricato di Ossezia meridionale. Attirerei soprattutto l'attenzione dei lettori disattenti - con l'Ossezia meridionale! Traete le vostre conclusioni, signori! Conclusioni con una proiezione all'Ucraina.

Il 17 aprile Putin ha firmato un decreto corrispondente. Oleg Govorun ha diretto il dipartimento dal 2013. In precedenza era denominato "Ufficio del Presidente per la Cooperazione Sociale ed Economica con gli Stati Membri della Comunità degli Stati Indipendenti, la Repubblica dell'Abkhazia e la Repubblica dell'Ossezia del Sud", e l'attuale denominazione di "Ufficio per la Cooperazione Transfrontaliera dell'Amministrazione Presidenziale della Federazione Russa" è stato dato nell'ottobre 2018, dopo l'emanazione del corrispondente Decreto GDP ... Allo stesso tempo, è cambiata anche l'area di responsabilità del dipartimento: ha continuato a supervisionare l'Abkhazia e l'Ossezia meridionale, ma dai paesi della CSI solo l'Ucraina è rimasta nella sua giurisdizione. Fino al neo nominato Alexei Filatov, il lavoro con il Donbass al Cremlino era supervisionato dal vice del Govorun Maxim Polyakov. Lui, come l'altro vice. Il talker, che ha supervisionato le questioni economiche dell'interazione con l'Abkhazia e l'Ossezia meridionale, Denis Travin, è ancora al suo posto. E sebbene il direttore del Center for Current Politics, Alexei Chesnakov, vicino all'AP RF, ritenga che la riorganizzazione della gestione sia avvenuta su base regolare, puramente per motivi tecnici, tuttavia, altri esperti non la pensano così. Ci sono più che sufficienti denunce contro il dipartimento di Surkov. Prima o poi tutto questo sarebbe dovuto finire.

Nelle elezioni tenutesi in Ucraina, il blocco di potere ha messo Pasticcere sulla vittoria, non per niente per grande amore per lui, ma per perseguire obiettivi pragmatici ben precisi, alcuni dei quali ho già delineato sopra, legati al mancato riconoscimento dei risultati elettorali in caso di vittoria di Poroshenko, riconoscimento dell'autoproclamato repubbliche e il rilascio di passaporti russi ai loro cittadini. E contando anche su azioni di insoddisfazione di massa per i risultati di elezioni falsificate tra cittadini ucraini, che sono stanchi di un diabetico ubriaco, e ripongono le loro speranze su volti nuovi, anche se senza esperienza politica, ma almeno non macchiati di sangue e corruzione, in questo caso, nella speranza approfittane per scuotere la situazione. Quando, dopo la vittoria dello ZePresident, il piano "A" non ha funzionato, si è deciso di non cambiarlo radicalmente, ma di applicare un piano "C" modificato, progettato per costringere il regime di Kiev a cooperare a condizioni favorevoli per Mosca mediante pressioni economiche. Putin non ha tempo di aspettare che Vova TheLensky diventi maturo per prendere decisioni indipendenti. Il Cremlino ha finalmente capito il pericolo della posizione neutrale che aveva precedentemente assunto sull'Ucraina e include il regime costringendo il territorio caduto dal taglio alla pace e all'amicizia. Finora misure esclusivamente economiche, ma dure. Non aiuterà, includeranno misure di influenza politico-militare (con il riconoscimento della LPNR e altre conseguenze che ne derivano, le persone con esperienza nell'Ossezia meridionale saranno più utili che mai).

La vacanza turca di Vova Zelensky


Il fatto che il piano "C" abbia funzionato, è diventato chiaro non appena sono trapelate le informazioni sul "tour turco" del nuovo presidente dell'Ucraina. Allego qui un link all'intervista di Oleg Tsarev al canale News-Front, ci interessa un frammento del suo intervento dalle 14:10 min.


