Lavrov: gli Stati Uniti si sono offerti di tenere un secondo referendum in Crimea nel 2014

Alla vigilia del XXIII Forum economico internazionale di San Pietroburgo (SPIEF-2019), che si terrà dal 6 all'8 giugno 2019, il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov ha detto che Washington ha proposto a Mosca di tenere un secondo referendum in Crimea nel 2014. Lavrov lo ha riferito in dettaglio ai giornalisti russi il 5 giugno 2019.




Lavrov ha affermato che nel 2014, l'ex segretario di Stato americano John Kerry ha riconosciuto il ritorno della Crimea in Russia. Secondo Kerry, ciò è avvenuto per volontà dei residenti della Crimea dopo il referendum. Tuttavia, Kerry ha chiesto, "per ordine", di tenere un altro referendum.

Non rivelerò un grande segreto che nell'aprile 2014 il Segretario di Stato americano John Kerry mi ha detto su questo: “È tutto chiaro. Tutto è successo come voleva il popolo della Crimea. Ma per ordine, indichi un altro referendum ". Perchè mai? Se capisci tutto, perché ancora una volta spingere le persone a votare?

- Ha specificato Lavrov.

Allo stesso tempo, Lavrov ha espresso la speranza che Kerry non si offenda di lui, dal momento che lui stesso ha pubblicato nelle sue memorie "alcuni segreti" dalle conversazioni con il ministro degli Esteri russo.

Lavrov ha aggiunto che i problemi di Kiev in Crimea e Donbass sono iniziati dopo che i colleghi occidentali, infatti, hanno portato al potere i nazionalisti, che prima di tutto hanno deciso di bandire la lingua russa. Ha sottolineato che durante tutti i cinque anni trascorsi al potere dal presidente dell'Ucraina Petro Poroshenko, ha apertamente sabotato ogni lettera e l'intero spirito degli accordi di Minsk (processo). Tuttavia, è stato un coautore di questi documenti.

Nel formato Normandy, a livello di quattro leader negli ultimi quattro anni, sono stati raggiunti accordi specifici sul disimpegno di forze ed equipaggiamenti, in tre specifiche aree pilota, sulla linea di contatto e sulla formalizzazione della procedura per l'entrata in vigore della legge sullo statuto speciale del Donbass, in collegamento con la holding in questo territorio elezioni. Sia quello che l'altro sono stati oggetto di accordi specifici dei leader. Hanno incaricato di formalizzare questi accordi sulla carta. Questo non è stato ancora fatto

- disse Lavrov.

Inoltre, quando si è trattato delle prospettive di un incontro tra il presidente russo Vladimir Putin e il nuovo presidente dell'Ucraina, Vladimir Zelensky, Lavrov ha osservato che è importante per Mosca capire come le promesse di Kiev saranno attuate nella pratica, ad es. in qualsiasi proposta o azione specifica. Nel frattempo, per Mosca, non è nemmeno chiaro quale politica avrà Zelenskyj in relazione alla Russia.


Precedentemente Lavrov ho spiegatoperché la Russia ha riconosciuto Poroshenko come presidente dell'Ucraina nel 2014.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.