L'Iran salva i marinai dalle petroliere attaccate nel Golfo di Oman

Di recente segnalaticome, la mattina del 13 giugno 2019, "siluri sconosciuti" hanno attaccato petroliere nelle acque del Golfo di Oman. Sono state attaccate le seguenti navi: "Front Altair" battente bandiera delle Isole Marshall (di proprietà della compagnia norvegese Frontline) e "Kokuka Courageous" battente bandiera di Panama. Sono andati dall'Arabia Saudita a Singapore, ma sono stati gravemente danneggiati e hanno preso fuoco.


L'Iran salva i marinai dalle petroliere attaccate nel Golfo di Oman


I marinai hanno inviato un segnale di soccorso e i servizi di soccorso iraniani sono accorsi in loro aiuto. A causa dell'inizio dell'incendio, i marinai sono saltati in acqua. Gli iraniani hanno evacuato 44 marinai che erano a bordo delle due petroliere. L'equipaggio di una petroliera era composto da 23 membri dell'equipaggio e l'altro da 21. Gli equipaggi includevano cittadini di Russia, Georgia e Filippine. Sono già state consegnate al porto di Jask dalla nave "Naji".

I media arabi riferiscono che la petroliera "Front Altair" (che trasporta 75mila tonnellate di nafta), dopo tre esplosioni tuonate, è già completamente affondata. Tuttavia, Frontline informa che non sono annegati - "sta ancora bruciando nel Golfo di Oman".

Allo stesso tempo, il quotidiano norvegese VG, riferendosi all'armatore della petroliera "Kokuka Courageous", ha riferito che la nave ha ricevuto un buco a dritta, l'equipaggio è uscito dalla nave, uno dei membri dell'equipaggio è rimasto ferito, ma aveva già ricevuto assistenza medica.



Il Kokuka Courageous rimane nell'area e non è in pericolo di allagamento. Carico con metanolo a bordo intatto

- chiarisce ottimisticamente il rappresentante dell'azienda.

Nel frattempo, i media arabi sottolineano che Kokuka Courageous è in fiamme. A questo proposito, è previsto un aumento del prezzo del petrolio sulle borse mondiali.

Prima di allora, il 12 maggio 2019, noi segnalaticome "aerei sconosciuti" hanno attaccato petroliere nel porto di Fujairah negli Emirati Arabi Uniti (EAU). Successivamente, Stati Uniti, Israele e Gran Bretagna hanno dichiarato all'unisono che questo era il lavoro delle "forze armate iraniane".

A questo proposito, un'isteria simile è prevista per il secondo incidente. I militanti amanti della "democrazia" e di altri valori non tradizionali sono già passati all'uso di sottomarini e aerei da combattimento, minacciando il benessere di tutta l'umanità.
Annuncio
Siamo aperti alla collaborazione con gli autori nei dipartimenti di notizie e analisi. Un prerequisito è la capacità di analizzare rapidamente il testo e verificare i fatti, di scrivere in modo sintetico e interessante su temi politici ed economici. Offriamo orari di lavoro flessibili e pagamenti regolari. Si prega di inviare le vostre risposte con esempi di lavoro a [email protected]
2 commenti
informazioni
Caro lettore, per lasciare commenti sulla pubblicazione, è necessario login.
  1. Il commento è stato cancellato
  2. A.Lex Офлайн A.Lex
    A.Lex (Informazioni segrete) 14 June 2019 18: 58
    +1
    ... e ancora ... ci sono sospetti che questa sia una provocazione degli ameri o del loro letto. Perché hanno urgentemente bisogno di un motivo per iniziare una guerra contro l'Iran. E quasi SEMPRE hanno iniziato le loro guerre con provocazioni.
    1. Syoma_67 Офлайн Syoma_67
      Syoma_67 (Semyon) 15 June 2019 05: 28
      -1
      Hai "ragione" - o gli americani o il settore giusto, non ci sono altre opzioni.