Oleg Tsarev ha un'intuizione unica, informazioni assolutamente chiuse da fonti affidabili e affidabili, che in parte esprime, scusandosi del fatto che, per ovvie ragioni, non può dire di più. Ma anche da quanto detto risulta chiaro che Mosca è tornata in gioco. Il fattore oligarchico è abituato al programma completo, i canali per l'approvvigionamento delle materie prime e la vendita dei prodotti finiti sono punteggiati (quest'ultimo riguarda solo Pinchuk), il consenso oligarchico che si è sviluppato durante il rovesciamento di Poroshenko è splendidamente dilaniato, e Mosca gioca ancora sui conflitti di lunga data e sulle contraddizioni interne dell'oligarchia ucraina, opponendosi agli interessi della cosiddetta oligarchia ucraina. "Lavoratori del gas-petrolchimici" (Kolomoisky e Firtash) e "ingegneri energetici-metallurgici" (Akhmetov e Pinchuk). Il lavoro dei servizi speciali è chiaramente visibile. La loro calligrafia. Surkov con il suo protetto Zurabov poteva solo sognare una cosa del genere. Vova Zelensky qui è solo una pedina in un grande gioco, che non si rende nemmeno conto del tipo di hack in cui è coinvolto.

All'incontro in questione in Turchia è apparso il popolo di Beni Kolomoisky, che siede in Israele senza andarsene e per il quale anche il VVP si è alzato per poter entrare in Ucraina insieme al compagno. Sahak (perché dovrebbe essere? Non hai domande? Perché tanta generosità dal PIL, non hai pensato? Il PIL, in generale, invano non chiede nessuno, ma qui ha iniziato a parlare, dimenticandosi delle lamentele passate, ma ne parleremo più avanti). Oltre al popolo di Beni, anche il popolo di Dmitry Firtash è stato visto in Turchia (Firtash, come Benya, è limitato nei movimenti - sigillato da un'indagine penale a Vienna) e Viktor Medvedchuk (personalmente). Ma né Rinat Akhmetov né Viktor Pinchuk, né la loro gente erano lì! Cosa serve? Perché una tale disgrazia? Spiego: la Russia è tornata in gioco. Sia Firtash che Kolomoisky sono fortemente interessati al gas russo a buon mercato, senza di esso la loro attività ha già ricevuto un tubo. Benya è anche interessato a un embargo sul carburante dalla Russia, dal momento che diventa quindi l'unico produttore di benzina e gasolio in Ucraina, riceve petrolio dall'Azerbaigian e possiede l'unica raffineria di petrolio operativa del paese (la raffineria di Kremenchug). E una pipa con un solarium dalla Russia è nelle mani di Medvedchuk (chi è Medvedchuk, spero tu non l'abbia ancora dimenticato?). E il rubinetto di questa pipa è nelle mani di Medvedev. Così come il rubinetto delle forniture di carbone, senza il quale non solo Akhmet e Pinchuk e le loro imprese metallurgiche riceveranno uno skiff completo, ma anche l'intera industria energetica ucraina, che, per metà grazie agli sforzi di Confectioner e Akhmet, è stata trasferita dalla generazione di gas alla generazione di carbone. Ecco una combinazione complicata. Lo schema inizia a funzionare il 1 giugno di quest'anno. E cosa succederà il 1 giugno? Sembra che il piccolo Johnny Ze ascenderà al regno. Ed ecco un tale agguato! E su tutti i fronti. Niente benzina, niente gasolio, niente GPL, niente carbone. Il papà di Lukashenka non sarà in grado di girare; il rubinetto stesso è stato chiuso fino alla fine del 2019. Cosa fare?! Affare di tromba! Ancora peggio: crollo, apocalisse! E poi Vova Putin appare tutta bianca e dice: "Ragazzi, viviamo insieme!" Inoltre, la parola "vivere" qui deve essere presa alla lettera. Chi non vuole vivere in armonia può scegliere di non vivere affatto. Non credermi, chiedi a zio Trump!

E anche lo zio Trump ha una quota. La sua conversazione telefonica di un'ora e mezza con il vicepresidente e il successivo viaggio in navetta del Segretario di Stato americano Mike Pompeo a Sochi invece che a Berlino, dove si è incontrato alternativamente con Lavrov e Putin, ne è una conferma vivente. Se hai dei dubbi su questo, guarda Benya Kolomoisky. Gli Stati Uniti avevano tutte le opportunità, se avesse interferito con loro, di sigillarla alla Terra Promessa, con la quale, come sapete, non c'è estradizione, con vari procedimenti penali, come hanno fatto con Dmitry Firtash, sigillata da un'indagine criminale a Vienna ed non lasciare il posto. Ma no, Benya è già a Kiev e sta rilasciando interviste, introducendo i suoi recenti colleghi sul Maidan in uno stato di malumore. “Maidan può essere tranquillamente definito un male assoluto, poiché è stato lui a portare alla perdita del Donbass, della Crimea e di 1,5 milioni di cittadini ucraini, nonché a una prolungata crisi economica. La cosiddetta rivoluzione della dignità ha provocato un conflitto civile nel sud-est del Paese, che sta ancora distruggendo l'Ucraina ”, ha detto in una recente intervista al noto giornalista ucraino Denis Bigus. Niente qui ti confonde? Non molto tempo fa, in Ucraina c'era una scadenza reale per tali parole. A quanto pare Benya sa qualcosa! È probabile che il presunto incontro di Zelenskyj con Trump chiarirà la questione. Con un solo emendamento: questo incontro, se avrà luogo, avrà luogo dopo l'incontro di Trump con il PIL a margine del vertice del G13, che si terrà a Osaka, in Giappone, il 20-28 giugno. Su cosa saranno d'accordo lì, solo Dio lo sa.

Ma Benya e il compagno. Sahak è già a Kiev. E sembra che questo fosse esattamente ciò che chiedeva il nuovo PIL di ZePresident. E ha subito ottemperato a questa richiesta. Cosa serve? Perché VVP ha chiesto di restituire il passaporto? Sahak e Benyu dall'esilio israeliano? Stiamo assistendo a un altro astuto piano del PIL? Dopo tutto, Benya e il compagno. I Sahak sono nati assassini-distruttori, combatteranno così duramente "per la pace nel mondo" che non lasceranno nulla di intentato lì. Dalla nascita sono affilati per questo e lo hanno dimostrato con tutta la loro vita successiva. E i complici di Rotterdam + Petya e Akhmet lo capiscono molto bene e stanno già cercando dei buoni avvocati e penseranno di fuggire dal Paese. Ma dove? Non c'è scampo dalla corte americana! E cosa fare con il superlavoro rubato? Non puoi portare affari con te. E i nuovi futuri proprietari di queste imprese si stanno già fregando le mani in gioiosa attesa. E Benya è il primo nelle "liste per il miglioramento delle condizioni abitative". E se non mi dispiace per Pasticcere, il 73% della popolazione del Paese sogna solo di vederlo appeso a testa in giù per i piedi sul primo albero che incontra, poi Rinat Leonidovich è un peccato, non meritava una tale quota, di tutti gli "oligatori" era il più sano di mente, ma è andato a dare da mangiare agli squali affari, come l'insaziabile Igor Kolomoisky.

Donald Ibrahimovich si occuperà personalmente del genero di Kuchma, Pinchuk. Non aveva senso per lui attaccare i suoi Faberges da nessuna parte, con il canestro di Soros, si è chiaramente eccitato. E Trump è un uomo vendicativo e vendicativo. E Pinchuk lo scoprirà molto presto sulla propria pelle, visto che il suo Fabergé è già sulle macine dello scandalo promosso da Trump sull'ingerenza dell'Ucraina nelle elezioni americane del 2016. Ed era di Pinchuk di cui ha parlato l'avvocato di Trump, Rudolph Giuliani, quando ha detto che ci sono nemici personali di Donald Ibrahimovich nella cerchia del nuovo presidente, e per niente di Kolomoisky. Il compito di Trump è spazzare via questi nemici dal nuovo presidente e può facilmente far fronte a questo compito. Sembra che sia stato raggiunto un consenso con la Russia su questo tema, i repubblicani e Trump non hanno bisogno della guerra in Ucraina, i democratici ne hanno bisogno, e Trump ha abbastanza problemi anche senza l'Ucraina, non se la caverà da solo, quindi è pronto a considerare le opzioni per cosa scambiarla. , che e molte altre cose saranno discusse durante i suoi prossimi negoziati con il PIL alla fine del prossimo mese a margine del vertice di Osaka. Sembra che il vento fresco del cambiamento, di cui hanno parlato gli oppositori del presidente uscente Petro Poroshenko, non sia arrivato da Bankova, e nemmeno dall'argine della città israeliana di Herzliya, dove Benya Kolomoisky era stato fino a poco tempo fa, ma da Capitol Hill a Washington, e dal "riposo" turco. Zelenskyj ne è una chiara conferma.

Ogni successiva proposta di Putin è peggiore della precedente. Chi non l'ha ancora capito?


Sembra che papà Lukashenka non l'abbia ancora capito. Ecco gli ultimi notizie dalla Bielorussia, chiedo loro di considerarli nel contesto di quanto sopra (nella parte 2), per quanto riguarda il problema del prossimo transito del potere-2024 e le modalità della sua soluzione. Citerò solo la fonte e trarrò le tue conclusioni.

Non ci sarà più sostegno a Putin: è tempo che l'élite politica bielorussa pensi al nuovo leader della repubblica.

Due fonti nella RF AP hanno confermato le informazioni che dopo la storia del gasdotto Druzhba (che il presidente della Bielorussia Alexander Lukashenko ha apertamente cercato di utilizzare per screditare non solo la Russia come partner affidabile, ma anche Vladimir Putin personalmente alla comunità internazionale), c'è stata una svolta nella comunicazione tra i capi dei due stati.

Fino a questo punto, Vladimir Putin in qualsiasi ambiente ha dimostrato la parità tra Russia e Bielorussia e ha concordato quando Lukashenko ha detto che i due presidenti erano vecchi amici e avrebbero risolto qualsiasi problema l'uno con l'altro.

Ma a partire dall'incontro di Pechino (quando Lukashenka "è andato fuori di testa" alla presenza di Nazarbayev), Putin di fatto comunica con Lukashenka in modo enfaticamente freddo e "a distanza", nota il canale del Cremlino Bezbashennik TG.

La parte russa ha effettivamente avanzato un ultimatum (per la prima volta i suoi parametri sono stati discussi in inverno a Sochi, presso il famoso "deposito sci" di Putin e Lukashenko) - oppure Lukashenko avvia [un referendum] la procedura per l'unificazione della Federazione Russa e della Bielorussia, a seguito della quale Putin sarà a capo degli Stati Uniti, e Lukashenko diventerà il segretario Il Consiglio di sicurezza, o presidente della Bielorussia, avvia la procedura per il trasferimento del potere a un successore (è stata discussa la candidatura di Viktor Lukashenko). Di recente, Vladimir Putin ne ha parlato dietro le quinte con Nursultan Nazarbayev, la cui opinione apprezza molto (nota - infa del 30 maggio).

Entrambe le opzioni proposte sono state finora respinte dal punto di vista emotivo dallo stesso Alexander Lukashenko. Allo stesso tempo, l'AP della Federazione Russa sta elaborando un'opzione di riserva per "pacificare" Lukashenko: si tratta di preparare un decreto del Presidente della Russia sull'acquisizione gratuita della cittadinanza russa per i residenti della Bielorussia.


In relazione a quanto sopra, ricordo immediatamente la proposta di Putin, da lui espressa in occasione della stampa dopo la sua ultima visita in Cina il 27 aprile di quest'anno, dalle 12:56, sulla possibilità di concedere la cittadinanza russa con una procedura semplificata non solo ai residenti della LPR, ma anche a tutti i cittadini. Ucraina, che ha espresso un desiderio simile.


E la sua scelta con il neoeletto presidente dell'Ucraina su questo argomento.


A proposito, si parla anche del ripristino dei diritti di noti compagni georgiani espulsi dall'Ucraina, così come di alcuni oligarchi ucraini nascosti nella Terra Promessa, di cui ho scritto sopra.

E qui, tornando al tema della possibile concessione della cittadinanza russa ai cittadini dell'Ucraina, e ora anche della Bielorussia, vorrei richiamare la vostra attenzione sulle parole del PIL che

Se in Ucraina rilasciano passaporti ai russi (cosa che Zelensky ha deciso di spaventare VVP), e in Russia rilasciano passaporti e cittadinanza agli ucraini, prima o poi arriveremo inevitabilmente al risultato atteso: tutti avranno un'unica cittadinanza, il che è il benvenuto!


E so anche chi sarà a capo di questo stato unito. Putin spinge magistralmente Zelenskyj in uno stretto corridoio decisionale. Allo stesso tempo, agendo nel suo modo preferito, quando ogni frase successiva è peggiore della precedente. E Vova Zelensky, come papà Lukashenko, che ha reagito in modo errato alla prima, molto vantaggiosa offerta, si è subito imbattuta nella seconda, molto peggio della precedente. La prima proposta di Zelensky dal PIL riguardava la soluzione della questione del Donbass, con il papà a sacrificare la sovranità in cambio di una comoda vecchiaia. Entrambi hanno rifiutato, ora entrambi corrono il rischio di restare senza cittadini come presidenti e non il fatto che con i territori. Perché contrariamente alla credenza popolare che Putin abbia bisogno delle persone, non dei territori, Putin ha bisogno sia delle persone che dei territori. Perché Putin è uno statista! Non disperde le sue terre, come le persone. Lo sottolineo in particolare per tutti i russi testardi, come il mantra della fiaba sui non fratelli ucraini, che hanno imparato dai manuali americani, mi diceva già da 5 anni. Dimostrando con questo solo due assiomi, che per gli idioti impossibili, niente è impossibile - questo è il primo. E che un utile idiota è peggio di un traditore, il secondo. Bene, va bene, il tempo guarisce e non così ...

Come può l'Ucraina rompere il piano di Putin. Sei consigli per Zelensky


Finalmente siamo arrivati ​​al punto di partenza. Per giustificare le speranze dei turbo-patrioti lapidati che hanno padroneggiato questo testo, sebbene li avessi avvertiti di non farlo, ora brevemente, in sei tesi, delineerò cosa deve fare il Presidente per rompere il piano del PIL. La paternità non mi appartiene, la paternità di Maxim Goldarb è un noto avvocato ucraino, revisore dei conti che ha lavorato per 14 anni in vari incarichi presso la procura e presso il ministero della Difesa (in quest'ultimo, prima di Maidan, ha diretto il dipartimento di Audit interno e controllo finanziario del ministero della Difesa), colonnello della Riserva, Senior Consigliere di giustizia, ha il 3 ° grado di un dipendente pubblico, ora il miglior presentatore televisivo sul canale televisivo NewsOne, tra l'altro, coetaneo di Zelensky. Ascolta una persona intelligente, è breve, solo 6 minuti.


Per i pigri, ripeterò la cosa più importante nelle tesi. Goldarb consiglia al neoeletto presidente, rivolgendosi a lui con un accento su "tu", di iniziare con i primi 6 passaggi:

1. Fare la prima visita alla LPNR, senza dimenticare con quale motto è salito al potere, il suo primo compito è fermare la guerra, ritirare le truppe;
2. Fai una seconda visita a Mosca, hai accumulato abbastanza domande, puoi iniziare con lo scambio di prigionieri, tutti per tutti;
3. Siediti al tavolo delle trattative trilaterali con Stati Uniti e Federazione Russa, prova di nuovo a diventare un soggetto, non un oggetto della politica;
4. Per revocare il blocco del Donbass;
5. Fermare l'illegalità tariffaria, revocare le firme di Poroshenko sui memorandum con il FMI sull'aumento delle tariffe per la popolazione;
6. Sottoporre alla Rada l'idea delle dimissioni del Procuratore generale, del capo della Banca nazionale, del ministro degli Affari esteri, del ministro della Difesa, del capo della SBU (allo stesso tempo Goldarb taceva modestamente sul capo del ministero dell'Interno).

Per conto mio aggiungerei a questo una valutazione della legge sulla lingua, l'avvio di procedimenti penali contro Poroshenko e il suo entourage e lo scioglimento della Rada. Quale delle seguenti azioni ha fatto il nuovo presidente? Finora, solo la clausola 6 e lo scioglimento della Rada. C'è qualche speranza che il resto dei punti venga soddisfatto? Stranamente, debole, ma c'è. Ora stiamo apportando emendamenti per le imminenti elezioni parlamentari e un tentativo da parte dei neoeletti di sedere su due sedie contemporaneamente, sperando di raccogliere voti per il suo partito Servo del Popolo da entrambe le sponde del Dnepr. Inoltre, non dimenticare chi c'è dietro di lui e che non è un rivoluzionario nello spirito, ma un rivoluzionario nelle circostanze. Non ho grandi illusioni su di lui, dato che è un prodotto dell'era post-sovietica e la sua mente non è gravata da ideologemi sovietici. Sfortunatamente! Per lui l'Ucraina è la sua patria, Putin gli ha rubato personalmente la Crimea. Questo è un luogo comune per le persone nate dopo il 1979. In generale, il 1979 è un punto di svolta. Durante il crollo dell'Unione nel 1991, avevano 12 anni o meno e la loro formazione come persona avvenne già nell'Ucraina indipendente, con tutte le conseguenze che ne seguirono. Ci sono alcune piacevoli eccezioni, ma confermano solo la regola. Queste persone ora stanno combattendo nel Donbass nelle file delle forze armate dell'Ucraina, hanno un completo disastro nelle loro teste, tutto è complicato lì. Non so cosa ci sia nella testa di Zelenskyj, anche se lo conosco personalmente. A proposito, è nato nel 1978, se quest'anno giocherà un ruolo decisivo, vedremo. Mi affido di più al fattore personale e alla curtosi dell'esecutore. Credimi, ci sono abbastanza ambizioni. Diventare il salvatore della Patria è uno di loro. Da Zelenskyj arrivò il reggimento di Napoleoni - questo è certo! L'unica cosa di cui sono sicuro è che l'argomento tomos, lingua e guerra scomparirà da solo. E questo è il punto principale! Stanno ancora contrattando con la guerra, ma la tendenza è già chiara. Questa è la sua fine! Inoltre, solo il ritiro delle truppe. Tuttavia, l'entourage di Ze non aggiunge gioia, sebbene ci siano tutti i pragmatici. Sto parlando di burattinai e troveranno il GDPR insieme a Trump. Ho già trovato! Anche se, se Zelenskyj approfittasse del piano Goldarb, il piano "C" del PIL dovrebbe essere adeguato. Quello che accadrà, lo vedremo, la storia viene scritta davanti ai nostri occhi.
15 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. kgv51 Офлайн kgv51
    kgv51 (Gennadia) 4 June 2019 12: 43
    +1
    Effetto interessante ...
    Ho letto l'articolo e in alcuni punti ho sentito chiaramente la voce di Zelenskyj dal film "Servant of the People" ...
  2. Oleg RB Офлайн Oleg RB
    Oleg RB (Oleg) 4 June 2019 12: 49
    -4
    Per riassumere: la questione attesa da tempo di unire Ucraina, Bielorussia, Polonia e Stati baltici in un'unica unione economica deve essere affrontata. Per la Federazione Russa è molto giocato nel Fuhrer.
    1. gorbunov.vladisl Офлайн gorbunov.vladisl
      gorbunov.vladisl (Vlad Dudnik) 4 June 2019 16: 08
      +3
      ..unificazione di Ucraina, Bielorussia, Polonia e Stati baltici ...

      Quindi questo è il Commonwealth.
      Che, ho perso i batog.
      I polacchi saranno felicissimi. Con così tanti bovini, andranno sicuramente in pan. lol
    2. Gunter preen Офлайн Gunter preen
      Gunter preen (Gunter Preen) 5 June 2019 09: 39
      0
      Unione economica. Esiste una scienza economica in Bielorussia? O il deficit della Polonia è soffocato?
      1. Oleg RB Офлайн Oleg RB
        Oleg RB (Oleg) 5 June 2019 10: 02
        0
        Quanto sei divertente e formidabile buono
        1. Gunter preen Офлайн Gunter preen
          Gunter preen (Gunter Preen) 5 June 2019 16: 41
          0
          Io sono gentile! Ma non gentile!
  3. kriten Офлайн kriten
    kriten (Vladimir) 4 June 2019 15: 00
    0
    L'intelligente Chukchi scriveva con una fantasia malata. Tutto è semplice, come è scritto nella Bibbia: ciò che è stato sarà. I passaporti sono una cosa da dichiarare, e chi li riceverà e quando? Soprattutto quando c'è una squadra che non ha fretta. Nessuno ha annullato l'indulgenza emessa a Minsk per l'omicidio di cittadini delle repubbliche del Donbass. Commercio di prodotti petroliferi solo su autorizzazione? Quindi questi permessi sono dati da coloro che ricevono tangenti su questo, ecc. Un circolo vizioso di tradimento. No, avrebbero introdotto dazi sia sulle esportazioni che sulle importazioni di almeno il 50-70 per cento, i cui soldi sarebbero andati al Donbass. È necessario strangolare i nazisti e non dipingerli come fratelli.
    1. Oleg RB Офлайн Oleg RB
      Oleg RB (Oleg) 4 June 2019 18: 02
      -1
      Sì, è costantemente qui in questo modo - da vuoto a vuoto, versando 100500 volte qui. Non sa come scrivere articoli semplicemente: mille parole che un altro autore inserirebbe in un breve paragrafo + più volte per articolo ripete ciò che ha scritto sopra.
      O lottando per il numero di lettere.
      Divertente comunque, lascialo scrivere sorriso
  4. YUG64 Офлайн YUG64
    YUG64 (Yury) 4 June 2019 17: 59
    0
    In questa vasta opera, un posto mi rimaneva incomprensibile ... Di quali errori esattamente del Cremlino parlava cinque anni fa l'autore? Forse era necessario, a suo avviso, conquistare urgentemente tutta l'Ucraina, o, al contrario, aspettare le navi americane a Sebastopoli? Cosa avrebbe dovuto fare esattamente il Cremlino? , essendo inizialmente guidato in questa festa win-win per gli anglosassoni? Peccato che una persona così intelligente non abbia sviluppato i suoi pensieri indubbiamente più intelligenti in questa direzione, mi piacerebbe ..
    1. Volkonsky Офлайн Volkonsky
      Volkonsky (Lupo) 5 June 2019 12: 14
      0
      https://topcor.ru/6041-rokovaja-oshibka-putina.html
      1. YUG64 Офлайн YUG64
        YUG64 (Yury) 5 June 2019 14: 32
        0
        Tutto è chiaro con te. Sono contento di non essermi sbagliato su di te. Putin, avendo inviato truppe in Ucraina nel 2014, avrebbe messo nelle sue mani un argomento di ferro e indistruttibile sull'eterna aggressione del Cremlino e che è la Russia la colpa di i cittadini non sono entrati nel paradiso europeo, le pensioni di 1000 hryvnia, ecc., non sono andate via e non si sarebbe potuto fare nulla. Putin ha agito con saggezza, e ora sempre più persone in Ucraina capiscono che è stato spudoratamente mentito, che l'Occidente è un predatore e non un amico. E - questo non è compreso dalla mente, ma dalla propria pelle - dal miglior apparato analitico. Sì, la matrice dell'informazione fa il suo lavoro - ma qualsiasi propaganda può essere onnipotente per un tempo limitato. Le persone hanno qualcosa di meraviglioso in questo dictum: "qualsiasi sciocchezza ha le gambe corte". Ora, quando l'Euro-rai promesso non è accaduto, la principale carta vincente della propaganda è stata eliminata. Aspetteremo che si faccia la sbornia. Arriverà - nel nostro tempo di Internet è impossibile mentire all'infinito a tutti. Ma per coloro che lo vogliono rapidamente e tutto in una volta - Risponderò ad un'altra gente saggezza: "Presto nasceranno solo gatti".
  5. M Nazarov Офлайн M Nazarov
    M Nazarov (M Nazarov) 5 June 2019 16: 08
    +1
    l'intera industria dell'energia termica ucraina, che, per metà grazie agli sforzi di Confectioner e Akhmet, è stata trasferita dalla generazione di gas alla generazione di carbone.
    Per quanto ho capito, le centrali elettriche sono state convertite a carbone dal gruppo del gas. E l'antracite è necessaria proprio per la metallurgia. Quindi cosa minaccia la generazione a carbone dal carbone ucraino?
    1. Volkonsky Офлайн Volkonsky
      Volkonsky (Lupo) 6 June 2019 06: 37
      0
      Non considerarti il ​​più intelligente - https://projects.censor.net.ua/logcoal/. Soprattutto quando non capisci il problema. Apri il link.
  6. Sergey Latyshev Офлайн Sergey Latyshev
    Sergey Latyshev (Serge) 6 June 2019 09: 34
    +1
    Molte lettere non sono rilevanti. scritto in modo intelligente, ma infinite divagazioni "I, I, I, I", ecc. abbattere l'intero punto.
    1. Oleg RB Офлайн Oleg RB
      Oleg RB (Oleg) 6 June 2019 18: 31
      0
      L'ho notato molto tempo fa. Le persone non sono in grado di presentare l'essenza, questo è ovvio. Ma l'AMMINISTRAZIONE apparentemente soddisfa.